Utente 167XXX
Alla fine di novembre ho avuto dolori molto forti a ginocchia e caviglie che mi impedivano di stare in piedi. Gli esami hanno rilevato una VES 48 e PCR 98,7. Sospettando malattia reumatica sono stata curata con cortisone deltacortene 1mg per Kg. Il reumatologo ha prescritto ulteriori esami tutti nella norma. Sospetto iniziale dopo la prima visita spondilite o artrite reumatoide. All'ultima visita le articolazioni sono risultate "normali" mentre sono positiva a tutti i tender points per cui il reumatologo ha ipotizzato una fibromialgia. Il mio medico curante però non è d'accordo proprio per i valori iniziali e perchè ad oggi le ginocchia risultano ancora gonfie e tumefatte soprattutto la sera. Attualmente ho dolori a giocchia, caviglie, spalle gomiti mani, la notte mi sveglio spesso, ho spesso le dita dei piedi bianche e molto fredde, mal di testa, nausea. L'ultima diagnosi può essere esatta? Può inizialmente essersi trattato di artrite reattiva? Il medico curante sospetta fibromialgia ma associata ad artrite reumatoide ad uno stato iniziale. Lei cosa pensa? Io non so più cosa credere vorrei solo che questo dolore sparisse ...anche perchè la mia vita è attualmente molto limitata!

[#1] dopo  
Dr. Daniele Tonlorenzi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
CARRARA (MS)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Mi sono informato per un mio paziente con un quadro clinico simile. Pur non essendo la specialità di mio riferimento mi permetto di consigliarLe un sito bellissimo che è "Brescia reumatologia" http://www.bresciareumatologia.it/fibromialgiagorla.html secondo me è molto bello e lo trovo utile per informazioni chiare quando un paziente mi fa domande alle quali non so rispondere.
"La Fibromialgia compare frequentemente nelle affezioni muscolo-scheletriche croniche, quali le artriti e l’osteoartrosi." Praticamente avere artrite o artrosi non esclude la fibromialgia. Non è proprio fortuna........ Di sicuro il reumatologo che la segue saprà trattarla correttamente.
Saluti
http://www.medicitalia.it/dtonlorenzi/curriculum