Utente cancellato
Due anni fa, a seguito di una faringite acuta con febbre alta, non adeguatamente trattata con terapia antibiotica, ho sviluppato, circa due settimane più tardi, una fascite plantare con tendinopatia achillea bilaterale. Con il passare dei mesi si sono aggiunte altre patologie: epitrocleite con neuropatia ulnare (bilaterale), tendinopatia tibiale anteriore (bil.), tendinopatia flessori del polso (bil.), ischiocruralgia con sciatica (bil.), transitorio pitting ungueale, dermografismo orticato.
Gli esami e le analisi eseguite finora sono:
- ecografia, rx, rmn piedi
- rx colonna in toto + bacino
- rmn bacino
- VES, PCR, TSH, FR, CPK, anticorpi anticeliachia, uricemia,Toxoplasma, Epstein Barr,...
- HLA locus B: B*18 B*44

Tutto negativo tranne Ab ANTI EPSTEIN BARR VCA IgG (18,19) e "Sfumate note di ileite sincondrosi sacro-iliache".

Ho fatto laser, ultrasuoni, tecar, ionoforesi...ho assunto deltacortene, ketoprofene, diclofenac, ibuprofene, naprossene, etoricoxib, salazopyrin, tutto senza trarne alcun beneficio.
Mi hanno visitato quattro reumatologi che concordano tra loro solo con la "diagnosi": sospetta spondiloartrite indifferenziata.
Attualmente sono in cura presso un ambulatorio ospedaliero, e il reumatologo che lo dirige mi ha fatto subito sospendere l'assunzione di salazopyrin 500 (prescrittomi da una sua collega), spiegandomi che nel mio caso, ovvero con interessamento esclusivo di entesi e non di articolazioni, non serve a nulla, e mi ha prescritto Celebrex 200 ed eventualmente una serie di infiltrazioni steroidee.

Voi cosa ne pensate? Dopo due anni ha senso continuare ad assumere solo FANS o sarebbe opportuno introdurre un farmaco di fondo?
Grazie

[#1] dopo  
Dr.ssa Brunella Bigliardo

32% attività
0% attualità
0% socialità
COMO (CO)
CARPI (MO)

Rank MI+ 32
Iscritto dal 2013
Gentile Utente,

nel suo caso,ammessi che si tratti di spondiloartrite indifferenziata senza interessamento delle articolazioni periferiche ma solo di colonna ed entesi, la salazopirina non ha dimostrato alcuna utilità, per cui concordo con la prescrizione del solo Fans.

Saluti
Dr.ssa Brunella Bigliardo

[#2] dopo  
314743

dal 2015
La ringrazio.

La collega del mio attuale reumatologo mi ha prescritto salazopyrin 500 dicendo che, pur non essendoci un interessamento articolare, comunque in due anni il numero di entesi colpite dal processo infiammatorio è cresciuto, quindi c'è stata una progressione della patologia, che non ha risposto ai Fans, e che quindi l'utilizzo di un immunomodulatore è obbligatorio.

Come già detto, l'attuale medico referente, invece, ritiene giusto assumere salazopirina solo quando è se ci sarà un coinvolgimento della articolazioni, anche se mi è sembrato di capire che in quel caso sarebbe più propenso ad utilizzare i farmaci biologici.

Il mio dubbio è che la dott.ssa possa aver ragione (almeno in parte) e che procrastinando la terapia di fondo la "situazione" possa evolvere maggiormente.
D'altro canto io non sto certo facendo i salti di gioia all'idea di assumere farmaci di fondo che hanno effetti collaterali molto pesanti...però a mali estremi, estremi rimedi.

Secondo lei quali sono i Fans più efficaci a livello tendineo/entesitico?
Consideri che li ho provati tutti tranne l'indometacina, il naprossene non lo tollero e i COX-2 mi danno tachicardia anche a basso dosaggio...attualmente il reumatologo mi ha dato seractil 400 mg (2 volte al dì), ma non mi fa nulla.

[#3] dopo  
314743

dal 2015
Nessun'altra risposta?