Utente 166XXX
Buona sera ho 36 anni e sono affetta da Sjogren, steatosi epatica e fibromialgia. Avrei bisogno di capire se un problema che ho da più di una settimana sia riconducibile alla Sjogren o se vi sia un altra causa..
Da poco piu di una sett fa ho cominciato ad avere prurito in un piccolo punto appena sopra al ginocchio dx. Con il passare dei giorni la zona si è allargata e ho notato che al prurito si è associato anche del dolore non appena sfioravo semplicemente la cute senza alcun tipo di pressione. In questi ultimi 3 giorni la zona si è ingrandita ancora tanto che adesso sento dolore da sopra la zona ginocchio fino a dietro ginocchio (solo parte interno gamba) come se la gamba fosse divisa a metà per lunghezza. Il solo sfiorare degli abiti mi da fastidio parte con bruciore e finisce in dolore anche interno, il calore delle coperte a letto peggiora tutta la situazione! Ieri ero anche un po gonfia e arrossata ma poi oggi la cute è tornata normale. Oggi sto ancora peggio, camminando sento la gamba strana..comincio a sentire dei pizzicotti anche sulla parte alta della gamba...io non mi sono resa conto ma mi hanno detto che cammino anche male. Questa matt sono stata dal mio medico di base la quale mi ha detto che secondo lui è una parestesia di un nervo della gamba. Cosa devo fare? Puù essere la Sjogren che da problemi? Sinceramente non mi sento affatto bene..tutto mi ssembra sia cominciato dopo che sono stata una giornata al mare anche se ero vestita e sotto l'ombrellone i gg seguenti ho avuto dolori diffusi..

[#1] dopo  
Dr. Pier Francesco Leucci

24% attività
16% attualità
12% socialità
MAGLIE (LE)
LECCE (LE)

Rank MI+ 52
Iscritto dal 2004
Buongiorno, potrebbe essere collegato con lo Sjogreen e trattarsi di una sinovite del ginocchio. Vorrei sapere se ha limitazione nella flessione del ginocchio e se è ancora "caldo".
Potrebbe essere utile eseguire un controllo di VES e PCR.
Lei ha una steatosi, ma anche un dismetabolismo complesso con iperuricemia?.
Mi faccia sapere.
Cordiali saluti
Pier Francesco Leucci
REUMATOLOGO
Coordinatore Responsabile Reumatologia per l'AUSL LE - LECCE -

[#2] dopo  
Utente 166XXX

Gent.mo Dott. Leucci,
la ringrazio per la celere ed esaustiva risposta che mi ha dato! Per quanto riguarda la limitazione nella flessione, quando mi piego sulle ginocchia noto che quella di dx è come se fosse più rigida e non riesco ne a stare piegata per molto ne a piegarla completamente. Ho la sensazione di avere qualche cosa che me lo impedisce. Il calore noto che compare a momenti soprattutto quando o sto tanto seduta o viceversa tanto in piedi e con lo sfregamento degli abiti..compare il prurito, poi bruciore e subito dolore, la cute noto essere secca quindi accentua il prurito. Mi scusi l'ignoranza ma non so cosa sia il dismetabolismo complesso, pertanto non conoscendo il termine posso dedurre da sola che forse non cè l ho altrimenti lo avrei sentito dal mio medico..però tutto potrebbe essere..
Colgo l'occasione per dire che mio padre, purtroppo deceduto da un anno per micorcitoma polmonare era affetto anche da Artrite Reumatoide e gravi problemi circolatori soprattutto alle gambe tanto che fu operato.
Comunque per ciò che riguarda me il dolore aumenta giorno per giorno e la stanchezza fisica anche..
Cordiali saluti.

[#3] dopo  
Dr. Pier Francesco Leucci

24% attività
16% attualità
12% socialità
MAGLIE (LE)
LECCE (LE)

Rank MI+ 52
Iscritto dal 2004
Carissima, il dismetabolismo complesso è una alterazione del metabolismo dei grassi (colesterolo - trigliceridi), zuccheri (glicemia) e purine (acido urico). Questi ultimi potrebbero essere causa dell'artrite del ginocchio. La Sua descrizione lascia prevedere che si sia determinata una sinovite, tuttavia gli esami che Le ho indicato possono aiutare nella diagnosi e nella eventuale terapia che potrà essere locale (infiltrativa) o sistemica.
Cari saluti
Pier Francesco Leucci
REUMATOLOGO
Coordinatore Responsabile Reumatologia per l'AUSL LE - LECCE -