Utente 410XXX
Buongiorno,
mia mamma (65 anni) in data 13.04.2016 è stata operata per l’asportazione di un nodulo alla mammella dx che in sede di biopsia, effettuata prima dell’intervento, è risultato essere un CARCINOMA MUCINOSO DI BASSO GRADO.
Sono state effettuate, in fase pre-operatoria, RX Torace, ecografia addome-pelvi e scintigrafia ossea che per fortuna sono risultate tutte negative.
Markers tumorali: CEA: 9ng/ml; CA 15.3: 29.3 U/ml
La mia prima domanda è: secondo lei sono stati effettuati tutti i controlli necessari per escludere un interessamento ad altre sedi? La PET, per esempio, quando è consigliata?
In fase operatoria è stato analizzato, a detta del chirurgo, il linfonodo sentinella che è risultato positivo e quindi si è proceduto allo svuotamento ascellare.
Attualmente siamo in attesa di conoscere i risultati dell’esame istologico.
L’oncologa che segue mia mamma dice che si tratta di una tipologia di K poco aggressiva a crescita lenta ma l’interessamento linfonodale mi preoccupa molto, lei cosa ne pensa?
Già nel giugno 2015 durante un controllo periodico era stata segnalata la presenza di questo nodulo ma a detta del medico che effettuò mammografia ed ecografia non era niente di preoccupante ma si consigliava controllo dopo sei mesi.
A dicembre dello stesso anno nuovo controllo. I nodulo erano diventati due ed il primo era cresciuto. Ci dissero niente di grave e ci consigliarono una risonanza che riusciamo a fare nel mese di febbraio. Da lì la corsa all’intervento perché secondo la seconda oncologa avevamo perso troppo tempo.
Secondo lei è possibile che già da giugno si trattasse di K, anche se i margini, l’aspetto ecc vennero refertati come riconducibili a nodulo benigno?
Sono veramente molto confusa e in ansia per quello che sarà l’esito dell’esame istologico, scusi l’ignoranza ma potrebbe succedere che dall’istologico venga fuori un qualcosa di diverso da quello emerso in fase di biopsia?
L’aggiornerò sull’esito dell’istologico appena sarà nella nostra disponibilità, nell’attesa la saluto cordialmente e la ringrazio anticipatamente per la risposta.
Buona giornata.

[#1] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Confermo la bassa aggressività dell'istotipo riscontrato e la positività linfonodale è da mettere in relazione con la diagnosi non certo precoce del tumore.

Ci aggiorni se lo desidera con l'istologico definitivo.

Tanti saluti
Salvo Catania
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com

[#2] dopo  
Utente 410XXX

Grazie dottore per la risposta!
Da quanto scrive intuisco che già da giugno scorso molto probabilmente si trattava (quasi certamente) si trattava dello stesso nodulo! Secondo lei gli esami effettuati finora sono sufficienti x definire lo stadio della malattia?
Non so se sono più arrabbiata con chi ha effettuato i controlli in passato o preoccupata per quello che verrà!
Scusi lo sfogo ma mia mamma ha sempre effettuato i controlli regolarmente e trovarci adesso in questa situazione non fa certo piacere....saremmo potuti intervenire!
Quasi un mese per l'istologico!
Le terapie entro quanto tempo dovrebbero essere iniziate?
Spero di riuscire ad aggiornarla presto.
Grazie ancora e buona giornata.

[#3] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Di nulla
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com

[#4] dopo  
Utente 410XXX

Buongiorno Dottore,
dopo quasi due mesi abbiamo a disposizione l'esame istologico, Le riporto di seguito il referto:
Descrizione macroscopica:
Quadrante di cm 10x5x4 sormontato da losanga di cute di cm 8x3 sezionato in prossimità di neoformazione di cm 2 in diametro massimo.

Diagnosi:
Carcimona mucinoso, varietà ipercellulata. Non evidenza di invasione vascolare e perineurale. La neoplasia si estende in prossimità del margine profondo di resezione (distanza 1 mm). I restanti margini di resezione e la cute sono indenni da neoplasia.
RE positivo (circa il 100% della popolazione cellulare neoplastica)
Rpg negativo
Mib1 20% (circa della popolazione cellulare neoplastica)
Hercep test (Dako test): +1
Mammella resezione:
- Esente da neoplasia
Linfonodi ascellari: Linfoadenectomia regionale (pacchetto linfonodale)
- Non evidenza di neoplasi nei 20 linfonodi repertati

L’oncologo per ora ha escluso la chemioterapia accennando alla possibilità di ricorrere solo alla radioterapia e forse alla terapia ormonale.

L’approccio a suo avviso risulta condivisibile?

La ringrazio anticipatamente

[#5] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Tranne la positività del linfonodo sentinella quasi tutti i fattori prognostici sono favorevoli e tutto il quadro suggerisce un cauto OTTIMISMO.
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com

[#6] dopo  
Utente 410XXX

Grazie mille Dottore,
Condivide quindi la terapia proposta, cioè radio + cura ormonale?

Ps. Leggo da tempo le sue risposte ai vari consulti e quando utilizza "cauto ottimismo" non so perché ma mi tranquillizza! Ora lo ha usato x me.....:) cercherò di essere positiva!

Buona giornata e grazie ancora

[#7] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Infatti intendevo tranquillizzarla.
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com

[#8] dopo  
Utente 410XXX

Scusi dottore,
Non riesco a capire se volutamente non risponde alla mia domanda sulla proposta di terapia, cioè esclusione di chemioterapia.
E poi un'altra mia curiosità, quando mi scrive che "quasi tutti" i fattori prognostic ecc., a quali si riferisce?
Grazie come al solito è buona serata.

[#9] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
1) Sì volutamente non rispondo perchè potrebbe interferire con le sue scelte ed è vietatissimo dalle linee guide e dal codice deontologico senza una consultazione diretta(=visita) del paziente e di tutta la documentazione strumentale

2) Tuttavia se rilegge bene le mie repliche è sottinteso in modo palese il mio punto di vista

a) il carcinoma mucinoso, e questo addirittura di basso grado, è un tumore relativamente raro (2%), con prevalenza nelle donne anziane.

b) presenta una buona prognosi ed in questo caso tutti i fattori prognostici allegati all'istologico sono favorevoli ( Recettori ormonali positivi ecc ecc), salvo la positività del Linfonodo Sentinella, che comunque è l'unico interessato (altri 20 negativi) e in relazione all'istotipo poco aggressivo ha un significato non preoccupante. Ed in ogni caso anche per altri istotipi quando N+ (linfonodi interessati) sono< di 3 (qui 1 solo), si parla di prognosi favorevole.

Conclusioni :
non Le posso rispondere sul tipo di terapia adiuvante proposta, ma se il suo oncologo avesse optato NON per la chemioterapia e io fossi il figlio sarei...ASSOLUTAMENTE TRANQUILLO !

Tanti saluti
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com

[#10] dopo  
Utente 410XXX

Dottore,
La ringrazio, la stimo come professionista e come persona.
Ancora grazie