Utente 372XXX
Buonasera, sono una donna di 56 anni. Fin dall'età adolescenziale (15 anni circa) soffro di vari disturbi apparentemente non collegati tra di loro: cefalee frequenti, rigidità muscolare e dolori in tutto il corpo (in particolare schiena e articolazioni), disturbi del sonno (risvegli frequenti e insonnia), disturbi gastrointestinali, cistiti emorragiche, formicolii alle estremità (inclusa la testa e la faccia), dolore nevralgico facciale, tachicardia e palpitazioni, ansia, sensibilità al cambiamento di temperatura soprattutto alle mani che diventano rosse e gonfie, a volte molto calde e a volte gelate, vista offuscata, stanchezza non motivata, difficoltà di concentrazione, sensibilità a diversi farmaci (aspirina, contramal ecc.). Ho effettuato nell'arco degli anni molti esami da diversi specialisti (neurologo, otorino, reumatologo, ortopedico, gastroenterologo, ginecologo, cardiologo) che hanno però dato sempre esiti negativi, così come le diverse cure effettuate per ogni singolo disturbo (che si risolve lì per lì ma poi torna). I sintomi, soprattutto i disturbi del sonno, l'ansia riesco a controllarli abbastanza con l'assunzione di valeriana. Per i vari dolori assumo antinfiammatori soprattutto l'aulin.
Ho effettuato delle ricerche su internet e mi sono resa conto che i miei sintomi sono sovrapponibili ai sintomi della fibromialgia. Chiedo quindi un suo parere a riguardo, e vorrei sapere qual è lo specialista più adatto a cui potrei rivolgermi, perché il medico di base non mi è stato di aiuto.
La ringrazio

[#1] dopo  
Dr. Mauro Granata

Referente scientifico Referente Scientifico
28% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2005
Come già ho avuto modo di sottolineare in questo ambito le autodiagnosi possono essere molto pericolose particolarmente per i rischi di ritardo nella diagnosi corretta. Ciò risulta particolarmente vero per quanto riguarda la fibromialgia, che con il suo ricco corredo sintomatologico può nascondere molte altre malattie. Prenoti perciò una visita con uno specialista in Reumatologia, che rappresenta il medico di riferimento per questa patologia. Saluti cari.
Mauro Granata