Utente 434XXX
Salve in settimana ho avuto una brutta discussione con il mio compagno, presa dalla tristezza e dalla rabbia mi sono sfogata con un amica comune dicendole che lui si comportava male che non stava bene psicologicamente e ed era ho usato proprio questo aggettivo"un uomo di merda" questa amica ha riportato a lui che ne stavo parlando male. il giorno dopo sono andata da lui per un chiarimento e mentre parlavamo tranquillamente mi ha dato uno schiaffone al che io freddata ho chiesto perché e lui mi ha detto che non devo mai permettermi di chiamarlo con quel epiteto. Io ho risposto che se un uomo fa così non sto dicendo una bugia e in tutta risposta mi ha piacchiata e morsa. Adesso per tutti sono io la colpevole del suo atteggiamento sto impazzendo aiuto

[#1]  
Dr.ssa Angela Pileci

56% attività
20% attualità
20% socialità
SESTO SAN GIOVANNI (MI)
MONZA (MB)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2009
Gentile signora,

se davvero è accaduto quello che racconta con le modalità descritte, perchè si preoccupa del fatto che "tutti" (chi? gli amici comuni?) stiano pensando che Lei sia "colpevole"?

Di che cosa sarebbe colpevole?
Di aver tirato fuori l'aggressività nel Suo compagno?
Di essersi sfogata con un'amica?
Di aver rovinato una relazione? O altro?

Cordiali saluti,
Dott.ssa Angela Pileci
Psicologa,Psicoterapeuta Cognitivo-Comportamentale
Perfezionata in Sessuologia Clinica

[#2] dopo  
Utente 434XXX

Si di essermi sfogata, fidata, di aver tirato fuori la sua violenza. È colpa mia? Sono io la colpevole di tutto questo?