Ipocondria

Buona sera.
Sono qui a chiedere un consulto riguardo un problema che ho ormai da molto tempo.
Ho 32 anni e ho sofferto in passato di attacchi di panico e ansia generalizzata, con tutte le complicanze del caso.
Adesso che ormai da anni ho imparato fortunatamente a gestire questi attacchi, mi porto comunque dietro il problema dell’ipocondria e la paura.
Ho immaginato di avere paraticamente qualsiasi malattia.
Tumore al colon, ai polmoni, al pancreas, hiv, epatite e chi più ne ha più ne metta.
Ora la mia ultima ossessione essendomi provato la glicemia e avendola trovata un po’ alta, e di avere il diabete o un tumore al pancreas.
Ho sentito il dottore che mi ha rassicurato su come lo stile di vita sedentario al quale siamo obbligati in questi giorni e l’alimentazione non corretta siano il motivo di questa irregolarità.
Ma come potrete immaginare non mi ha rassicurato.
Il problema è che al contrario di molte persone che non fanno altro che andare dal medico e a fare analisi.
Io non ci vado mai.
Per paura di quello che potrebbero dirmi.
E continuò ad avere atteggiamenti scorretti dal punto di vista alimentare e di stile di vita, perché se cambiandolo non mi sentissi meglio, sarei ancora più convinto che dipendessero da qualche malattia.
Prima di leggere o scrivere un’ennesimo consulto sul diabete, ho deciso di affrontare il mio vero problema.
E chiedo a voi se fosse possibile.
Sapere come mi posso muovere.
Per parlare con un professionista.
E sfruttare il tanto tempo che abbiamo a disposizione per iniziare a lavorare su me stesso e stare finalmente meglio.
Sono stanco di farmi condizionare dalle mie paure, perché in altri aspetti della mia vita sono forte e anche coraggioso.
Vi chiedo un aiuto se potrete darmelo.
Se qualcuno di voi fa’ anche consulti on-Line, visto la disponibilità di tempo che tutti noi abbiamo in questo periodo!! Grazie infinite per l’attenzione.
Spero di ricevere risposta.
Buona serata!
[#1]
Dr. Francesco Ziglioli Psicologo 1k 36
Gentile utente,

come lei ben dice, esistono due tipologie di comportamenti tipici delle persone che soffrono di ipocondria (anche se ad oggi non esiste più questo termine e si può far riferimento a due classi diagnostiche diverse: ansia da malattia e ansia da sintomi somatici). La prima tipologia è quella di contattare molti specialisti, fare molte visite che tuttavia hanno un effetto rassicurante solo a breve termine. La seconda tipologia è quella che lei racconta, ovvero di evitare visite ed esami medici. A livello diagnostico cambia veramente poco.
Per quanto riguarda la sua domanda, in questo momento molti colleghi, me compreso, hanno sospeso l'attività in studio per ovvie ragioni di salute pubblica, ma continuano a lavorare online sulle varie piattaforme dedicate ai meeting virtuali. Non le resta che cercare il professionista che più la aggrada e contattarlo.
Intanto, se vuole può leggere questo articolo:

https://www.psicologobs.it/diagnosi/cose-lipocondria-sintomi-e-meccanismi/

Ci tenga aggiornati, se vuole.

Cordiali saluti
Dr. Francesco Ziglioli
Psicologo - Brescia, Desenzano, Montichiari
Www.psicologobs.it

Cos'è l'ansia? Tipologie dei disturbi d'ansia, sintomi fisici, cognitivi e comportamentali, prevenzione, diagnosi e cure possibili con psicoterapia o farmaci.

Leggi tutto

Ansia: sai riconoscerla? Scoprilo con il nostro test