Utente 158XXX
Buonasera sono a richiedere informazioni per una persona a me molto vicina.
Ha 51 anni e 12 gg fa si è sottoposta ad una mammografia di routine e le è stato detto di passare dopo una ventina di gg a ritirare il referto e che se ci fosse stato qsa l'avrebbero contattata loro. Oggi, appunto dopo 12 gg, l'ospedale l'ha richiamata dicendo di presentarsi domani per un completamento della mammografia e procederanno con un'ecografia. E' prassi quando la mammografia non è chiara oppure c'è qualcosa che non va?
Siamo tutti seriamente preoccupati.
Grazie e mille!

[#1] dopo  
Dr. Pietro Monno

20% attività
16% attualità
12% socialità
BARI (BA)
CAPURSO (BA)
ADELFIA (BA)

Rank MI+ 48
Iscritto dal 2010
Gentile signora
Sono abituato, nella mia normale attività di radiologo-senologo, a visitare la paziente subito dopo che lei ha effettuato la mammografia; durante la visita referto la mammografia, chiedendo eventuali completamenti mammografici, che vengono effettuati al momento; se necessario sottopongo la paziente ad ecografia, che effettuo personalmente.
Dopo questo piccolo ciclo normalmente redigo un referto che comprende visita, mammografia ed eventuale ecografia.
Ma questa si chiama diagnostica clinica, che e' diversa dallo screening, in cui la paziente effettua solo la mammografia; la mammografia viene poi esaminata di norma da due radiologi separatamente.
La paziente potra' quindi essere richiamata per effettuare eventuali completamenti mammografici, la visita o l'ecografia se uno dei radiologi lo dovesse richiedere.
Le consiglierei quindi di non preoccuparsi in quanto il sistema screening, a cui credo sia stata sottoposta la sig.ra , e' necessariamente più lungo della diagnostica clinica, ma non significa assolutamente che ci sia qualche cosa di serio. Succede spessissimo che la mammografia debba essere completata con altri esami , ma poi l'esame risulta comunque negativo, cioe' non patologico.
La saluto
Dr. Pietro Monno Radiologo Senologo Bari