Utente 363XXX
dopo una notte insonne sono approdata qui: premetto che sono reduce (2 anni fa) da un intervento conservativo alla mammella ds, affetta da carcinoma infiltrante g3, ho fatto chemio, radio e trastuzumab. A marzo ho iniziato i controlli soliti. 5 giorni fa l'ecomammaria riporta un referto ottimo, come la mammografia e l'ecografie fatte la primavera scorsa, ma parla di una piccola area nodulare non vascolarizzata in prossimità dell'intervento chirurgico, pertanto l'ecografo mi ha detto che è la cicatrice, ma di fare una mammografia, che ora però non posso fare, parlare all'oncologo... Mi sono scapicollata dalla mia oncologa che mi ha visitata, dicendo che è tutto negativo e tutto a posto, ma a scopo precauzionale come da iter, è bene fare una RMN con mdc.anche se i valori del sangue sono perfetti. Credetemi mi è crollato il mondo addosso. Non credo all'iter, credo invece che l'oncologa non mi abbia voluto dire come stanno le cose. Perché fare la RMN?. io la radio l'ho smessa esattamente un anno fa, quale cicatrice? Temo sia qualcosa di più serio. Aiutatemi a pensare positivo come ho sempre fatto finora. La RMN l'avrò tra 5 giorni, ma l'ansia mi sta divorando. Cosa è questa area nodulare?

[#1] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Non ci vedo alcun atteggiamento di mistero nel consiglio dell'oncologo.

La attendibilità della mammografia potrebbe essere ridotta dalla fibrosi attininica che consegue alla radioterapia e pertanto è del tutto normale una richiesta di approfondimento precauzionale tramite una Risonanza.

Legga perché

http://www.senosalvo.com/approfondimenti/quando_perche_fare_RMM.htm

Tanti saluti
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com

[#2] dopo  
Utente 363XXX

neanche immaginavo la sollecitudine con cui mi avete risposto. Ho letto l'articolo e la ringrazio. ma io credevo che bastasse così, la mia oncologa ha 30 di esperienza sulle spalle, pertanto è vero che il cerchio non si è chiuso e la diagnosi non è completa, ma associo la RMN ad accertamenti per cose brutte, mia ha detto subito che quella è la cicatrice, ma dopo un secondo mi ha detto che mi spediva a fare la RMN. . Mi auguro che tutto vada bene e mi riprometto di scrivervi. Grazie tante e buona sera,

[#3] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
D'accordo
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com

[#4] dopo  
Utente 363XXX

Eccomi qui, la RMN è andata benone. Meglio così.Un pensiero in meno.
Vorrei parlarle invece del follow-up, se è possibile.
ho notato, tra i miei documenti, che a dicembre passato ho esguito RX toracica e Scintigrafia ossea. I prossimi controlli li avrò in febbraio. ma l'oncologo di turno non mi ha chiesto di ripetere questi due esami.Perché? si insiste con eco epatica,, controlli del seno accurati,e mirati, esami del sangue e marcatori, visite senologiche ma non so se è stata una dimenticanza o forse quei due non sono esami così importanti? dopo un tumore ci possono essere tante sorprese... Potrei eseguirli di mia iniziativa ma vorrei un suo parere. Ho letto dei suoi articoli dedicati. ma vorrei capire se ci sono esami di serie A o esami di serie B. Se io fossi una sua paziente, che mi direbbe di fare dopo chemio, radio, trastuzumab? A inizio cure l'oncologo mi disse che ero a rischio,non sarei una di quelle da tenere costantemente sotto controllo?

[#5] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Queste sono alcune linee guida sul follow-up

Legga

https://www.medicitalia.it/minforma/senologia/67-follow-up-intervento-controlli-fare.html
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com

[#6] dopo  
Utente 363XXX

sì, le avevo detto di aver letto, ma mi sembra di avere le idee ancora più confuse. Io non ho capito se paziente a rischio è colei che ha avuto una brutta diagnosi, se è così prima dell'intervento lo ero. Adesso va tutto piuttosto bene, si resta pazienti a rischio anche in seguito? Se sì, io dovrei fare subito a dicembre scintigrafia ossea e Rx al torace, quindi credo che sia necessario mettermi in contatto con il medico e dirgli che tra un mese sarà un anno dagli ultimi esami mirati. Se non ho capito il senso di quello che è scritto sui suoi articoli mi faccia sapere. C'è il follow-up intenso e minimalista. io sono nel secondo anno dall'intervento e si dimenticano 2 esami così fondamentali Boh! Non so cosa pensare

[#7] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Quelle sono linee guida di massima (a spanne) , poi ogni programma di follow-up viene personalizzato tenendo ovviamente in grande considerazione i fattori predittivi della malattia e la stadiazione.

Da quanto scrive non colpevolizzerei affatto il suo oncologo se non Le ha prescritto gli esami che Lei invece vorrebbe fare ad ogni costo.
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com