Utente 525XXX
Salve, sono un ragazzo di 29 anni vivo a Londra da cinque mesi per lavoro.
A fine febbraio ho cominciato ad avere problemi d'insonnia, con la melatonina sembra che riesca quasi sempre a dormire, ma nelle ultime settimane è accaduto un fatto un po' particolare.
Sono dovuto tornare nel mio paese in Sardegna, è stato un avvenimento improvviso.
Mia suocera purtroppo dopo una malattia se n'è andata ed io e la mia ragazza siamo rimasti in Sardegna per dieci giorni.
In questi dieci giorni non ho avuto nessuna difficoltà nel prendere sonno e non ho preso la melatonina.
Adesso che sono tornato a Londra però, la storia si ripete e se non prendo la melatonina non riesco a dormire.
Volevo chiedere un consulto qui per questo caso per me molto particolare e antipatico, non ho mai avuto problemi di sonno.
Premetto che a volte sono un po' ansioso, ma negli ultimi tempi ho combattuto e sconfitto il mio nervosismo e le mie ansie.
Ma a quanto pare non sono la causa della mia insonnia, sembrerebbe quasi che sia Londra il problema o forse l'appartamento in cui vivo, è anche vero che non dormo nel letto di casa mia e non è comodissimo.

[#1]  
Dr. Francesco Emanuele Pizzoleo

32% attività
16% attualità
16% socialità
MAGLIE (LE)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2016
Gentile ragazzo,

Molto spesso, al di là delle comuni credenze, l’insonnia (che andrebbe diagnostica da un collega psicologo psicoterapeuta o da un medico psichiatra perché ci sono varie forme con intensità, frequenza, durata e gravità differenti) non è quasi mai primaria. Che vuol dire? Vuol dire che alla base sono riscontrabili fattori ansiosi, umorali e stressogeni, e da quanto scrive verosimilmente note stressogene potrebbero esserci eccome:
- trasferimento da poco a Londra
- lontananza da casa e dagli affetti
- lutto subito
Etc etc

Detto ciò, dato che i colleghi inglesi sono molto bravi e ferrati nella diagnosi e cura di disturbi del sonno, potrebbe rivolgersi ad un collega psicologo psicoterapeuta cognitivo comportamentale per avere una diagnosi e valutare la possibilità di un percorso terapeutico che non deve necessariamente essere lungo. Serve un po di padronanza di lingua britannica, pazienza e aderenza alle indicazioni del Collega curante.

Intanto provi per qualche settimana con qualche accorgimento/regole per l’igiene del sonno:
Andare a letto e svegliarsi sempre alla stessa ora
evitare di dormire il pomeriggio
Effettuare attività fisica la mattina e mai in tarda serata
Mantenere in camera da letto una temperatura ideale (18 C), un’oscurità ottimale e un’atmosfera silenziosa
Utilizzare il letto solo per dormire o per l’attività sessuale. Altre attività come mangiare, leggere o guardare la televisione non dovrebbero essere fatte a letto
Non svolgere attività stimolanti prima di andare a dormire
Evitare di assumere caffè, sostanze eccitanti e alcolici prima di andare a letto
Fare un bagno caldo un''ora o due prima di addormentarsi
Smettere di fumare ( I fumatori sono infatti statisticamente più colpiti da insonnia)
Se non si riesce ad addormentarsi entro la prima mezz’ora alzarsi e far altro (leggere, fare un bagno caldo) finchè non si avverta il bisogno di ritornare a letto.

Intanto provi con queste regolette
Magari risolve...
Provi a cambiare anche materasso prendendone uno più comodo e consono alle sue esigenze.
Occorre provare per adesso.

se desidera poi si faccia risentire
e Condoglianze vivissime per sua suocera

Cordiali saluti
Dr. Francesco Emanuele Pizzoleo. PsyD. Psicoterapia cognitiva e cognitivo comportamentale.