Utente 423XXX
Salve dottori,
scrivo in quanto ad inizio estate giocando,mio marito mi ha ''stretto'' molto forte il seno destro tanto da provocarmi un dolore lancinante ma con assenza di evidente livido.
Sono stata costretta dal dolore a recarmi dal mio vecchio medico che mi ha semplicemente prescritto tre giorni di antifiammatorio per via orale , con il quale però il dolore non è passato !
Ho appena cambiato dottore (anche per altre cause) e quest'ultimo visitandomi e provando delle manovre manuali (se cosi si può dire) mi ha confermato una ''contusione'' dandomi una terapia cutanea e dicendomi che essendo una contusione ed essendo stata precedentemente mal curata andrà via qualche mese prima che il dolore sparisca del tutto!!
Ho iniziato la terapia cutanea da una settimana circa e devo dire che va meglio...però adesso questo dolore dal seno dx si sta espandendo tra la fine dell'attaccatura del seno e l'ascella .
La mia paura (magari infondata) e che questa contusione si sia tramutata in un cancro!
Ho pensato una visita senologica o mammografia ...secondo voi potrebbe essere una giusta soluzione? o mi sto semplicemente fissando?
Grazie per l'attenzione,saluti.

[#1] dopo  
Dr. Stefano Bernini

20% attività
4% attualità
0% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 24
Iscritto dal 2016
Prenota una visita specialistica
Gentilissima
la genesi di un cancro non è mai legata a un trauma, su questo non abbia alcun timore. Ma è possibile che in seguito a un trauma si formi nel seno una lesione assolutamente innocua che permane per mesi e anche anni. Una formazione solida che non necessita di alcuna terapia o preoccupazione, e che può essere asportata chirurgicamente unicamente in caso di fastidi soggettivi.
Dr. Stefano Bernini

[#2] dopo  
Utente 423XXX

Caro Dottore,
la ringrazio sinceramente di cuore per avermi dedicato il suo tempo e avermi risposto in maniera molto accurata ed esaustiva , tranquillizzandomi davvero tanto .
Le auguro buon lavoro e buona giornata.

[#3] dopo  
Dr. Stefano Bernini

20% attività
4% attualità
0% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 24
Iscritto dal 2016
Gentilissima
non eviti comunque di realizzare una visita senologica specialistica e relativi accertamenti, ecografia o mammografia.
E importante escludere che il trauma non abbia lacerato una preesistente lesione. E, in tal caso, distinguere tra un innocuo fibroadenoma o una lesine tumorale è essenziale.
un cordiale saluto
Dr. Stefano Bernini

[#4] dopo  
Utente 423XXX

Buonasera dottore,
sicuramente appena rientra dalle ferie il mio medico di base farò richiesta per una visita ed una mammografia presso uno specialista.. perché comunque il dolore persiste soprattutto a seconda dei movimenti e della postura ,tanto che inizio a considerare l'ipotesi di un ''nervo accavallato-infiammato'' , potrebbe essere tutto o niente ecco perché appena mi sarà possibile eseguirò una visita per approfondire meglio il caso.
La ringrazio ulteriormente per la sua pazienza,la sua gentilezza e il tempo che mi ha dedicato.
Cordiali saluti.

[#5] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Intanto da quanto scrive ritengo che la sua, pur se comprensibile , preoccupazione sia eccessiva in senso oncologico.

Non c'è ragione da quanto descrive di eseguire a 26 anni una mammografia. Ne parli con il curante e partirei da una ecografia se all'esame clinico ci fossero dubbi (il quadro strumentale post traumatico frequentemente può non risultare chiarissimo per periodi variabili sino a completo riassorbimento di eventuale versamento ematico).

E tanto meno esiste una indicazione alla asportazione chirurgica di una lesione postraumatica anche se fosse causa di "disturbi soggettivi".

Tanti saluti
Salvo Catania
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com

[#6] dopo  
Utente 423XXX

Buonasera dottore ,
innanzitutto la ringrazio per aver risposto al mio quesito e anche in maniera molto esaustiva e paziente, lunedì il mio medico rientrerà in studio,quindi mi recherò da lui per un ulteriore controllo e per riparlare della mia situazione e vedere quali provvedimenti poter prendere (magari sarà più indicata un'ecografia )!!
Farò presente al mio medico i preziosi consigli suggeriti da entrambi voi dottori.
Ancora una volta vi ringrazio, non avrei mai pensato di poter trovare tanto supporto anche se in maniera online.
Grazie ancora ad entrambi cari dottori per avermi supportata.

[#7] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Di nulla e ci aggiorni se lo desidera
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com