Utente 256XXX
buongiorno
ho 43 anni, peso 57 kg, sono alta 1,68 cm, pratico sport regolarmente; ho avuto due gravidanze, e ho allattato al seno entrambe le bambine (una per 22 mesi l'altra per 33 mesi, ora hanno rispettivamente 13 e 10 anni).
A mia zia materna, 70anni, è stato appena diagnosticato un tumore al seno, mia madre invece ha tolto diverse cisti al seno sempre benigne.
Io sono stata anche operata per endometriosi, polipo uterino e attualmente stiamo tenendo sotto controllo un piccolissimo fibroma uterino.
ho assunto la pillola anticoncezionale per brevi periodi, complessivamente neppure tre anni, e comunque una quindicina d'anni fa. Non ho mai fatto altre terapie ormonali (escludendo l'eutirox che prendo per un lieve ipotiroidismo secondario)
ad ottobre 2008 ho fatto un ecografia al seno in cui sono stati rilevati 3 piccoli noduli benigni al seno sinistro (due periareolari uno nel quadrante esterno superiore)
ad ottobre 2010 ho fatto la prima mammografia che ha rilevato un seno ancora molto denso, ma nessuna formazione sospetta
la scorsa settimana (giugno 2012) ho ripetuto la mammografia, negativa anche questa volta, e l'ecografia. L'ecografia ha rilevato gli stessi noduli della volta scorsa, ma uno era cresciuto da 6 millimetri a 13 - 15 mm. La formazione è di tipo ipoecogena, polilobata, margini netti.
La drssa che mi ha visitato (e non conosco) consigliava di far "pungere" il nodulo più grande per valutarne la natura, solo per scrupolo. Andrò a fare una nuova ecografia da uno specialista consigliatomi dal mio medico (che ha trovato la risposta della prima un po' troppo superficiale e poco sicura)
Ovviamente ora mi rode il tarlo della paura.Devo preoccuparmi?
grazie

[#1] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
No non credo che si debba preoccupare. E' probabile che si tratti di fibroadenoma di non recente insorgenza . Mi sembra corretto il consiglio precauzionale di eseguire una agobiopsia per la sua età e i precedenti familiari. Quindi considero non superficiale il consiglio che Le è stato dato.
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com

[#2] dopo  
Utente 256XXX

mi scusi, in realtà guardando il referto della radiologa, in relazione alla formazione più grande, non si parla di margini netti, non dice proprio nulla in relazione ai margini a dire la verità,credo che questa sia una delle cose che hanno lasciato nel dubbio il mio medico curante, inoltre nella risposta rimanda a controlli annuali e solo a voce ha consigliato l'agoaspirato. Sono decisamente confusa. Quanto in fretta può crescere un fibroadenoma?Può raddoppiare in quattro anni? (sembra sia stata la crescita a preoccupare la radiologa).
(fino ad ora mi sentivo molto al sicuro, non possedevo neppure uno dei fattori di rischio di tumore al seno,in compenso tra allattamento prolungato, sport e peso sempre sotto controllo, niente fumo, consumo di alcool occasionale, sembrava potessi star tranquilla, poi la diagnosi a mia zia e la mia tranquillità è stata minata...)

[#3] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Il caso della zia conta poco potendosi trattare di caso "sporadico" perchè insorto oltre i 50 anni

http://www.senosalvo.com/valutazione.htm

https://www.medicitalia.it/salvocatania/news/44/Come-si-calcola-il-rischio-reale-per-il-tumore-al-seno

Mi chiedo perchè non fare come consigliato, non importa se non scritto, una agobiopsia che è ormai un esame routinario e poco invasivo

https://www.medicitalia.it/minforma/senologia/70-agobiopsia-mammella.html

Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com