Utente 262XXX
Gentili Dottori

nel 2011, durante la doccia ho notato un piccolo nodulino sotto il capezzolo sinistro tastabile con la mano, il mio petto era normale come sarebbe quello di un uomo di quell'età.
Feci un'ecografia qualche mese dopo quando la ghiandola mammaria monolateralmente si gonfiò un poco. Il verdetto fu: ginecomastia.
Nel 2013 la situazione era nuovamente cambiata. La ginecomastia non era più monolaterale ma bilaterale.
Anche la ghiandola mammaria destra ne era coinvolta, seppur meno a livello di gonfiore di quella sinistra.
Mentre a destra non ho mai avuto nessun sintomo se non il gonfiore, a sinistra ho sempre sentito come " tirare internamente" fin sotto il braccio, sensazione di dolore come di un ago che punge un nervo, in più dolore nella zona sulla schiena corrispettiva all'altezza della mammella e il capezzolo sinistro a volte prudeva, altre volte la pelle era come se facesse pellicine, arrossata, poi tornava normale come colore.
Occasionalmente spuntavano come dei brufoletti sottopelle nella zona del capezzolo sempre a sinistra due o tre appena avvertibili al tatto per poi sparire. Solo due volte in 4 anni è uscito pochissimo liquido giallognolo chiaro che si asciugava subito sul capezzolo.
All'ultima ecografia del 2013 risultava a destra ginecomastia, a sinistra idem, ma a sinistra vi era: area sfumatamente ipoecogena con diametro trasverso di 11 mm e antero-posteriore di 9 mm. Minima ectasia dei dotti galattofori.
Io e il mio medico non sappiamo spiegarci i dolori locali occasionali che spariscono e tornano dopo mesi e il fatto il gonfiore sia aumentato da entrambe le parti in questi 5 anni. Sono anche ingrassato di 10 kg avendo sempre un senso di fame continuo. Le analisi del sangue non danno valori alterati, colesterolo ottimale e glicemia 93 su 110.
Prolattina 18,5 come valore costante ripetuto a distanza di 2 anni per 2 volte sempre medesimo valore.

L'unica mia preoccupazione riguarda l'ecografia...che a differenza di un'indagine di radiodiagnostica dipende dalla bravura dell'operatore e mi sembrò frettolosa l'operatrice nel 2013 in 4 minuti passo l'ecografo su entrambe le mammelle e disse di non preoccuparmi.
Pensavo di chiedere al mio medico delle analisi ormonali magari sugli estrogeni, potrebbero, avendo io 29 anni ora essere causa di questi sintomi? fame continua, essere ingrassato, e aumento della ginecomastia?

Pensavo anche di chiedere dopo 5 anni una nuova ecografia.
Mi è stato detto da tutti che il cancro al seno maschile è un'utopia e di non pensarci e che sono giovane, però questi dolori, questi segni solo a sinistra mentre a destra la ginecomastia è priva di ogni sintomo escluso il gonfiore, mi preoccupano un po.

Spero in un consiglio su eventuali esami e parere se devo preoccuparmi almeno un po o per niente.

Ringrazio

[#1] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
In tutta serenita' farei per trovare molte risposte alle sue domande

1) Controllo ecografia mammaria bilaterale
2) VISITA ENDOCTINOLOGICA

https://www.medicitalia.it/minforma/senologia/73-mammella-maschile-ginecomastia-carcinoma-patologia-mammaria.html
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com