Luts e disfunzione erettile

Salve Dottori,
ho ho 35 e non ho nessuna patologia.
Ho sempre giovato di buona salute e ho sempre praticato sporto.
Ex fumatore non bevo e non mangio zuccheri raffinati.
Seguo una dieta molto salutare.
Riporto qui tutti i test che ho fatto e spero di poter avere dei chiarimenti perche' sono stato da vari urologi in 1 anno e nessuno di questi e' stato capace di risolvere le mie problematiche.

- Esami omronali nella norma
-ecografia addominale tutto nella norma tranne che la prostata presenta delle calcificazioni per una passata (potente) prostatite.
Volume mm47x37x44-vol 40cc (a 28 anni la mia prostata era di 27 cc)
-ecodoppler penieno
Esame del pene allo stato flaccido Cute, sottocute e fascia dartoica modicamente iperecogene e regolari.
Linea ecogena corrispondente all'albuginea e alla fascia, continua e regolare, di normale spessore (1 mm.
in sededorsale).
Corpi cavernosi penieni ben riconoscibili e dissociabili, simmetrici, a margini regolari, ecostruttura lievemente ipoecogena, omogenea.
Normale la struttura del setto pettineo.
Corpo spongioso dell'uretra ad ecostruttura omogenea.
Uretra anteriore con pareti collabite.
Normale l'ecostruttura del glande che appare leggermente iperecogeno rispetto ai corpi cavernosi.
Soddisfacente visualizzazione delle aa.
cavernose e dorsali
del pene che presentano diametro di 0, 5 mm... In fase di erezione Fase dinamica eseguita previa somministrazione intracavernosa di 20 mcg di Alprostadil
(PGE1).
Misurazione Doppler affettuata entro 1, 3, 5, 10, 15, 20 minuti con studio comparativo effettuato a livello della radice e del III medio del pene.
E' stato osservato episodio erettivo con la progressiva distensione delle lacune dei corpi cavernosi, rigidità > 70%, di durata superiore a 10 minuti, con lieve incurvamento destro,
sufficiente alla penetrazione.
Assottigliamento omogeneo della tunica albuginea che presenta spessore < 0, 5mm.
, in piena erezione Normale il massimo shift sistolico dinamico (destro 66 cm/sec, sinistro 57 cm/sec.
). Diametro delle arterie cavernose post-infusione > 1 mm.
Non rilevati vasi comunicanti, né variazioni
patologiche dell’anatomia vascolare.
Arterie elicine ben visibili e di normale calibro.
Si è rilevata una rapida risposta alla somministrazione del farmaco con tempo di inizio della vasodilatazione < 1 min.
e regolare progressione della velocità del flusso ematico e delle resistenze cavernose nella fase di riempimento e di piena
erezione, con massimo effetto rilevato a circa 10 minuti dall’iniezione.
Fase di accelerazione < 100 msec... Nella fase di massima rigidità si è rilevata un' evidente riduzione del flusso ematico sisto-diastolico (fase III) con onda reverse olodiastolica (fase IV).
Lo studio venoso ha evidenziato normale funzione veno-occlusiva con
fase diastolica assente durante la massima erezione.
CONCLUSIONI Esame nella norma.
-spermiogramma e urinocoltura negativi
-uroflussometria Qmax 13, 6 ml/s Voided vol 239ml flow time 31, 3 total time 36, 8 s average flow 7, 6 ml/s time q max 13, 5s Residual volume Assente
Sono anche stato operato di varicocele, metodo ivanissevich 7 mesi fa e ho la sensazione che da allora la mia sensibilita peniena sia diminuita ma soffrivo gia dei sintomi sopra citati. ecografia post intervento dopo 3 mesi non presentava piu varicocele ma ho ancora un piccolo fadtidio sulla parte alta sx del pene. come se qualche nervo sia ancora infiammato.
Ho anche eseguito le onde durto che ovviamente non mi hanno dato alcun tipo di miglioramento. Successivamente, documentandomi, ho saputo che le onde durto sono indicate a chi ha problemi vascolari.
All'ultima visita la mia prostata era molto dolente al tatto e per l'ennesima volta il dottore mi ha prescritto integratori. Onestamente non so piu' cosa fare per uscirne fuori. Sono stanco di andare da professori, spendere soldi che non ho e ritrovarmi sempre punto e a capo.
Sarei lieto se qualche dottore onesto e veramente esperto possa darmi qualche chiarimento o consiglio sul da farsi. Grazie per il vostro tempo
[#1]
Dr. Paolo Piana Urologo 40.4k 1.8k 19
Lei ci riporta dettagliatamente molte cose, ma non si sofferma su quella per noi forse più importante, ovvero la natura e l'intensità dei suoi disturbi. Ci racconti qualcosa di più, perbacco!

Paolo Piana
Medico Chirurgo - Specialista in Urologia
Trattamento integrato della Calcolosi Urinaria
www.paolopianaurologo.it

[#2]
Utente
Utente
Salve Dr. Piana,la ringrazio per la sua risposta.
Onestamente non so quale sia la natura dei miei problemi ma i miei sintomi sono disfunzione erettile e bisogno di urinare piu' frequentemente, a volte leggero bruciore alla punta del pene.Flusso urinario e getto eiaculatorio deboli.Quest'ultimo ha assenza del classico getto.Il mio sperma esce a gocce,per intenderci meglio. Di notte mi sveglio dopo 6 ore per urinare nonostante non abbia chissa' quanta urina da espellere.Riesco a trattenere l'urina senza problemi e a volte ho un po' di costipazione ma niente che possa crearmi problemi ad andare in bagno.
Fino a qualche mese fa mi svegliavo ancora con erezioni mattutine che erano sul 90% ma adesso sono sempre semi-dure. Come se ci fosse un qualche blocco del sangue.Non riesco neanche piu' ad avere erezioni tramite stimolazione manuale e se ci sono sono cmq deboli.Premetto che la maggior parte degli esami li ho fatti di mia spontanea volonta' perche' solitamente mi viene sempre diagnosticata una prostata congesta.Di mia volonta' per alleviare i sintomi sto assumendo cialis 5mg che diciamo mi aiuta un po' per la minzione e fastidi della prostata.(informazione che ho ottenuto documentandomi)Con il cialis non riesco cmq ad avere erezioni ma in compenso mi ha alleviato dal fastidio che avevo alla zona pelvica.Non so spiegarlo bene,non era dolore era proprio come se fosse un bruciore ,quasi come se fosse uno stimolo alla minzione.
IN questi mesi ho letto di tutto e di piu' su vari siti di ricerca come pubmed ,embase etc etc e mi sono fatto un idea su una probabile stenosi uretrale ma ovviamente e' solo un mio pensiero perche' ripeto,nessun dottore con il quale ho avuto consulenza e' stato capace di spiegarmi con la scienza ,il mio problema.Diagnosticatomi sempre e solo prostatite e mi danno il contentino(l'inutile serenoa) per liquidarmi.
Inoltre avrei delle domande:
-Le onde d urto per una prostatie sono efficaci?
-potrei avere giovamenti con esercizi per il pavimento pelvico o anche con elettrostimolazione?
-qual'e' il prossimo passo per arrivare ad una cura/trattamento risolutivo?
non sono depresso e non ho problemi di sovrappeso.ho una muscolatura abbastanza evidente.apparentemente sembro anche piu' giovane della mia eta'.Non ci sono storie familiari di prostatite o tumori.Mio padre ha 60 anni e non e' mai andato da un urologo.
Grazie per il suo tempo Dr. Piana
[#3]
Dr. Paolo Piana Urologo 40.4k 1.8k 19
A 60 anni suo padre dall'urologo avrebbe fatto bene ad andare già almeno 4 volte nel corso della sua vita, comunque non è mai troppo tardi, poiché al di là di eventuali sintomi, vi sono altri elementi che vale la pena di tenere sotto controllo, almeno dopo i 50 anni.
I suoi disturbi riconducono inequivocabilmente alla congestione prostatica. La valutazione della vascolarizzazione del pene è normale, quindi non vi è alcun problema primario da quelle parti, come facilmente prevedibile Un certo grado molto variabile di deficit erettile può accompagnare i quadri di prostatite. Il flusso urinario è abbastanza ridotto per la sua età (13,6 ml/sec), ma comunque non tale da far sospettare una stenosi dell'uretra. Il passo diagnostico successivo sarebbe la valutazione endoscopica (uretro-cistoscopia) e quella funzionale (indagine urodinamica), però si è ancorqa tutto sommato in una situazione marginale, una decisione la può prendere solo chi la segue direttamente.
Le onde d'urto hanno una certa effiacia, variabile ed imprevedibile, comunque vale certamente la pena di provare. Pensiamo che gli esecizi pelvici e le stimolazioni nel suo caso potrebbero essere addirittura controproducenti.
Le consigliamo spassionatamente di stare ben alla larga dalla letteratura scientifica, lasciando la medicina ai suoi professionisti. Lei è certamente una ottima persona, ma non può avere gli elementi di base per giudicare il valore di quel che legge, cosa che può portare ad inutili condizionamenti psicologici.

Paolo Piana
Medico Chirurgo - Specialista in Urologia
Trattamento integrato della Calcolosi Urinaria
www.paolopianaurologo.it

[#4]
Utente
Utente
La ringrazio Dottor. Piana per la vostra risposta e il vostro tempo,seguiro' i suoi consigli.
Ne discutero' con il mio specialista alla visita di controllo.Nel caso,se posso,aggiornero'.
Buona giornata,Dottore!!
Disfunzione erettile

La disfunzione erettile è la difficoltà a mantenere l'erezione. Definita anche impotenza, è dovuta a varie cause. Come fare la diagnosi? Quali sono le cure possibili?

Leggi tutto