Utente cancellato
Salve a tutti,
sono una ragazza di 22 anni. Più di un mese fa sono stata ricoverata in ospedale a causa di una sorta di paralisi lungo il braccio sinistro e il volto sinistro. La diagnosi con cui sono stata dimessa è di TIA in paziente con iperomocisteinemia ed omozigosi per MTHFR variante termolabile. Dai vari esami efettuati in sede ospedaliera è emersa una positività agli ANA, riporto di seguito i risultati dell'esame:
ANTICORPI ANTI NUCLEO
ana screening positivo
ana titolazione 1/320 [1/80]
petter nucleo/citoplasmatico granulare
ANTIGENI NUCLEARI ESTRAIBILI (ENA)
anticorpi Anti SSA 0
anticorpi Anti SSB 0
anticorpi Anti SM 0
anticorpi Anti SM-RNP 0
anticorpi Anti SCL 0
anticorpi Anti JO-1 0

Fin dall'età di 16 ho avvertito forti dolori alla spalla sinistra che migravano su tutto il braccio e si accentuavano al risveglio. Da quattro anni invece avverto dolori alle gionocchia che alcune volte mi costringono a rimanere sdraiata per l'intera giornata e questi dolori vanno ad interessare le anche. Soffro di stanchezza articolare che nelle ore serali viene accompagnata quasi sempre da una strana febbricola che oscilla tra i 37 37,5. Sono stata sottoposta ad una visita reumatologica e i risultati degli esami prescritti a 40 giorni da quelli precedenti sono:
ANTICORPI ANTI NUCLEO
ana screening positivo
ana titolazione 1/320 [1/80]
petter nucleo/citoplasmatico granulare
ANTICORPI ANTI NDNA 2,5 [0,00-15,00]
COMPLEMENTO C3 103 [79-152]
COMPLEMENTO C4 17[16-38]
dall'esame emocromocimetrico i valori fuori parametri sono:
MONOCITI 0,3 [0,4-0,8]
MCV 76,0 [80,0-100,0]
MCH 25,3 [27,0-32,0]

Secondo voi vi sono elementi rilevanti e andare avanti con altre analisi e esami o mi devo convincere della convivenza con questi dolori?

[#1] dopo  
Dr. Daniele Tonlorenzi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
CARRARA (MS)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Assolutamente deve rivolgersi al reumatologo per il dolore. Esiste una specializzazione della medicina, si faccia aiutare. Questo specialista può farlo. Per contenere l'iperomocisteinemia si rivolga al Suo medico di base che saprà indicarle il rimedio adatto.
http://www.medicitalia.it/dtonlorenzi/curriculum