Utente 121XXX
Salve,
ho 35 anni ed ho ricevuto 6 anni fa una diagnosi di fibromialgia, a valle di vari accertamenti che escludevano altre patologie reumatiche. Ai tempi mi convinse ma, ora che i sintomi aumentano per numero e per gravità, ritorna la paura di stare trascurando potenziali patologie più gravi, magari degenerative. Il quadro è variegato: dolore cronico in tutto il corpo (prevalenza lato sinistro), stanchezza, confusione mentale, parestesie, contratture, tachicardia ed extrasistole, problemi di vista, febbricola altalenante, brividi, sensazione di forte calore alla gamba sinistra, sindrome di Reynaud... Potrei continuare. Però non ho disturbi del sonno. Ho notato che, in modo evidentissimo, i sintomi sono esacerbati quando sussistono infezioni o altre patologie debilitanti, così come nei giorni che precedono la mestruazione. Ogni mese va peggio, sono arrivata a livelli obiettivamente invalidanti. Al momento ho dolore a schiena, torace e addome, sensazione di gonfiore dei tessuti, febbre che oscilla tra 36.5 e 37.5 più volte al giorno, brividi, stanchezza estrema. Spesso si formano delle "sferette" piuttosto dure vicino alla colonna vertebrale, che scompaiono solo dopo lungo massaggio, con la sensazione che vi fosse liquido che col massaggio si è diffuso.
Mi chiedo: quale relazione può esserci tra il ciclo ormonale e la fibromialgia? Cosa provoca la formazione di quelle "sferette"? Avrebbe senso riprendere gli accertamenti per verificare che gli esami siano ancora negativi, o indirizzarsi verso strade non percorse (immunologia, angiologia, ecc...)? Per quanto io cerchi di non lasciarmi andare allo sconforto, il peggioramento della qualità della vita si sta facendo opprimente, così come la rabbia nel vedermi "bollata" di essere, in sostanza, una "malata immaginaria" che non è il caso di assecondare. La ringrazio per l'attenzione.

[#1] dopo  
183670

Cancellato nel 2018
La fibromialgia è una patologia ancora poco concosciuta, ed i malati che ne sono affetti spesso vengono "bollati" come "immaginari".
Per ulteriori esaustive notizie mediche sulla fibromialgia (o altre patologie) può collegarsi al mio sito web:
http://eugenio.greco.docvadis.it
oppure digitare su Google: Dott Eugenio Greco
quindi, una volta collegati al sito, cliccare sulla parte superiore dell'HOME PAGE le sezioni di interesse (es: PATOLOGIE, CONSIGLI PRATICI, o altro).
Distinti saluti

[#2] dopo  
Utente 121XXX

Gent.mo Dott. Greco,

il sito è ben fatto e molto interessante, grazie.
Dalla sua risposta devo dedurre che a suo parere tutti i miei malesseri siano da ascrivere alla fibromialgia, e che quindi siano da escludere ulteriori accertamenti?

[#3] dopo  
183670

Cancellato nel 2018
La ringrazio per gli apprezzamenti espressi nei riguardi del mio sito scientifico.
I sintomi da lei descritti farebbero pensare ad una fibromialgia, che è una patologia reumatologica; è importante quindi che sia valutata da un reumatologo per stabilire se deve o non deve fare altri esami per escludere altre patologie, poiché questa consulenza viene da me eseguita sulla base solo dell'anamnesi da lei riferita, senza aver effettuato una visita medica.
Distinti saluti