Utente 290XXX
Gentili dottori
sono una ragazza di 24 anni e vi scrivo in un momento di quasi disperazione per

una cistite recidivante che mi accompagna da 5-6 mesi (in tutto 4-5 episodi). Al

primo episodio ho assunto 2 dosi di Monuril che ha subito placato l'infezione.

Dopo qualche settimana nuovo episodio, stavolta con ematuria. A questo punto ho

fatto l'urinocoltura con antibiogramma, risultata positiva a E.Coli con carica

batterica di 1.000.000 di colonie, sensibile alla fosfomicina. Il medico curante

allora mi prescrive una terapia di Monuril più lunga: 2 assunzioni a distanza di

3 giorni e poi altre 4 a distanza di una settimana l'una dall'altra. Dopo un

mese e mezzo di cura quindi, tutto tranquillo per un pò.. dopo 2 settimane nuovo

attacco. Nuova urinocoltura, positiva stavolta alla Klebsiella, carica batterica

sempre di 1.000.000 di colonie. La virologa da cui ho eseguito l'esame mi

consiglia 8 gg con Kerflox, poi 3 assunzioni di Keraflox al mese per i

successivi 6 mesi. Intanto ho assunto per 10 gg fermenti lattici data la mia

stipsi e Uticran e ho cercato di bere molto. E' passato un mese da quegli 8 gg

in cui non ho avuto sintomi e proprio prima dei nuovi 3 gg di assunzione

ricompare la cistite, proprio ieri. Non ho fatto una nuova unrinocoltura per il

momento e credo di prendere Keraflox per 3 gg come da cura. Ma sta diventando un

incubo. Inoltre ho notato che la comparsa dei sintomi è palesemente legata ai

rapporti sessuali... Di solito 24 ore dopo il rapporto (sempre con

profilattico), a distanza di 15-20 gg della terapia antibiotica, ricompare. Ho

sentito parlare di cistite post-coitale e credo sia il mio caso ma non so che

fare. La profilassi antibiotica post-coitale non potrebbe provocare resistenza

dei batteri, visto che mediamente ho 1-2 rapporti a settimana? E poi, siccome il

batterio non è sempre lo stesso ed è sensibile a sostanze diverse, quale dovrei

scegliere nel caso di profilassi post-coitale? Vi prego ditemi che potrò avere

una vita sessuale serena perchè non è più così... Se possono essere utili altri

elementi vi propongo ulteriori dettagli: da Gennaio ad Ottobre 2006 ho assunto

terapia ormonale (Etiniestradiolo + Ciproterone Acetato) per ridurre l'acne. Può

aver provocato un ipoestrogenismo locale che ho letto può influire sulle

reinfezioni? Il primo episodio di cistite l'ho avvertito in effetti proprio in

prossimità della sospensione della pillola, ma è anche vero che è in quel

periodo che ho cominciato ad avere un'attività sessuale regolare! Inoltre

ultimamente ho notato che ho una lubrificazione leggermente minore e a volte

sento un pò di dolore alla penetrazione ma non so se può essere una causa o una

conseguenza. In ultimo ho notato che il bruciore che avverto non è legato solo

all'atto della minzione come mi succedeva in episodi di cistite avuti da

piccola, ma è più forte alla alla fine della minzione e in alcuni momenti della

giornata (come al mattino appena sveglia e fino a tarda mattinata) è

persistente, prima e soprattutto dopo la minzione, e localizzato proprio

all'orfizio uretrale. Poi nel corso del pomeriggio, probabilemte perchè nel

frattempo ho mandato giù un paio di lt di acqua e ho fatto pipì 7-8 volte, si

calma. A volte noto che al risveglio se faccio una lavanda dei genitale esterni

con Tantum Rosa invece del il solito Saugella Blu il bruciore si placa per un pò

fino alla successiva minzione. Consigliereste di indagare con altri esami? Potrò

mai risolvere questo problema o dovrò rassegnarmi a questa vita pena l'astinenza

sessuale? La prospettiva, a soli 24 anni e all'inzio della mia attività mi

sconforta non poco. Grazie mille.

[#1] dopo  
Dr. Daniele Masala

28% attività
0% attualità
12% socialità
POZZUOLI (NA)
NAPOLI (NA)

Rank MI+ 40
Iscritto dal 2006
Gentile signorina comprendo le sue ansie e la sua disperazione inerenti la sua problematica. Le cisititi recidivanti sono problematiche spesso frequenti nelle giovani donne e la vera causa è spesso disconosciuta. Il ripetersi dopo rapporti può avere il suo senso logico per una iperstimolazione del piano pelvico (stretta vicinanza tra vagina ed uretra) e può esserci un razionale anche nella terapia ormonale che lei ha eseguito,ma che ormai dovrebbe essersi esaurita. Purtroppo, allo statoa ttuale non è possibile fare altro se non dei cicli di antibioticoterapia proprio così come il collega che la seguiva le ha prescritto. Tuttavia personalmente ritengo che lei debba farli ciclicamente anche quando è asintomatica, proprio a scopo profilattico. Il suo urologo le potrebbe spiegare che se la situazione dovesse ulteriormente protrarsi per altro tempo, potrebbe essere necessario andare a fare un esame endoscopico chiamato cistoscopia per valutare l'eventualità di una alterazione vescicale.
Cordiali saluti,
dott. Daniele Masala.
Cordiali saluti,
dott. Daniele Masala.
Dirigente Medico Urologo UOC Urologia Pozzuoli
Perfezionato in Andrologia

[#2] dopo  
Dr. Tommaso Corvasce

24% attività
0% attualità
0% socialità
ACCADIA (FG)
FOGGIA (FG)

Rank MI+ 24
Iscritto dal 2007
Gentile utente, la causa di cistite recidiante alla sua eta' può avere molti correlati: prima di tutto le consiglio di bere almeno 2 litri di acqua al di. poi, adrebbe indagato il modo in cui lei urina (mediante uroflussometria con emg), se c'e' residuo post-minzione, un'ecografia app. urinario nn la escluderei.indagherei sul modo in cui lava i genitali quando va di corpo, la frequenza del suo alvo (e se associa sintomi come da difficile evacuazione fecale).
una terapia antibiotica come il monuril ogni 15 gg/mese per 4 mesi non la escluderei dopo la valutazione. a proposito una visita ginecologica e' da molto che non la esegue ?. In ultimo le parla di cistite perche' e' sintomatica o SOLO perche' riscontra il coli nelle urine (che immagino saranno positive ai nitriti ?). in extremis: le utilizza di sovente minipad ?. uroandros@hotmail.com

[#3] dopo  
Utente 290XXX

Gentili dottori,
grazie a quanti hanno risposto e a quanti vorranno farlo..
Dunque rispondo alle domande poste dal Dott. Corvasce: non ho eseguito gli esami di cui parla, ho effettuato in 2 episodi urinocoltura, la prima volta positiva a E. Coli sensibile a Fosfomicina ma NON a Ciprofloxacina, la seconda volta positiva a Klebsiella sensibile a Ciprofloxacina ma NON a Fosfomicina. Per cui chiedevo quale antibiotico scegliere (Monuril o Keraflox) per una profilassi a lungo termine se i due batteri sono ciascuno resistente alla sostanza efficace per l'altro! La prima volta ho eseguito anche esame semplice delle urine che riportava numerosi batteri, leucociti, nitriti ed emazie. Sottolineo che tutti gli episodi sono sintomatici, nelle modalità descritte sopra! La prima mattina di ogni episodio, al risveglio, avverto bruciori localizzati ancor prima di andare in bagno! Poi, sono purtroppo stitica praticamente da sempre, quindi associo i sintomi da evaquazione difficile, per cui ho fatto 10 gg di Reuflor che avevno migliorato (solo per il periodo dell'assunzione) la regolarità in modo notevole. Per l'igiene intima da 5 mesi osservo le regole indicate dai medici di lavare sempre dalla vagina all'ano e mai viceversa. La visita ginecologica l'ho eseguita un anno fa, ma al primo episodio di cistite ho effettuato anche un tampone vaginale negativo (candida, gardnerella, streptococco e trichomonas). Scusi l'ignoranza, per MINIPAD intende tamponi interni durante il ciclo? Se è così non ho mai utilizzato tamponi interni, ma uso assorbenti esterni che mi causano cmq non pochi fastidi e irritazioni durante il ciclo! Spero di aver chiarito il quadro. Grazie per la disponibilità.

[#4] dopo  
Dr. Giuseppe Quarto

Referente scientifico Referente Scientifico
44% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
CASSINO (FR)
SAN GIUSEPPE VESUVIANO (NA)
TORRE DEL GRECO (NA)
CATANZARO (CZ)
POZZUOLI (NA)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2007
cara signora un altra causa di cistite recidivante è l'irregolarità dell' intestino per cui può essere indicata aggiungere alla dieta anche dei fermenti lattici
Dott. Giuseppe Quarto. Urologo andrologo
rep urologia Ist. tumori Napoli fond Pascale
www.andrologo-urologo.com

[#5] dopo  
10161

Cancellato nel 2009

Egregia Paoletta, occorre sempre accertare le reali cause che hanno portato alla cistite, poiché cercare ad ogni costo di abbattere il sintomo, non conduce a soluzione. Inoltre le cause sono ben conosciute, basta cercarle.
Le infiammazioni della vescica e dell’apparato urogenitale, possono essere causate, non solo da batteri che vivono nell’ambiente extracellulare, quelli che sono stati cercati, ma anche da quelli intracellulari, non passano nei secreti e quindi difficilmente individuabili, solamente con tecniche particolari, se ne può dimostrare la presenza; ma anche i virus possono esserne responsabili, questi non vengono mai cercati, ma provocano soprattutto cistiti emorragiche. “episodio, stavolta con ematuria.”. Pertanto il Coli è solamente la punta di un iceberg, che viene mantenuto da tutto quello che è sommerso; si attacca solo quello che viene a galla, ma i virus e quei batteri intracellulari non vengono nemmeno cercati, si fermano all’apparenza, con questo le continue recidive; la medicina convenzionale non ha metodiche di rilevamento per cui la ricerca va effettuata con gli strumenti che la medicina biologica, mi mette a disposizione, con questi è possibile individuare esattamente gli effettivi responsabili e intervenire esattamente su di loro; ogni persona affetta da specifici agenti patogeni, necessita di terapia personale; i farmaci biologici sono strettamente legati alla persona esaminata e agli agenti patogeni, non come nella medicina convenzionale dove tutto va bene per tutti, farmaci peri virus non esistono.
Ogni volta viene individuato un batterio nuovo, prima il Coli, poi la Klebsiella, perché viene ricercato solamente il superficiale; infatti la connessione con i rapporti è determinata non da questi, ma da quelli profondi che vengono smossi durante il rapporto, in cui avvengono contrazioni uterine e vaginali. Quindi la connessione con i rapporti sessuale, deriva dai virus che non sono stati cercati.
Sicuramente attuando la terapia idonea per la loro eliminazione, questi andranno via, riportando l’ambiente vaginale ad un assetto fisiologico.
L’utilizzo della pillola è sempre sconvolgente di quell’ambiente fisiologico che mantiene l’equilibrio nell’apparato urogenitale; ma non solo, va ad alterare l’asse immunoneuroendocrino, con disequilibrio di tutte le ghiandole interessate; l’acne, si risolve in maniera rispettosa delle condizioni naturali dell’organismo, che non vadano a creare diequilibri, inoltre se si è presentata l’acne una causa l’avrà determinata, è su questa che deve rivolgersi l’azione terapeutica, non sulla soppressione del solo sintomo, che va lentamente portato alla sua risoluzione.
Stia tranquilla, la sua attività sessuale ritornerà a livelli soddisfacenti, dopo aver intercettato i responsabili, eliminati, riportato l suo organismo ad un funzionamento fisiologico.

Saluti Alberto Moschini

alberto.moschini@fastwebnet.it




[#6] dopo  
Utente 290XXX

Ringrazio il dott. Moschini. Il suo approccio metodologico mi pare essere qualcosa di suo, personale e purtroppo al momento non potrei muovermi, risiedendo in un’altra città. Mi rimane al momento l’approccio “convenzionale”.

Ho ripercorso questi 5 mesi di cistite (sempre risultata batterica) e credo non ci siano dubbi: sono i rapporti sessuali a provocarmela… E’ iniziata proprio con l’attività sessuale. Ho letto tutto quello che ho reperito in rete e probabilmente mi sono fatta prendere da una crisi di sconforto ma sono veramente disperata. Non vedo via di uscita al problema se non la profilassi antibiotica post-coitale… ma dico si può prendere tutta la vita l’antibiotico ogni volta che si fa l’amore??? Dopo un certo periodo di questa profilassi il problema scompare o rimane a vita?? Quanto tempo ci vuole? C’è una casistica? Ho letto di persone che soffrono di questa cosa da 15 anni.. Mi sento condannata ancora una volta a vivere una vita sessuale a metà.. visto che prima di questi 5 mesi per anni ho tentato di avere rapporti e non c’ero riuscita (on so se era vaginismo o cos’altro). Ora che finalmente questo si era risolto spontaneamente col mio nuovo partner ecco che c’è qualcos’altro che mi fa tornare l’incubo di non poter vivere pienamente quest’aspetto della mia vita. Mi rendo conto che sentir parlare di “brutto destino” è lontano dalla mentalità dei medici e magari può sembrare esagerato per una patologia infondo non grave, ma più leggo su questo problema più mi sembra che la medicina non abbia armi per risolvere definitivamente un problema a prima vista tanto semplice. Mi viene da piangere. Ultimamente riesco a concentrarmi solo su questo. Spero che qualcuno possa smentire il mio senso di sconforto e rassegnazione e mi indichi la strada per uscirne non solo momentaneamente ma qualcosa di risolutivo che non mi faccia vivere con l’angoscia ogni rapporto che ho. Grazie.

[#7] dopo  
Utente 290XXX

Ah dimenticavo.. durante le mie letture ho trovato degli articoli che associavano proprio alla cistite post-coitale non solo i restringimenti del meato urinario ma anche altre caratteristiche che c'entravano con l'imene o la posizione rispetto alla vagina... E che dei piccoli interventi risolvenano tutti i casi di cistite post-rapporto. Qualcuno potrebbe chiarirmi la cosa? Garzie ancora.

[#8] dopo  
10161

Cancellato nel 2009

Egregia, anche se la metodica è strutturata da me con l’esperienza, la medicina convenzionale, quanto meno conosce benissimo le cause che derminano il suo disturbo, ma purtroppo, non ha le armi per combatterlo, alla stessa conclusione ci arriva benissimo. Come le dicevo, lei ha una infezione virale, il suo vaginismo precedente lo dimostra, alla base di quei batteri vi sono virus che si riattivano nel momento in cui, a livello urogenitale, sussiste un aumento di irrorazione, con tutte quelle manifestazioni caratteristiche della procedura sessuale. Questo è il motivo della riattivazione dopo i rapporti sessuali, crede che siano i batteri, perché quelli vengono cercati, invece sono i virus i veri responsabili, che non vengono cercati, questo crea grande confusione. Prende gli antibiotici, che hanno un effetto temporaneo sui batteri, ma alcuno sui virus, che rimangono imperteriti a combinare guai.
Quindi ha perfettamente ragione, “problema più mi sembra che la medicina non abbia armi per risolvere definitivamente un problema a prima vista tanto semplice.” È un problema che apparentemente è semplice, ma occorrono gli esami strumentali giusti e le terapia idonee per risolverlo, quindi rivolgersi alal medicina biologica, che le possiede. E’ anche una problematica di ragionamento e di ricerca delle soluzioni, mai fermarsi alla superficialità, ma approfondire costantemente, la soluzione si trova.
La strada, cara signora che si sconforta, la ho indicata, lei non la vuole seguire,
E’ completamente inutile che cerchi cose astruse, come interventi in una zona così delicata, una volta eseguiti, non torna più indietro.
La soluzione è estremamente semplice, cercare i responsabili di quella infiammazione, portarli via con la terapia appropriata, come le ho indicato.

Saluti Alberto Moschini

alberto.moschini@fastwebnet.it