Utente 462XXX
Buonasera gentili medici,
Sono una donna di 40 anni, in cura e sotto controllo annuale (dopo intervento al seno, all'età di 25 anni, per asportare un fibroadenoma) per mastopatia fibrocistica al seno.
In data 5 dicembre mi sono fatta aspirare una ciste grande e abbastanza dolorosa in prossimità della mammella destra dopo aver eseguito opportuna ecografia mammaria bilaterale che ha confermato la benignità dell accumulo di grasso.
Ora, a distanza di 6 giorni, mi sono accorta che qualche cm più in alto rispetto alla ciste aspirata provo dolore solamente al tatto oltre ad avere un livido. Dopo l'aspirazione non ho applicato ghiaccio né preso antifiammatori per sfiammare la zona ma vorrei capire se il dolore che ho potrebbe essere dovuto al trauma dell'ago anche se non è il punto in cui mi hanno "siringata".
Vi ringrazio per la cortese attenzione che vorrete rivolgermi.
Cordiali saluti

[#1] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Si' e' possibile, in ogni caso non mi preoccuperei anche se solo con la visita se ne puo' avere conferma.

Tanti saluti
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com

[#2] dopo  
Utente 462XXX

Grazie mille dottor Catania,

stamattina alla palpalzione che uso fare quotidianamente ho sentito una pallina dura dove provo dolore, credo sia un'ulteriore cisti visto che ne produco in sovrabbondanza, oppure un linfonodo che si è gonfiato.

Quasi quasi verrei a fare una visita da lei, ho visto che riceve più o meno vicino a dove lavoro. Non ho più un medico senologo di riferimento, la mia cara dottoressa senologa che mi seguiva e con la quale mi trovavo benissimo è andata in pensione e mi ha lasciata in braghe di tela purtroppo, continuo a girare da un medico all'altro ma desidererei fermarmi.
Grazie ancora
Saluti

[#3] dopo  
Utente 462XXX

Egregio dottor Catania,
Ne approfitto di questo post per chiederle un ulteriore parere.
Dopo il quesito e sua risposta mi sono recata dal medico di base a farmi vedere, alla visita palpativa ha rilevato un "piastrone duro" (così l'ha definito) dicendo che era una conseguenza dell'ago aspirato. Mi ha liquidata con terapia di synflex. Ora, da sabato, mi è venuta la febbre che oscilla dai 38.4 ai 37.2 nell arco della giornata, senza altri sintomi da raffreddamento se non dolori ossei e mal di testa. Mi scuso se la domanda può risultarle stupida da buona ignorante in campo medico... ma potrebbe essere correlata a qualche infezione/infiammazione in corso dovuta all ago aspirato?
Cordialmente