Utente 201XXX
buongiorno dottori, sono un ragazzo di 27 anni. circa 8 mesi fa ho iniziato a integrare la vit d perché avevo dei valori mostruosamente bassi.. Valore vit d di 4,5 e cosi ho iniziato a integrare con il didrogyl sino ad avere valori dopo poco tempo di circa 30 e cosi ho proseguito con d base 100000 ogni mese (il controllo di vit d di due mesi fa ha portato il valore di 55 di vit d) fino a oggi che ho finito la scatola di 6 flaconi di d base 100.000. Il problema è questo due mesi fa avevo i valori a 55 oggi ho ritirato l esito delle analisi sono a 31 nonostante ho continuato a integrare..come possibile??? come devo comportarmi in merito a questa situazione?? grazie

[#1] dopo  
Dr. Mauro Granata

Referente scientifico Referente Scientifico
28% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2005
La vitamina D ha numerosi effetti scheletrici ed extra scheletrici che la fanno ormai considerare un vero e proprio ormone. All'interno del nostro corpo la vitamina D, Colecalciferolo, è inattiva e necessita per essere resa biologicamente funzionale di un complesso meccanismo metabolico che prevede un primo passaggio a livello del fegato (idrossilazione in posizione 25) con la formazione di Calcifediolo (25-OH-vitamina D) e di un successivo passaggio renale (idrossilazione in posizione 1) con la produzione di Calcitriolo (1,25-OH-vitamina D) che rappresenta la forma attiva di questa vitamina. Considerando che il farmaco Dibase contiene Colecalciferolo e il Didrogyl Calcifediolo è probabile che nel suo caso lei risponda meglio all'integrazione con il secondo prodotto posizionato più a valle nella cascata metabolica e quindi già parzialmente attivato. Cordiali saluti.
Mauro Granata