Utente 280XXX
Buongiorno sono qui per chiedere un consiglio.
Parto dal fatto che sto con questo uomo da 7 anni e che conviviamo da quasi 1 anno (io 30 anni lui 42). Abbiamo sempre parlato di matrimonio e di figli, soprattutto ultimamente.
Tutto ciò per arrivare a raccontare che il weekend scorso siamo andati a casa dei suoi genitori che per motivi di distanza io non avevo mai conosciuto di persona ma solo parlato con loro per telefono e qualche videochiamata.
Durante la nostra permanenza lì i suoi famigliari hanno spesso parlato di "quell'altra" anche con frasi non troppo carine e continuando a fare paragoni con me, finché il padre ad un certo punto chiede che anno si sono sposati.
Non solo la sorella che era lì con noi ad un certo punto ci chiede se avavamo intenzione di sposarci e chiede al fratello se era ancora separato o aveva divorziato, lui ovviamente cerca di sviare e la sorella si rivolge a me pensando lo sapessi.
ho lasciato correre lì per lì liquidando l argomento con un "non lo so" anche perché loro non potevano sapere che io non sapessi nulla.
Ed è in quel momento che ho saputo che si era sposato.
Con tutta la calma e la razionalità del mondo ho introdotto il discorso con lui quando eravamo soli spiegandogli che la cosa che mi aveva fatto rimanere male era di non averne mai accennato nulla con me. Posso capire che è finita che è una storia vecchia e magari che sia stato anche un periodo doloroso, e che lui, quando chiude con una persona, chiude punto non torna sui suoi passi (per farle capire non parla Con l' altra Sorella da anni per divergenze tra di loro) però non stiamo parlando di una storia delle tante, si sono sposati e penso di aver avuto il diritto di saperlo. Comunque parlandone e dicendogli cosa sentivo in quel momento mi sono sentita rispondere
" sono cose passate e io non voglio vivere nel passato poi se voi volete vivere nel passato e fare paragoni, fate voi".
Ci sono rimasta malissimo, la notte ho dormito poco e niente. Ho sempre vissuto la nostra storia con molta tranquillità, ora però mi sembra come di non essere più la cosa più importante per lui, e so che non è una cosa sensata ma è come se nascondendomi questa cosa l abbia fatta diventare più importante di quello che poteva essere un realtà. Non so come spiegare ma è come se tutto quello che avevamo progettato perdesse di importanza.
E sapere che ha condiviso delle cose così importanti con un altra persona mi destabilizza... Forse perché fino ad ora credevo ingenuamente di essere la prima con cui aveva il desiderio di condividere matrimoni o figli.
Non capisco se è la mia ad essere una reazione esagerata, e il fatto che lui non vuole nemmeno toccare l argomento per chiarire la situazione non mi tranquillizza.
Grazie mille in anticipo per il vostro tempo e la vostra risposta

[#1]  
Dr.ssa Angela Pileci

52% attività
20% attualità
20% socialità
SESTO SAN GIOVANNI (MI)
MONZA (MB)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2009
Gentile Utente,

in effetti vivere nel passato (o con i problemi del passato) non aiuta, anzi per moltissimi aspetti può peggiorare la vita delle persone.

Però qui parliamo di una informazione.... d'obbligo; non solo Lei aveva tutto il diritto di sapere, ma non si capisce neppure come mai quest'uomo in ben sette anni di relazione non abbia mai detto nulla con naturalezza di questo aspetto importante del passato.

Ora, senza ingigantire ulteriormente la questione, sarebbe importante capire. Magari ci sono ottime ragioni che a noi sfuggono; in ogni caso, anche in vista di un futuro insieme, non vedo perchè non parlarne con semplicità.

Pensa che il Suo compagno glielo abbia nascosto per qualche ragione specifica?
Dott.ssa Angela Pileci
Psicologa,Psicoterapeuta Cognitivo-Comportamentale
Perfezionata in Sessuologia Clinica

[#2] dopo  
Utente 280XXX

In effetti quello che volevo fare quando ho introdotto con lui l argomento nel momento in cui eravamo soli era proprio parlarne con tranquillità e capire le motivazioni che l hanno spinto a non dirmelo. Ma si è come chiuso a riccio evitando la risposta sminuendo la cosa.
Mi ha anche detto 'sarebbe stato peggio se avessimo avuto dei figli'.
Quello che non riesco a capire è proprio il motivo, saperlo prima non avrebbe cambiato la mia opinione su di lui, sa che su questi argomenti non sono una persona pignola, non è un crimine aver un matrimonio finito non molto bene alle spalle e di certo non avrebbe fatto cambiare nulla tra di noi.
Il fatto che penso non mi renda del tutto serena è questo suo modo di non voler in nessun modo parlare della cosa, mi manca avere un confronto con lui, e questo si ripercuote nella vita quotidiana perché per ogni minina discussione mi viene in mente questa cosa non detta rimasta lì senza essere stata chiusa.. E non credo sia un bene per noi.