Utente 100XXX
fastidioso turgore della mammella sin, eseguita ecografia con esito:in sede para-areolare supero-esterna, presenza di formazioni iperecogene omogenee ovalari a contorni regolari, in sede endoduttale, del diam max. di 1.1 cm, riferibili ad accumulo di secreto; si esegue prelievo ecoguidato per esame citologico, ottenendo materiale biancastro. AGOASPIRATO:strisci costituiti da sostanza amorfa inglobante linfociti, istiociti ed agglomerati epiteliali talora disposti in strutture similpapillari con discariosi moderata
C-3
Mi è stata consigliata exeresi chirurgica delle lesioni previo reperaggio con filo metallico ecoguidato ed esame istologico estemporaneo. Questo intervento comporta dei rischi? se si, quali? E quali le possibili cause di questa patologia? L'intervento sarebbe risolutivo? Ringrazio per l'attenzione prestatami.

[#1] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Se, come è probabile, la natura della lesione verrà confermata come benigna l'intervento sarà risolutivo.

Rischi in che senso ? Nessun intervento è esente da rischi al 100%, ma nel suo caso si tratta di in intervento routinario conservativo di "entita" minima.
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com

[#2] dopo  
Utente 100XXX

Ringrazio per la tempestiva e rassicurante risposta; rileggendo quanto scritto mi accorgo di non aver segnalato la terapia prescrittami: DANZEN 5 mg - 2 compresse al dì. Credo serva ad eliminare il fastidio e non la causa... Ancora GRAZIE, cordialmente!

[#3] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Sì è proprio così.
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com

[#4] dopo  
Utente 100XXX

Gentile dottore, il chirurgo che dovrebbe eseguire l'exeresi della quale le ho parlato mi ha prescritto la risonanza magnetica per delimitare l'area interessata e mi ha anche prospettato l'ipotesi che in sede di intervento, potrebbe presentarsi la nacessità di asportare anche i linfonodi... Qual'è il suo pensiero a riguardo? Nel frattempo il fastidio che ha richiesto questi accertamenti diagnostici è quasi totalmente scomparso. Ho pensato che probabilmente l'infiammazione si è risolta... Occorre comunque che prosegua nel percorso consigliatomi? La ringrazio per l'attenzione che vorrà prestarmi.

[#5] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Prima di prospettare l'asportazione dei linfonodi occorre una diagnosi, che ancora non c'è.
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com

[#6] dopo  
Utente 100XXX

GRAZIE!

[#7] dopo  
Utente 100XXX

gentile dottore...
...sono di nuovo qui, con il referto della RM mammaria...: "Nelle sequenze dinamiche a sinistra in sede para-areolare supero-esterna, verosimilmente in corrispondenza del rilievo ecografico presente area di enahncement disomogeneo, a contorni sfumati, di 1,5 cm circa, che nelle valutazioni in post-processing mediante ROI posizionate in corrispondenza evidenzia curve IS/t di tipo benigno (tipo Ib)
CONCLUSIONI: area con caratteristiche morfologiche e dinamiche di benignità, di verosimile significato displasico. In ragione del referto citologico ecoguidato (C3), si consiglia exeresi chirurgica previo reperaggio ecoguidato con filo metallico.
...questo intervento è proprio da fare? e il reperaggio con filo metallico?...
Perdoni la grande incertezza, un suo parere mi aiuterebbe a superarla... GRAZIE!

[#8] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Solo a scopo cautelativo per la sua età è perchè la diagnosi di benignità non è dimostrata.

Lo faccia l'intervento che è poco invasivo e chiuderà una volta per tutte questa storia che rischia di diventare infinita.

Il "reperaggio" è un sistema per localizzare la sede del nodo.
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com

[#9] dopo  
Utente 100XXX

grazie, dottore... Le auguro buona giornata, di cuore!!!