Utente 811XXX
Salve! Sono una donna di 30 anni ed ho un problema che mi assilla: una seconda scarsa di seno. La chirurgia plastica è una frontiera che per ora non mi sento di affrontare, per cui vorrei informarmi su qualche modo per inturgidire il mio seno senza aumentarne le dimensioni di chissà quanto, ma in modo tale da renderlo "gonfio" come nel periodo premestruale. Ho letto che vi sono dei fitoestrogeni in farmacia (breast-up) che promettono l'aumento di una taglia, che però nei forum smentiscono come risultati definendoli buoni solo per un forte inturgidimento del seno (cosa che a me già andrebbe benissimo!) ...unico problema: se fanno ottenere risultati minimi si rischia per la salute? Stesso discorso per brava-system, un reggiseno che indossato per 10 ore al giorno per 10 settimane dovrebbe creare una sorta di espansione tessutale che, a vedere dal sito, è minimo ma almeno non chirurgico... per ottenere un risultato minimo stile "premestruale" queste cose possono essere utilizzate senza alcun rischio per tumori e simile?

[#1] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Gentile utente,
1)sul brava-system non ho esperienza, non ci sono studi, e sino a dimostrazione contraria la considero l'ennesima trovata pubblicitaria senza alcun fondamento scientifico.
Per la stessa ragione nulla si può dire sulle controndicazioni o rischi.
2)Sull'uso dei fitoestrogeni sull'aumento del seno senza chirurgia numerose sono sul Web le richieste come la Sua
alle quali ho già dato decine di volte la stessa risposta.
Esistono prodotti in grado di aumentare temporaneamente le dimensioni del seno.
Sono prodotti a base di fitoestrogeni, composti vegetali, che hanno una struttura simile agli estrogeni umani, ma hanno una azione ormonale molto più debole.
Una supplementazione dietetica ottimale di fitoestrogeni è di circa 60 grammi di proteine di soia, corrispondenti a circa 60 mg di fitoestrogeni.
Rispondo alla preoccupazione principale sull'ipotetico rischio di tumore al seno : una terapia o dieta di fitoestrogeni non soltanto non è dannosa ma è addirittura protettiva nei confronti dei disturbi della menopausa, delle malattie cardiovascolari ed è senz'altro utile nella prevenzione dei tumori della mammella come dimostrato dalla minore incidenza di questi tumori nelle donne di molti paesi orientali nei quali prevale una alimentazione povera di grassi animali e proteine, e ricca di vegetali soprattutto di soia.

Un discorso a parte invece meritano i prodotti a base di fitoestrogeni come alternativa "economica" al bisturi per aumentare il volume del seno.
Le aziende venditrici di fitoestrogeni promettono l'aumento di una o due taglie di reggiseno in virtù di una struttura simile a quella degli estrogeni, potendo sfruttare gli stessi recettori per gli estrogeni.
La differenza è che il legame che questi ormoni vegetali stabiliscono con i recettori degli estrogeni, è mille volte inferiore.
Pertanto per poter osservare risultati apprezzabili
OCCORRONO GRANDI QUANTITA'di fitoestrogeni.
E il punto è proprio questo :al momento non ci sono studi seri e rigorosi in grado di evidenziare possibili effetti collaterali di GRANDI QUANTITA'DI FITOESTROGENI.
Tra l'altro mancano dati affidabili sulla reale efficacia
di questi prodotti a medio e lungo termine.

Cordiali saluti
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com

[#2] dopo  
Utente 811XXX

Certo, avevo letto la sua risposta... L'unica cosa che non capisco è se i prodotti in farmacia sono assolutamente privi di risultato o se magari possono migliorare l'aspetto pur senza strafare... Ho sentito anche molto parlare delle perle di borragine! Non vi sono iniezioni di collagene, o qualcosa di più soft della chirurgia per un risultato altrettanto leggero?

[#3] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Qualsiasi altro composto che ha una struttura simile agli estrogeni umani ha una azione ormonale molto più debole e quindi ne occorrerebbero grandi quantità, sulla cui efficacia e sicurezza non ci sono studi.
Se non ha azione simile agli estrogeni è sicuramente inefficace
In farmacia o erboristeria se si tratta di fitoestrogeni la risposta è sempre la stessa.
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com

[#4] dopo  
Utente 811XXX

a dire il vero non so se è tanto o poco ciò che contengono...gli ingredienti sono: FIENO GRECO
- FINOCCHIO
- GALEGA
- LUPPOLO
. SAMBUCO
- POLLINE
- ORTICA
- EQUISETO
- VERBENA
- PREZZEMOLO
- NOCCIOLA
- GRANO SARACENO
- AVENA
- PROTEINE DELLA SOJA
- ORZO
- MAIS
- OLIO DI GERME DI GRANO
ne consigliano circa 5 capsule al gg... detto ciò... almeno possono rassodare il seno (al di là dell'ingrandimento...)in queste dosi senza provocare pericoli?

[#5] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
>>>>>>>>PROTEINE DELLA SOIA<<<<

Gli effetti benefici della soia sono legati alla presenza di fitoestrogeni (sostanze naturali contenute nelle piante con azione estrogeno-simile) e di isoflavoni(sostanze molto efficaci nel contrastare i disturbi della menopausa). Per essere assorbiti gli isoflavoni devono essere convertiti in agliconi (daidzeina e genisteina) ad opera della flora batterica intestinale. Una volta assorbite queste sostanze vengono rielaborate dal fegato che le metabolizza producendo derivati con attività estrogena.

Forse non mi sono spiegato chiaramente, anche se non ho la più pallida idea, della quantità di proteine di soia contenuta nelle capsule che vorrebbe assumere

1) O la dose è inefficace per rassodare il seno, perchè la quantità di fitoestrogeni è bassa. E in questo caso addirittura si potrebbero avere effetti benefici quelli conosciuti dalla assunzione della soia.

2) Oppure è molto alta e potrebbe essere, nel periodo dell'assunzione, efficace per rassodare il seno, ma non ci sono studi in grado di escludere eventuali pericoli
soprattutto per periodi lunghi di somministrazione.


Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com