Utente 196XXX
Gentilissimi,
Mi chiamo Nunzia,ho 45 anni e abito a Napoli,sono ormai due anni che non stò più bene.Era un periodo in cui avvertivo stanchezza in tutto il corpo, non riuscivo a condurre la mia vita come avevo sempre fatto ad esempio non riuscivo più a fare le scale o una semplice passeggiata. Attraverso degli analisi il mio medico costatò una grave mancanza di ferro(ne ho sempre sofferto un pò in quanto ho sempre avuto la beta-talassemia ma riuscivo ad andare avanti)Così cominciai un ciclo di flebo di ferro. Nonostante questo i valori erano sempre bassi finchè casualemnte feci gli esami x la celiachia ed è ormai da un anno e mezzo che ho scoperto di essere celiaca.Pensavo di aver risolto il problema dell'assorbimento di ferro ma mi sbagliavo, avvertivo sempre dolori e stanchezza così successivamente dopo altri esami ho scoperto di avere la sindrome di sjogren e fibromialgia. La sindrome di sjogren mi porta secchezza agli occhi e alla gola ma quella che mi da' più problemi è la fibromialgia. Oggi anche mangiando senza glutine continuo ad avere i valori bassi di ferro poiche a causa di ciclo abbondante non riesco a stabilizzarmi.Per quanto riguarda la fibromialgia sto assumendo Lyrica e Plaquenil per attenuare i dolori che sento in alcune zone del corpo,ma so che soprattutto per il plaquenil non posso continuare la somministrazione perchè sto avendo problemi agli occhi. Volevo sapere come poter sostituire questa cura oppure se ci sono metodi alternativi, diete alimentari o qualche centro specializzato per curare questa situazione. confidando in una vostra risposta Vi ringrazio.

[#1] dopo  
Dr. Giacomo Zizzi

24% attività
0% attualità
8% socialità
MARTINA FRANCA (TA)
FASANO (BR)

Rank MI+ 32
Iscritto dal 2007
La fibromialgia, olte che sulla terapia medica che Lei ha menzionato, può trarre giovamento anche dell'uso di anidepressivi e/o ansiolitici a basse dosi.
Risultati molto buoni si ottengono anche con l'IDROKINESITERAPIA (riabilitazione in acqua calda con l'aiuto di terapisti). Cordiali saluti.
Dott. G. Zizzi