Utente 249XXX
Buongiorno,
In seguito a dei dolori e ad aver notato qualcosa al tatto, mia nonna (72 anni) ha deciso di effettuare una mammografia.

Vi riporto qui l'esito:

Ghiandole mammarie caratterizzate da addensamento strutturale diffuso di tipo fibro-adenosico, senza chiara apprezzabilità di definite immagini da riferire a lesioni nodulari di tipo infiltrante.
Piani retro-mammari e tessuti superficiali indenni.
Cavi ascellari liberi da tumefazioni lindo nodali di tipo proliferativo.
Presenza di linfoadenopatie aspecifiche bilateralmente.
Non evidenza di calcificazioni raggruppate a caratteri patologici.
Calcificazioni di atrofiche a destra.
Opportuno esame ecografico.

Cosa vuol dire? C'é il rischio che possa essere qualcosa di grave?
Grazie mille.

[#1] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Non c'è nulla di preoccupante dal referto che allega.

Si consiglia solo una integrazione ecografica precauzionale per la persistenza di strutture ghiandolari.

Tanti saluti
Salvo Catania
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com

[#2] dopo  
Utente 249XXX

Gentile Dott. Catania,

A seguito della mammografia, mia nonna ha effettuato un'ecografia. Di seguito il referto:

Tessuto ghiandolare ben rappresentato, con prevalenza della componente fibro-adiposa nel suo contesto. Al prolungamento ascellare di destra si evidenzia una formazione ovalare di circa 2,2x1,44 cm, a margini irregolari ed eco struttura disomogenea sospetta per lesione proliferativa.
Si consiglia visita senologica ed approfondimenti diagnostici (RMN con mdc).
Regolari i piani superficiali e retromammari.
Presenza di alcune tumefazioni linfonodali in sede ascellare bilateralmente.

La dottoressa ha fatto intendere si trattasse di tumore probabilmente.
Lunedì ha la visita con un senologo.
Mi darebbe un suo parere?
Grazie mille.

[#3] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Sì è probabile in relazione all'età

Purtroppo la persistenza di densità ghiandolari "copriva"la presenza del nodulo rilevato dalla ecografia.
Infatti Le avevo risposto >>Si consiglia solo una integrazione ecografica precauzionale per la persistenza di strutture ghiandolari. >>


Ora è indicata una agobiopsia ecoguidata per esame cito-istologico.

Saluti
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com