Utente 172XXX
Salve dottori.vorrei brevemente raccontarvi la mia storia per poter avere un consiglio.sono una ragazza di 26 anni.un anno e mezzo fa mi sono sottoposta ad una gastroscopia per i miei continui dolori allo stomaco.da questa nn emerse altro che una gastrite curata con i soliti farmaci adatti al caso.tutto sembrava essere passato quando ho cominciato ad avvertire pulsazioni continue alla schiena in particolare in mezzo alle scapole.da lì è iniziato tutto.fortunatamente gli esami svolti tra cui tre ecogfrafie all'addome,radiografia al torace e visita cardiologica sono risultate negative.ho dovuto fare questi esami e di conseguenza rivolgermi ad un reumatologo perchè intanto i fastidi alla schiena sono diventati dolori equiparabili a fitte penetranti costanti che dalle spalle e centro della schiena si protraggono allo sterno con continui scricchiolii fastidiosi alle articolazioni delle spalle e un continuo sentirsi la schiena addormentata.la diagnosi è di fibronmialgia perchè tutte le analisi in campo reumatico sono negative(anche se nn accuso in realtà tutta quella baraonda di sintomi che la fibromialgia si porta dietro).ora mi chiedo?è possibile che nonostante stretching e pilates e qualche consulto psicologico in grado di attestare la mia tranquillità mentale io abbia la schiena praticamente "atrofizzata"??ormai ho come la sensazione che mi stia curvando perchè nn riesco ad avere una posizione dritta poiche ho un dolore terribile tra schiena e petto?!secondo voi potrei fare qualche altro esame in grado di chiarirmi la situazione??non vorrei aver trascurato qualcosa per la quale basterebbe poco o meglio curarsi e mettere fine a questi dolori?grazie mille.

[#1] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile utente,

Le è stata prescritta una cura per la fibromialgia (ne esistono diversi)? La diagnosi ha compreso anche la valutazione del dolore sui punti di pressione tipici di questa sindrome ?
E' stata compiuta una valutazione e eventuale diagnosi psichiatrica ? (consulto psicologico non è chiaro, l'ha mai vista uno psichiatra medico ?)
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#2] dopo  
Utente 172XXX

Allora la cura che mi ha dato il reumatologo per svariati mesi è stata di sirdalud da 2 mg la sera e lyrica da 75 mg 2 volte al giorno.in realtà una volta finita nn l'ho continuata poichè non ne traevo alcun beneficio.per quanto riguarda i punti di pressione tipici della fibromialgia mi risultavano doloranti solo alcuni(alla base del collo e sulle scapole) non ai gomiti polsi ginocchia e caviglie.solo se premo al centro dello sterno è come se l'osso mi facesse un male cane.del resto però ho fatto anche una risonanza alla colonna e nn ci sono alterazione tranne un po di artrosi.in realtà poi nn sono stata da uno psichiatra ma da uno psicologo che però mi disse che nn era il caso secondo lui assolutamente di rivolgermi ad uno psichiatra e assolutamente non prendere medicinali e "farmi una vacanza".le dirò io non so piu che pensare...intanto la schiena anzi le scapole mi fanno un male cane insieme allo sterno.non so piu che pensare,è come se avessi un infiammazione perenne in quei punti pur non trovandone riscontro in analisi o esami specifici.com'è possibile??grazie per la disponibilità e l'attenzione.

[#3] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile utente,

Un paio di chiarimenti.

Lo psicologo non può assolutamente dare indicazioni sull'opportunità di assumere "medicinali", che poi detto così non ha senso, ad esempio lyrica è un medicinale, sirdalud anche etc. Lo psichiatra può stabilire se sia o meno il caso di usare qualcosa, e cosa, non così in generale "un medicinale", che non ha senso.

Vi sono, oltre al lyrica, numerosi medicinali di tipo antidepressivo dimostratisi utili da soli o in combinazione nella fibromialgia. Il lyrica non le ha dato beneficio ed era ad una dose già potenzialmente utile, anche se in teoria si può utilizzare a dosi maggiori.

Direi quindi di far valutare al reumatologo o ad uno psichiatra l'opportunità di utilizzare altri farmaci anti-fibromialgia, oltre che ovviamente gli eventuali altri metodi che le sono stati proposti.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it