Utente 113XXX
Gentile dott. Allongi, ho da poco subito il 2^ intervento per seminoma classico, 4 anni fa orchifunicolectomia dx ed ora sx. Il timore che mi ha spinto a scrivere è di poter contrarre uleriori tumori a seguito della radioterapia che mi hanno detto di fare. Ho avuto modo di informarvi anche sul presente sito che questo tipo di tumore è abbastanza controllato. Il consiglio che le chiedo è semplice, è il caso fare la radioterapia? La ringrazio in anticipo

[#1] dopo  
Prof. Filippo Alongi

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
8% attualità
16% socialità
NEGRAR (VR)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2007
Bisogna capire lo stadio istopatologico per soppesare il rapporto rischio/beneficio e fare le considerazioni dovute.
Prof. Filippo Alongi
Professore associato di Radioterapia
Direttore Radioterapia Oncologica, Ospedale S.Cuore Don Calabria di Negrar(Verona),

[#2] dopo  
Utente 113XXX

La ringrazio per la tempestività,e mi scuso per la eccessiva genericità delle informazioni datevi,comunque non avendo ancora la cartella clinica, l'unica cosa che posso dirle è che mi hanno detto che il seminoma era incapsulato, non sono presenti metastasi, infatti la tac totalbody risulta negativa. Tutto appare essere sotto controllo. Ed è proprio per questo motivo che mi sono posto il quesito. Spero di poterle fornire a breve informazioni più tecniche, intanto il 15 maggio eseguirò la tac di centraggio e per fine mese dovrei iniziare il ciclo di radioterapia. Non voglio ruberle altro tempo e grazie ancora.