Utente 474XXX
Buongiorno, allatto il mio bimbo in maniera esclusiva dai 6 mesi, ho iniZiato 15/20 giorni fa ad avvertire dolore alla suzione tale sintomo si è trasformato nel tempo non provocando più dolore alla suzione ma dopo l allattamento ( in alcuni casi insorti addirittura un ora dopo) con fitte lancinanti su tutto il seno che durano in paio d ore rendendo assolutamente impossibile qualsiasi altra attività ( dolori davvero forti che metto alla pari dei dolori provati in travaglio). Questa sintomatologia appare soprattutto dopo la poppata del mattino. Sono stata visitata 15 giorni fa da ginecologa che ha escluso candidosi e ha ipotizzato una flebite ( si vedeva sul seno una vena/ dotto molto rosso che finiva con una sorta di ponfo vicino al capezzolo) e mi ha prescritto terapia con antinfiammatorio ( brufen 600) la quale nn ha dato alcun esito, mi sn rivolta dunque ad una senologa che ha diagnosticato una nevralgia e ha prescritto pastiglie per far andare via il latte che ho scelto di non prendere per darmi un ultima possibilità e sperare di capire realmente il problema, il pediatra di mio figlio ha escluso anche lui la candida ma sto facendo cmq la cura con daktarin gel da 10 gg per evitare anche questa possibilità. Presa da sconforto ho deciso di iniziare anche una terapia antibiotica da 3 gg a questa parte con amoxicilLina la quale al 2 giorno ha iniziato a dare beneficio anche se stamattina dopo la poppata ho riavvertito dolore sebbene leggermente più sostenibile. Da una settimana a questa parte il seno non presenta più la vena/ dotto arrossato ma è rimasto solo il ponfo finale vicino al capezzolo...spesso dopo la poppata ho notato gonfiore sotto al capezzolo come ci fosse ristagno di liquido sottostante. Il seno é sempre stato molto molto morbido niente a che vedere con ingorgo mammario che ho sperimentato più volte dallo stesso seno riuscendo sempre a drenare con docce calde e poppate frequenti e risoluzione in meno di 48 ore. Non so davvero cosa pensare e vorrei capire quano meno a che specialista potermi affidare visto che fin ora non ho avuto risposte risolutive. Ho iniziato lo svezzamento del bambino che ora mi permette di fare meno poppate al seno ma vorrei capire se è o meno il caso di interrompere bruscamente l allattamento mettendo " una pietra sopra" al problema. Grazie mille

[#1] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Nel suo caso non e' possibile (oltre che vietatissimo) soddisfare la sua richiesta perche' per apportare il contributo che si aspetta da noi la visita e' assolutamente indispensabile e non solo per escludere una candidosi, come rriporta lei, ma per una diagnosi differenziale tra le varie cause di mastalgia

Legga
https://www.medicitalia.it/minforma/senologia/72-dolori-seno-mastalgia-mastodinia.html
http://www.senosalvo.com/approfondimenti/cura_sintomo_dolore_mamario.htm
http://www.senosalvo.com/approfondimenti/dolore%20al%20seno...di%20competenza%20ortopedica.htm

Tanti saluti
Salvo Catania
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com

[#2] dopo  
Utente 474XXX

Grazie lo stesso