Utente
Il mio compagno al sesto mese di relazione mi ha tradito, stiamo ancora insieme e sono passati due anni.

L'ho superato con estrema difficoltà e anche con un forte dimagrimento.

Adesso però sembra essere lui che non si fida e teme il mio tradimento come per vendetta.
Cosa che non farei mai.

Il suo comportamento e la sua gelosia però mi danno modo di tornare indietro e ripensare al suo comportamento durante il tradimento a quando facevo il gioco dell accusare per non essere beccato...
Non capisco per quale motivo dopo aver scoperto un tradimento da parte del mio compagno ora lui manifesta questi sentimenti?

[#1]  
Dr.ssa Anna Potenza

28% attività
20% attualità
16% socialità
CIAMPINO (RM)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2017
Gentile utente,
da qui non possiamo sapere che cosa precisamente pensa e sente una persona che oltretutto non è quella che ci ha scritto. Possiamo solo fare delle ipotesi di massima su comportamenti, sentimenti, emozioni largamente diffusi.
Una causa del comportamento del suo partner la prospetta lei stessa: se l'ha fatto già una volta, sta facendo di nuovo, forse, il gioco dell'accusare "per non essere beccato".
Non è un comportamento frequente e nemmeno molto intelligente, perché richiamando l'idea del tradimento mette l'altro in sospetto.
Lei propone anche un'altra causa: il suo partner teme di essere ripagato con la stessa moneta, in una sorta di vendetta.
In pratica, attribuisce a lei quello che farebbe lui stesso.
E da qui vengo alla terza ipotesi, da lei non prospettata: in effetti, quest'uomo attribuisce a lei la capacità/volontà di tradire, perché questo fa parte delle sue esperienze: pensa e sente che se lui l'ha fatto, altri possono farlo, desiderano farlo.
Come il tradimento si configuri nella mente del suo partner non è dato sapere, da lontano: una fuga parziale e senza conseguenze da una routine che lo fa sentire costretto? L'esplorazione di altre possibilità? Un dispetto al partner?
A me sembra di rilievo il fatto che si sia verificato praticamente all'inizio della vostra relazione, e poi mai più.
Se è questa la situazione attuale, solo parlandone serenamente tra voi potreste scoprirlo.
Auguri.
Dr.ssa Anna Potenza (RM) anna.potenza@medicitalia.it