Utente 190XXX
Buongiorno, vi scrivo per conto di mio padre.. Da circa 1 mese lamenta un dolore al capezzolo ed all'aoreola sinistro. Consultato il proprio medico curante, gli consiglia di effettuare una ecografia mammaria, dalla quale si evince che non ci sono problemi. Da circa 1 settimana, invece, si è manifestato un gonfiore notevole tutto attorno l'aoreola. A quel punto gli hanno consigliato di effettuare un'altra ecografia, in un altro centro, ma anche lì gli hanno confermato che non risultano esserci problemi. Mio padre sta assumendo il medicinale Mittoval 10 mg per la prostata un pò ingrossata, ed ho letto sulle controindicazioni che potrebbero verificarsi raramente, episodi di problemi a carico dell'apparato mammario. Ha interpellato l'urologo che gliel'ha prescritto, ma sostiene di non aver mai saputo di pazienti che hanno avuto problemi del genere. Idem il medico curante di mio padre, sono rimasti entrambi "spiazzati". Secondo la Vostra esperienza, cosa potrebbe essere? Quali esami potrebbe fare per avere la certezza che non si tratti di qualcosa di brutto? Quale specialista interpellare? Vi ringrazio anticipatamente per le Vostre risposte. Buona domenica.

[#1] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Ci dovrebbe trascrivere i referti ecofeafici perchè >>gli hanno confermato che non risultano esserci problemi>> non è una diagnosi


https://www.medicitalia.it/minforma/senologia/73-mammella-maschile-ginecomastia-carcinoma-patologia-mammaria.html
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com

[#2] dopo  
Utente 190XXX

Buonasera Dottore,

ha ragione ma quando ho richiesto il consulto non avevo sottomano il referto... glielo riporto di seguito:

"Moderata iperplasia ghiandolare in retroareolare bilaterare, più evidente a destra. Non evidenti aree focali"

Grazie

[#3] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Si tratta di una modesta ginecomastìa e quindi non mi preoccuperei.

Se Lei stesso ha letto sul bugiardino che >>ed ho letto sulle controindicazioni che potrebbero verificarsi raramente, episodi di problemi a carico dell'apparato mammario>> è perchè ai tratta di effetti indesiderati molto rari
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com

[#4] dopo  
Dr. Renato Di Marco

32% attività
0% attualità
16% socialità
ATRI (TE)
ROSETO DEGLI ABRUZZI (TE)
L'AQUILA (AQ)
GIULIANOVA (TE)

Rank MI+ 48
Iscritto dal 2011
Sono d'accordo sul fatto di non avere preoccupazioni al momento e consiglierei un nuovo controllo clinico ed ecografico tra 6-8 mesi in assenza di evoluzione clinica.
Dr. Renato Di Marco chirurgo senologo Ospedale Civile "San Liberatore" - Atri (TERAMO)

[#5] dopo  
Utente 190XXX

Buonasera, innanzitutto grazie per le Vostre risposte... Mio padre nel frattempo ha effettuato una visita senologica, portando i referti delle 3 ecografie mammarie... Addiruttura, sulla base di questo, gli hanno detto che c'è la necessità di operarlo chirurgicamente (con anestesia totale) per asportare il nodulo e per vedere sotto di esso se c'è qualcosa... e nel frattempo gli hanno detto di fare una mammografia... Mi sembra un tantino prematuro, visto che sulla base delle ecografie non risultano esserci problemi... nè tantomeno gli sono state prescritte delle analisi ormonali... Voi cosa ne pensate? Consigliate di interpellare un altro specialista? Grazie mille

[#6] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Ci aggiorni dopo l'esecuzione della mammografia.
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com

[#7] dopo  
Dr. Renato Di Marco

32% attività
0% attualità
16% socialità
ATRI (TE)
ROSETO DEGLI ABRUZZI (TE)
L'AQUILA (AQ)
GIULIANOVA (TE)

Rank MI+ 48
Iscritto dal 2011
Mi pare che il referto che ci ha riportato non parlasse di nodulo. Diverse sono le indicazioni ad intervenire chirurgicamente.
Da come ci ha descritto "una moderata iperplasia ghiandolare bilaterale" puo' attendere l'intervento.. a meno che non vi siano nuovi elementi clinici e strumentali..
Dr. Renato Di Marco chirurgo senologo Ospedale Civile "San Liberatore" - Atri (TERAMO)