Infezione alle vie urinarie che non passa con cyprofloxacine 500gr

Partecipa al sondaggio
Buongiorno,
chiedo consulto in quanto mi ritrovo all'estero fino a luglio ed estremamente limitata nel muovervi per visite mediche e/o esami.
Circa una settimana fa ho iniziato a sentire un forte fastidio alla vescica ed uretra iniziando ad urinare frequentemente.
Ho pensato subito alla cistite ed essendo all'estero sono andata al pronto soccorso dove mi hanno prescritto monuril per due giorni.
Passati questi sembrava stessi meglio, ma poi il fastidio è ritornato, niente sangue o dolore.
Solo un continuo stimolo ad urinare.
Dopo tre giorni che il fastidio continuava a non passare il mio medico in italia mi prescrive cyprofloxacine.
Purtroppo però dopo la quarta pillola non vedo ancora miglioramento, il continuo stimolo ad urinare non passa.
Solo se smetto di bere ho sollievo.
Sono riuscita a prenotare anche un'ecografia per vedere eventuali calcoli, ma ripeto l'assenza di sangue e dolore, solo frequente stimolo alla minzione.
Ho fatto anche pur essendo sotto antibiotico un urinocoltura e a breve avrò i risultati.
sperando di poter avere una risposto.
Non so più come comportarmi e ho paura di intaccare i reni, ho anche cambiato acqua che bevo, non so se sia stata quella a scatenare il tutto in quanto bevo solitamente quella del rubinetto.


Cordialmente
[#1]
Dr. Paolo Piana Urologo 39.8k 1.8k 19
Se anche l'acqua del rubinetto fosse davvero contaminata (cosa che escluderemmo a priori) una eventuale infezione non si manifesterebbe certamente alle basse vie urinarie. Quanto ci descrive pare invece essere una banale cistite, forse imparentatacon una funzione intestinale non perfetta. I disturbi irritativi talora si trascinano anche oltre la risoluzione dell'infezione da parte dell'antibiotico, in questi casi non è opportuno insistere ad oltranza, andando a maltrattare ulteriormente la già accicata flora batterica intestinale (microbiòta). Utili invece possono essere brevi cicli di veri anti-infiammatori. In ogni caso, gli esami delle urine in corso ci forniranno importanti ulteriori elementi di giudizio.

Paolo Piana
Medico Chirurgo - Specialista in Urologia
Trattamento integrato della Calcolosi Urinaria
www.paolopianaurologo.it

[#2]
Utente
Utente
Buongiorno,
Le rispondo dopo aver effettuato un'urinocoltura, risultata negativa, e ad aver provato anche anti-infiammatori con flavoxato due volte al giorno. Purtroppo sento ancora il fastidio all'uretra che si alterna a tenesmo rettale. E' vero sulla funzione intestinale non perfetta, circa un mese fa dopo aver avuto problemi di corpo, mi sono ritrovata sangue nella carta igienica e parlando con il mio medico di base si è pensato ad emorroidi e ho proceduto a prendere un lassativo. Solo che sembra aver fatto l'effetto opposto portandomi ad andare in bagno anche più del solito, mai a diarrea ma feci molli, anche tre volte al giorno, quando invece ero solita solo una volta, con continua sensazione di non completo svuotamento. Avevo iniziato a prendere i probiotici e poi è arrivata anche la cistite ed ora questi problemi descritti all'inizio. Ho iniziato a prendere anche il procteolin sperando mi possa aiutare. Nel frattempo cercherò anche qui all'estero di fare una visita da un proctologo. Mi chiedo se forse una crema anti-infiammatoria possa essere più efficace per l'uretra.

Cordialmente
[#3]
Dr. Paolo Piana Urologo 39.8k 1.8k 19
La relazione con il disturbo intestinale è dunque evidente, come avevamo previsto ed è su questo che bisogna agire con decisione, altrimenti tutte le cure urologiche rischiano di essere vane. Il flavossato è un vecchio anti-infiammatorio molto blando, qundo parliamo di brevi cicli di veri anti-infiammatori ci riferiamo a farmaci della categoria dei FANS.

Paolo Piana
Medico Chirurgo - Specialista in Urologia
Trattamento integrato della Calcolosi Urinaria
www.paolopianaurologo.it