Utente 409XXX
Buongiorno cari Dottori,

Dal mio profilo potrete vedere i consulti precedenti che riguardano sempre una persona, il mio ex partner che è stata una figura importante nella mia vita e dal quale mi sono "distaccato" se così si può dire.
La Dottoressa Brunialti è stata davvero cordiale e gentile, soprattutto paziente a "seguire" i miei consulti con le varie ricadute.
Per chi non conoscesse la vicenda, da quasi 2 anni mi riprendo da una convivenza finita molto male, e continuo ad essere ricercato dal mio ex compagno così tanto per chiacchierare come due amici, nonostante inizialmente a me facesse male.
In questo momento sono molto più sereno, sento altri ragazzi e sto lavorando su me stesso. Il dolore è andato via, mi sono ripreso.
Da più di un mese che non si faceva sentire, lui vivendo a Torino e dunque tanti km lontano, me lo ero tolto dalla testa completamente.
Quando ieri, mi scrive un messaggio molto innocente per parlare della mia cantante preferita.. io rispondo per educazione e parliamo come due amici. Scherzando e ironizzando, mi ha fatto una battuta sul sesso.. . mi ha detto che con me andrebbe volentieri a letto per divertirsi. Io ci sono rimasto davvero davvero male. Lui mi ha sempre detto che non era il tipo da letto e da avventure, e me lo aveva ribadito prima di fare queste battute, proprio poche ore prima. Mi disse "non vado a letto con chi capita e non l'ho mai fatto, come ti dissi proprio prima di iniziare la relazione 3 anni fa, ma con te è diverso e lo farei, perché si cambia nella vita".
Non è possibile, mi spiace ma non riesco ad accettarlo. Mi ha preso in giro praticamente, sicuramente lui sarà andato a spassarsela qua e là e poi si permette di scrivermi cose del genere!? ? ! sapendo quanto ho sofferto e quanta fatica ho fatto per rialzarmi dopo quel periodo di depressione.. . e sapendo che io non approvo il rapporto sessuale come forma di divertimento.. . Per me è una mancanza di rispetto nei miei riguardi.. . che poi vuole pure che io prenda l'aereo per andare da lui!! ! Dovrei scomodarmi io dopo tutto ciò che ha fatto lui.. . . orgoglio e faccia tosta da vendere.. Mi chiedo se lo ha fatto per provocarmi o chissà per cosa.. . anche perché viviamo a 1. 450 km distanti, non penso che venga a scrivermi per chiedermi divertimento visto che non potrei nemmeno darglielo, siamo troppo lontani.
Sarò sincero, mi avrebbe fatto piacere risentirlo e magari sentire che era dispiaciuto.. che gli mancavo.. . che voleva sentire il mio profumo, guardare i miei occhi e magari dirmi che avrebbe lottato con tutto se stesso per recuperare il rapporto e rendermi felice.. quello sì, lo avrei apprezzato molto. Ma non accetto che venga a chiedermi sesso per divertimento, perché mai dovrebbe farlo? Forse lui non sa che io ancora mi sento fragile.. Confesso che mi piace molto tutt'ora, e anche fisicamente, però non posso lasciarmi andare così, primo perché ho una dignità e secondo starei male dopo aver avuto un contatto fisico con lui. Non so che dirgli e cosa fare

[#1]  
Dr. Carla Maria Brunialti

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
ROVERETO (TN)
TRENTO (TN)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2012
Gentile utente,

io la prenderei più semplicemente:
lui Le ha espresso una propria voglia, amen.

Tutto il resto sono riflessioni, sentimenti, stati d'animo che appartengono unicamente a Lei che ci scrive.

Sento di poter essere schietta con Lei
proprio perchè ho seguito nel tempo vari Suoi consulti,
toccando con mano la Sua fatica e sofferenza,
la difficoltà nell'elaborare il distacco.
Lui forse non ha sofferto in questa misura,
e dunque prende le cose con maggiore semplicità, posso ipotizzare (pura ipotesi).
O forse è un tipo egocentrico, che non riesce a mettersi nei Suoi panni... posso ipotizzare (pura ipotesi).

Resta il fatto che riprendere i contatti prima che la ferita si sia completamente rimarginata comporta dei rischi,
il principale è che la ferita si riapra, mentre si stava cicatrizzando.
Ma ho ben presente che l'iniziativa non è stata Sua.

Saluti cordiali.
Dott. Brunialti
Dr. Carla Maria  BRUNIALTI
Psicoterapeuta perfezionata in Sessuologia Clinica, Psicologa europea.
www.webalice.it/centrodipsicologia

[#2] dopo  
Utente 409XXX

Gentile Dott.ssa Brunialti,

Mi sento davvero in dovere di ringraziarla col cuore in mano per la vicinanza che ha dimostratomi lungo questo percorso per me faticoso e doloroso. Le dico in tutta onestà, se penso all'anno scorso vedevo tutto irrisolvibile, quasi come fosse finito il mondo, come se si fosse annullato tutto. Oggi invece vedo tutto diversamente... è come se le cose avessero ripreso forma e posto, non so come descriverglielo.. ma sono sicuro che Lei mi ha già capito, come sempre d'altronde.

Ha ragione quando dice che Lui è un tipo egocentrico, è narcisista. Si capisce dai discorsi che fa e da come li imposta, proprio ieri sa cosa mi diceva in chiamata?
"a me piace farmi desiderare, è una cosa un po' contorta ma mi appaga. Lo faccio con i ragazzi, come se gli dessi una chance ma poi mi tiro indietro, mi faccio desiderare e tutto ciò mi fa sentire bene, come se volassi in alto. Quindi sbagli a dire che io sono uno facile, perché sono tutto il contrario"

Le lascio tirare le conclusioni... insomma io mi sono fatto già un'idea, e Le dico che con una persona del genere non potrei e non voglio proprio starci affianco. Lui non può darmi l'amore che vorrei, non può rendermi felice in questo modo.

La mia vita sta procedendo bene Dottoressa, a giugno mi sono diplomato al liceo linguistico, studiando tanto e lavorando allo stesso tempo, ho davvero faticato.. e ho ottenuto un 75 finale con tanto di complimenti per l'impegno e la determinazione. Adesso lotto per un altro obiettivo: la patente di guida.
Passo passo, sto facendo tutto ciò che non sono riuscito a fare tanto tempo fa, e quel buco nero che voleva inghiottirmi non ha più potere su di me.
Il mio lavoro mi piace, guadagno parecchio e sono così tanto grato di ciò che ho, perché riesco a guadagnare bene e tanta gente non ha la mia stessa fortuna, perciò ne sono riconoscente ogni giorno.
L'amore? be', a quello non ci penso più di tanto ahah! Chissà, magari un giorno svoltando l'angolo, oppure bevendo un caffè al bar... succederà.

Ma fino a che accadrà, mi sono promesso una cosa: io mi prenderò cura di me, mi stringerò forte e mi amerò cosi tanto da non lasciarmi andare più.

Un abbraccio forte.

"Un giorno mi perdonerò. Del male che mi sono fatta. Del male che mi sono fatta fare. E mi stringerò così forte, da non lasciarmi più. E. Dickinson"

[#3]  
Dr. Carla Maria Brunialti

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
ROVERETO (TN)
TRENTO (TN)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2012
Grazie di questa toccante "restituzione".

Dott. Brunialti
Dr. Carla Maria  BRUNIALTI
Psicoterapeuta perfezionata in Sessuologia Clinica, Psicologa europea.
www.webalice.it/centrodipsicologia

[#4] dopo  
Utente 409XXX

Gentilissima Dott.ssa Brunialti,

Le scrivo per chiederLe alcune cose in merito alla facoltà di psicologia, mi trovo un po' disorientato e ho pensato a Lei, che esperta nel campo, magari può delucidarmi.

A me è sempre piaciuta psicologia, difatti alla scelta delle scuole superiori avevo dinanzi un bivio tra scienze umane e liceo linguistico; ma in funzione del lavoro e predisposizioni scelsi linguistico (cosa di cui non mi pento affatto.)

La psicologia è rimasta una passione che ho da sempre, mi piace approfondire varie tematiche inerenti all'apprendimento, comportamenti cognitivi, pensiero etc etc. Insomma tutti argomenti inerenti al corso L24.
Ho visto e valutato l'offerta del piano di studi L24 nell'università vicina a me e vedo che non è necessario un test di ammissione per entrare, deve solo esserci posto e sei dentro.

Ho inoltrato la pre-immatricolazione attraverso il portale adatto e sembra esserci posto, avremo la graduatoria il 28 agosto. In questi giorni sto riflettendo se effettivamente è una perdita di tempo o meno, insomma tutti mi hanno un po' scoraggiato dicendo che non c'è lavoro e che è una laurea inutile, e che non troverei mai tempo per studiare che è tosta la mole di studio... Be' io lavoro tutte le mattine salvo weekend fino alle 15, quindi avrei tutto il pomeriggio per studiare. L'unica cosa che mi chiedo è se veramente è uno spreco di tempo ed è troppo difficile.
Io non lo faccio per questioni lavorative o perché voglio fare lo psicoterapeuta e le specializzazioni future.
Lo faccio solo per arricchire la mia persona e poter conoscere di più in merito queste discipline, insomma non voglio laurearmi col solo obiettivo di "lavorare".
Lavoro già e sfrutto le mie conoscenze linguistiche, e me lo permettono, per fortuna.
Non voglio fare questi 3 anni per poi continuare con altri infiniti anni per specializzarmi in qualcosa, non ho in mente di lavorare come psicologo o psicoterapeuta insomma..anche perché gli anni sono parecchi, 3+2 + tirocinio e esame per iscriversi all'albo... e per psicoterapia scuola privata di altri 4 anni... no, non è questo il mio intento.

Non conosco bene la mole di studio per tale facoltà e quanto tempo potrebbe richiedermi per lo studio, a suo parere studiare il pomeriggio e dunque non frequentare (non posso, lavorando) è sufficiente ? Non vorrei intraprendere qualcosa che poi si rivelerebbe uno spreco di soldi, tempo e salute psichica.

La ringrazio di cuore,
Saluti.

[#5]  
Dr. Carla Maria Brunialti

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
ROVERETO (TN)
TRENTO (TN)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2012
Gentile ragazzo,
La cultura non è mai uno spreco.
Tutto sta a vedere se un indirizzo di studi molto *strutturato* quale una facoltà universitaria sia il più adatto ai Suoi interessi.
Premesso che si possono sostenere anche singoli esami prima di iscriversi (per quanto io so), potrebbe iniziare; già sapendo che se dovesse per qualche motivo rivelarsi non adatto per Lei
ci sono anche altri modi di approfondire le tematiche psicologiche in modo serio.
Altra indicazione è di chiedere un consulto allo Psicologo dell’Universita’, che è esperto anche in Orientamento.
Dimenticavo: sì il tempo a Sua disposizione sarebbe sufficiente.

Saluti cordiali.
Dott. Brunialti
Dr. Carla Maria  BRUNIALTI
Psicoterapeuta perfezionata in Sessuologia Clinica, Psicologa europea.
www.webalice.it/centrodipsicologia