Utente 274XXX
Gentile Dott.re
sono una ragazza di 32 anni. Purtroppo negli ultimi 3 mesi la mia vita è cambiata e non sono ottimista per il futuro. ad agosto mi è stato diagnosticato un tumore duttale infiltrante 1,9 cm moderatamente differenziato (G2).
DETERMINAZIONE FATTORI PROGNOSTICI
- ER: 70%;
- PgR: 70%;
- Indice di proliferazione (Ki 67): 30%
- Hercep test (approvato FDA): score 1+ : Debole/appena percettibile marcatura della membrana individuata nel 10%
delle cellule tumorali. Le cellule sono marcate soltanto in una parte della membrana.
ho fatto lo svuotamente ascellare e su 30 sono risultati 4 linfonodi positivi.
da quello che leggo su internet la mia situazione è molto critica... lei cosa ne pensa ? la mia oncologa dice che le caratteristiche della mia malattie fanno cmq ben sperare per una serie di motivi (credo l'ormonosensibilità della malattia).
a giorni farò scintigrafia a cui seguiranno 8 cicli di chemio, radioterapia e terapia ormonale. spero lei mi possa dare qualche buona notizia.
grazie mille della sua disponibilità.

[#1] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
>> spero lei mi possa dare qualche buona notizia.>>

TANTE BUONE NOTIZIE !

E' verissimo che ci siano alcuni fattori prognostici sfavorevoli , tra questi l'indice di proliferazione e l'interessamento dei linfonodi ascellari, [ (ma sino a tre linfonodi ascellari la prognosi è più favorevole. 3 oppure quattro non fa differenza perchè siamo noi medici ad aver stabilito la soglia artificiosa di 3.....(^__^)], ma occorre dire che si tratta di un tumore ormono-responsivo e questo suggerisce un cauto ottimismo.

Pertanto.....aspetti a fare testamento (^_____^)

Ci sono altri casi di tumore al seno o all'ovaio nella sua famiglia (sino alle cugine di primo grado) e se sì a quale età è stato scoperto il tumore ?

https://www.medicitalia.it/salvocatania/news/44/Come-si-calcola-il-rischio-reale-per-il-tumore-al-seno
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com

[#2] dopo  
Utente 274XXX

Salve Dottore, grazie per la sua risposta e per la sua disponibilità.
nessun caso negli anni passati. solo l'anno scorso un caso di tumore al seno con mia zia (da parte materna) che ha circa 68 anni.

[#3] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Bene ! va considerato quello della zia come "tumore sporadico" e non crea dubbi sulla componente genetica della sua malattia [(le sue sorelle e cugine però dovrebbero aumentare la soglia di attenzione, ma anche la mamma e le altre zie, se ce ne sono, ora che è stato registrato nella famiglia il suo caso a 32 anni di età).

>>a giorni farò scintigrafia a cui seguiranno 8 cicli di chemio, radioterapia e terapia ormonale>>

Sono necessarie, ma non sottovaluti (purtroppo i medici non ne parlano quasi mai) l'importanza nella prevenzione delle recidive della

ALIMENTAZIONE

https://www.medicitalia.it/salvocatania/news/2253/FERMI-TUTTI-La-dieta-anticancro-si-rimangia-le-regole

ed ATTIVITA' FISICA

https://www.medicitalia.it/salvocatania/news/90/L-attivita-fisica-riduce-il-rischio-di-morire-prematuramente-soprattutto-per-tumore-e-infarto
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com

[#4] dopo  
Utente 274XXX

grazie mille. cercherò di stare attenta a tutto, sperando che riesca a sopravvivere.
riguardo alle mie sorelle (ne ho 2), entrambe come me aveva un nodulo e ad entrambe è stato rimosso pur non presentando nessuna caratteristica negativa. a me purtroppo quasi 2 anni fa dissero che si trattava di semplice fibroadenoma e pertanto fu deciso di non rimuoverlo :-(
grazie ancora di tutto
buon lavoro

[#5] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Suppongo sia stato asportato alle sorelle un fibroadenoma o cos'altro ?

Precisi anche la loro età.



>>>sperando che riesca a sopravvivere>>.

NON SI MUORE PERCHE' CI SI AMMALA, MA CI SI AMMALA PERCHE' SI MUORE (dentro)
[U.Galimberti]

http://www.senosalvo.com/la_vita_dopo_la_malattia.htm
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com

[#6] dopo  
Utente 274XXX

Sono più grandi di me. una 37 ed un'altra 40. si fibroadenoma.

[#7] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
>>> Purtroppo negli ultimi 3 mesi la mia vita è cambiata >>>

Due sono le frasi che ho registrato in TUTTE le donne subito dopo l'intervento

1) " PERCHE' PROPRIO A ME ?

2) "E....POI CAMBIA LA VITA"

(come vede è in buona compagnia)

http://www.senosalvo.com/e%20poi%20cambia%20la%20vita.htm

Il cambiamento è una grande opportunità che non tutti sanno cogliere.
Quelle che hanno saputo farlo hanno dato IN MEGLIO una svolta alla loro vita ed a quella delle persone intorno.
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com

[#8] dopo  
Utente 274XXX

salve dottore, mi hanno inviato i risultati dell'ultimo intervento. volevo chiederle un suo parere su eventuali buone o cattive notizie legate a questi risultati. volevo inoltre chiederle avendo fatto oggi una scintigrafia se rischio di avere da questa altre brutte notizie.

Materiale in esame - Dati Clinici
1. Radicalizzazione quadrante supero esterno (filo corto: margine areolare; filo lungo: margine esterno).
2. Linfonodi cavo ascellare sx.
K della mammella sinistra.
Descrizione macroscopica
1. In formalina:
1) Quadrante mammario, orientato da reperi, delle dimensioni di 8 x 4 x 3 cm, sormontato da losanga cutanea della
lunghezza di 5 centimetri. Al taglio perdita di sostanza di cm 5 con aree di steatonecrosi. Marcato con china dal margine
areolare al margine esterno (filo lungo), seriato ed incluso in toto.
2) Cavo ascellare delle dimensioni di cm 9 x 5 x 2,5, dal quale si isolano 35 linfonodi, il maggiore di 1,5 centimetri. In
toto.
Diagnosi
1. 1) Parenchima mammario sede di focolaio peribioptico, di carcinoma duttale infiltrante, moderatamente differenziato
(diametro 9 millimetri) con associata componente di carcinoma intraduttale cribriforme e solido con necrosi centrale di
grado nucleare intermedio ed alto ( DIN- 2-3). Evidenza di linfangiosi neoplastica. Inoltre nel restante parenchima
mammario si evidenziano multipli focolai di carcinoma intraduttale solido e cribriforme di grado nucleare intermedio ed
alto. Alcune microcalcificazioni; fibrosi, adenosi ed esiti flogistici postchirurgici con steatonecrosi. Cute nei limiti.
Commento: la componente infiltrante della neoplasia giunge a ridosso del margine di exeresi chirurgico (chinato; esterno)
dal quale dista meno di 1 mm. Inoltre multipli focolari di carcinoma intraduttale giungono in prossimità (dal quale distano
meno di 1 mm) sia del margine di exeresi chirurgico chinato (esterno) sia sul margine chirurgico non marcato con china
(interno).
2) Metastasi massiva e parziale linfo e perilinfonodale di 4 dei 35 linfonodi repertati.
G2; pT1c N2a. (cfr I-2012/7281-7290).
29

[#9] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Confermo quanto scritto precedentemente. Sulla radicalità dell'intervento ne deve discutere con il chirurgo perchè a distanza non è facile fare valutazioni obiettive.

A maggior ragione assume importanza la Prevenzione Primaria.
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com

[#10] dopo  
Utente 274XXX

si il chirurgo mi ha spiegato che (dopo la chemio) secondo lui la radioterapia sarebbe stata fatta su una zona + ampia della mammella. secondo lei avrei bisogno di un altro intervento ?
poi volevo dirle che ieri ho fatto la scintigrafia, secondo lei con le caratteristiche della mia malattia c'è la possibilità che le ossa siano già interessate ? in questo caso è possibile fare qualcosa o si procede con il programma già definito (decapeptyl, chemio (4 + 4) radioterapia ed ormonoterapia) ?

[#11] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Lei sopravvaluta la nostra capacità di fare previsioni. Putroppo non si può dare alcuna risposta in tal senso : per questa ragione si fa la scintigrafia.
Lo so che l'attesa è la peggiore compagna. Credo che si procederà con il programma comunque, ma anche questo lo sapremo solo dopo l'esito dell'esame.
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com

[#12] dopo  
Utente 274XXX

gentile dottore, in attesa dei risultati della scintigrafia, volevo approfittare della sua cortesia anche per chiederle questo; su tanti forum leggo che in casi come il mio oltre alla scintigrafia vengono fatti altri esami (tac polmoni, torace, ecc); perchè a me non li hanno fatti fare ? li farò dopo la chemio forse ? in attesa della sua risposta la ringrazio come al solito della sua disponibilità e pazienza.

[#13] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Il follow-up è sempre personalizzato.

Legga

https://www.medicitalia.it/minforma/senologia/67-follow-up-intervento-controlli-fare.html
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com