Utente 167XXX
Egregio dottore, ho 43 anni e mi è stato diagnosticato un carcinoma duttale invasivo al seno dx di 3 cm con micro calcificazioni e interessamento di almeno un linfonodo, RE 95%, PR 85%, HER2 2+.
Ho già fatto la prima seduta di FEC 90. Sto pensando seriamente di fare mastectomia ad entrambi i seni x abbassare al minimo la possibilità di avere una recidiva. Gradirei avere un Suo parere in merito e sapere se è corretto continuare comunque con la terapia neoadiuvante. Grazie.

[#1] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Ovviamente andrei avanti con la neoadiuvante.

Riguardo al problema della mastectomia profilattica controlaterale il tema è molto controverso ed è difficile a distanza esprimere pareri senza un approfondimento, in cui le ragioni psicologiche hanno pari importanza a quelle del rischio globale.

Legga
https://www.medicitalia.it/news/senologia/3426-effetto-angelina-jolie-oroscopo-genetico-rischio.html

Tanti saluti
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com

[#2] dopo  
Utente 167XXX

La ringrazio per la sollecita risposta. Ho letto l'articolo che mi ha suggerito e tutta la discussione. Quali sono i rischi si corrono a fare una mastectomia bilaterale con ricostruzione immediata? Nel caso in cui si possa preservare cute e areola nel seno malato, la probabilità di avere una recidiva rimane?
Grazie.
Cordiali saluti.

[#3] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Legga

https://www.medicitalia.it/news/senologia/3426-effetto-angelina-jolie-or

Il rischio è ridotto drasticamente anche se non azzerato in maniera assoluta.
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com