Utente 108XXX
Gentili medici, espongo il caso di mia moglie. Età 38, familiarità positiva per carcinoma mammario (madre con evento monolaterale diagnosticatole a 52 anni + zia materna); due gravidanze portate a termine (date dei parti 23 Agosto 2011 e 23 Luglio 2013). In data 21/05/2015 (dopo 3 anni di latitanza dagli studi medici causa gravidanze e dintorni) da controllo ecografico emerge quanto segue: "Immagine tenuemente ecogena ovalare, a margini sfumati, di 11.5 x 17,3 x 9,5 mm., dolente alla pressione, dotata di debole spot vascolare interno, apprezzabile al limite tra sottocutaneo e corpo ghiandolare. Ad ecostruttura disomogenea, dal pattern di tipo fibro-micronodulare, a carattere displasico, con note di addensamento in corrispondenza dei quadranti esterni". L'ecografo ci invia da un senologo che sottopone mia moglie ad agoaspirato il cui esito rivela "CAMPIONE COSTITUITO ESCLUSIVAMENTE DA MATERIALE AMORFO CALCIFICO". Il senologo si dice tranquilllizzato (ipotizza ciste di latte invecchiata) ma ci consiglia, tuttavia, di non abbandonare il caso suggerendoci una nuova ecografia in 4-6 mesi. Dalla nuova ecografia effettuata emerge un referto fotocopia con la differenza che le due massime dimensioni sono scese a 17,1 e 10,2. L'ecografo ci suggerisce nuovo controllo a 5 mesi.Possiamo stare tranquilli? GRAZIE TANTE

[#1] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Con i limiti del consulto a distanza e non potendo eseguire la visita nè consultare la documentazione strumentale, da quanto scrive direi di stare tranquilli e seguire quanto consigliato

Tanti saluti
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com

[#2] dopo  
Utente 108XXX

Grazie tante dottore, contavo in una sua risposta. La seconda ecografia l'abbiamo eseguita il 1 Ottobre e ha presentato un referto fotocopia per quanto riguarda le caratteristiche ecografiche e di flusso rispetto a quella del 22 Maggio. Nel mezzo, come detto, l'agoaspirato. Quattro domande: 1) L'agoaspirato (è stato guidato ecograficamente) fornisce certezze o indicazioni? 2) Condivide l'ipotesi del senologo circa la cisti di latte invecchiata? 3) Invece di controlli ecografici ravvicinati, lei consiglierebbe l'asportazione per definitiva tranquillità? 4) Considerando il doppio case familiare - mamma e zia materna - possiamo fare qualcosa in più, in chiave di prevenzione, rispetto al controllo ecografico semestrale? Grazie tante come sempre!!

[#3] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Le ho già risposto
>>Con i limiti del consulto a distanza e non potendo eseguire la visita nè consultare la documentazione strumentale, da quanto scrive direi di stare tranquilli e seguire quanto consigliato>>

SI DEVE FARE DI PIU'

Va bene quanto sta facendo, ma non c'entra nulla con la PREVENZIONE : è utile senz'altro per la diagnosi precoce.

La Prevenzione è altra cosa. Legga

Prevenzione

https://www.medicitalia.it/blog/oncologia-medica/2253-fermi-dieta-anticancro-rimangia-regole.html

http://www.senosalvo.com/vero_falso_dieta.htm

https://www.medicitalia.it/news/oncologia-medica/5739-franco-berrino-nuovo-libro-cibo-uomo.html

https://www.medicitalia.it/blog/oncologia-medica/90-attivita-fisica-riduce-rischio-morire-prematuramente-tumore.html
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com

[#4] dopo  
Utente 108XXX

Grazie tante, felice giornata

[#5] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Di nulla
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com