Utente 363XXX
Salve a tutti. Vorrei un vostro parere su alcuni sintomi. Da circa due anni Ho dei dolori al braccio, come dei pizzicotti sempre agli stessi punti ( parte alta esterna braccio sx).
Poi ho avuti per giorni la vista abbassata e annebbiata e per questo ho fatto una RM encefalo a midollo in cui è uscito molto poco. Comunque hanno escluso malattie demielinizzanti nonostante fosse presente gliosi aspecifica rimasta invariata nel corso di un anno.
Poi ho avuto tanti altri problemi: digestivi ( dispepsia), capogiri, problemi al collo/gola, extrasistole e tachicardia con pressione sempre molto bassa.
Mi sono sottoposta a varie analisi e ho alterata la ferritina e sideremia con anemia microcitica ipocromica. Ves e Igm alte.
Mi sono rivolta ad un gastroenterologo ed ematologo in quanto avevo sangue occulto positivo ma hanno escluso tutto con gli esami diagnostici. Ripeterò la colonscopia per vedere se un eventuale Chron fosse sfuggito alla prima ( fatta senza biopsia).
Da ultimo ho dolori sparsi: ginocchia, gambe, braccia e un dolore fisso al dito mignolo della mano dx da giorni: sembra essere freddo, più gonfio e un po' rosso. Mi fa male e ho poca sensibilità'.
In famiglia mia cugina ha l'artrite reumatoide.
Ho effettuato anche reumatest e ana negativi.
Inoltre da questa estate soffro spesso di dispnea.
Ho 26 anni.
Voi cosa ne pensate?
Potrebbe essere un fatto non neurologico ma reumatologico?
Una malattia sistemica?
Vi ringrazio molto.

[#1] dopo  
Dr. Mauro Granata

Referente scientifico Referente Scientifico
28% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2005
Rileggendo i suoi precedenti post ho notato l'attenzione con la quale presta attenzione ad ogni segnale proveniente dal suo corpo. Questo atteggiamento, se non gestito correttamente, può portare a una condizione di "amplificazione sensoriale" attraverso la quale si produce uno stato di "allerta neurovegetativa" caratteristico di tutte le patologie funzionali che è possibile osservare a carico dei diversi organi e sistemi del nostro corpo. E' quindi necessario trovare "un moderatore" delle sue sensazioni, un medico di sua fiducia, in grado di rassicurarla valutando di volta in volta il quadro clinico presente. Saluti cordiali.
Mauro Granata

[#2] dopo  
Utente 363XXX

Sicuramente ho una modesta ansia perché è un anno che combatto contro qualcosa che non so.
Il mio corpo presenta problemi, non posso fare finta di non sentirli. Oltretutto i dolori sono sempre negli stessi punti e questo avvalora che qualcosa non va.
Inoltre le analisi mostrano IGM molto alta, ves alta, anemia e ferro molto basso ( ai minimi). Soffro di pressione bassa e tachicardia. Capogiri.
Voi credete che si possano escludere cause reumatologiche con Ana e reumatest negative?
Aggiungo che spesso ho il viso rosso come sul naso e sulle guance ma poi si risolve dopo qualche ora/min.
Grazie!!

[#3] dopo  
Dr. Mauro Granata

Referente scientifico Referente Scientifico
28% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2005
Esistono molte malattie reumatiche con sierologia negativa e manifestazioni cutanee polimorfe ma non è questo il punto. Secondo me è fondamentale in una situazione come la sua che lei trovi un medico che sia in grado di "prenderla in carico" con tutto il suo bagaglio di sintomi e preoccupazioni. Un medico "in carne ed ossa" e non "virtuale" come in questa circostanza. Cordialità.
Mauro Granata

[#4] dopo  
Utente 363XXX

Il punto è che non so a quale tipo di specialista consultare; il medico di base non riesce ad essere abbastanza competente nel mio caso. E non so cosa altri fare. Per questo ho provato qui. Per avere un aiuto in questo senso.

[#5] dopo  
Dr. Mauro Granata

Referente scientifico Referente Scientifico
28% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2005
Consulti l'elenco dei colleghi internisti presenti nella sua città, penso che questa figura medica possa essere il giusto "regista" del suo percorso diagnostico terapeutico. Cari saluti.
Mauro Granata

[#6] dopo  
Utente 363XXX

Una cosa sola le chiedo ringraziandola. Da circa una settimana a tutta questa sintomatologia si è aggiunto un dolore al mignolo nella parte esterna. Dopo di che è diventato rosso. La dott di base ha detto che poteva essere un gelone. Ora a distanza di una settimana di e arrossato e gonfiato anche il dito vicino, visibilmente rosso e più gonfio rispetto a quello dell'altra mano.
Questo potrebbe avere senso con tutto il resto?

[#7] dopo  
Dr. Mauro Granata

Referente scientifico Referente Scientifico
28% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2005
Il gelone (eritema pernio) è dovuto ad una condizione di vasospasmo in genere causata dal freddo. E' una manifestazione benigna che tende a recedere spontaneamente. Cordialità.
Mauro Granata

[#8] dopo  
Utente 363XXX

Può espandersi fino al dito vicino anche dopo una settimana dall'inizio della cosa al primo dito?

[#9] dopo  
Utente 363XXX

Dottore salve mi sono dimenticata di dirle che soffro da circa un annetto del fenomeno di raynauld. Può essere tutto correlato a questo fatto delle dita?

Ps. Potrei inviarle per email la foto delle 2 dita gonfie?
Ringrazio