Utente 280XXX
Gentili dott. ho 42 anni, nel 2007 ho iniziato a fare i primi esami di uroflussometria, dopo di che mi è stato diagnosticata un ostruzione cervico uretrale... nel 2008 ho fatto un URETROCISTOGRAFIA.ASCENDENTE+MINZIONE e il referto era:
Non rilievi particolari all'indagine scopica del piccolo bacino.
Vescica modicamente repleta, a profili regolari.
Per quanto valutabile parrebbe lievemente meno pronunciato il cono vescicale.
Non significative riduzioni di calibro del lume dell'uretra prostatica bulbare e pienena. etc. etc.
In questi anni ho preso oltre ai vari antibiotici e antinfiammatori, la terazosina (5mg. alla sera), che sicuramente aiuta un pò il flusso ma non riduce i miei sintomi che sono:
Bisogno frequente ed urgente di urinare (ogni 1-2 ore);
Flusso intermittente di urina, a volte son poche gocce;
Eccessiva emissione di urine durante la notte (nocturia);
Spesso, specialmente la sera dopo cena, provo un senso di pesantezza al basso ventre, tipo gonfiore-congestione molto fastidioso che riesco ad alleviare con qualche minzione eseguite ogni 10 minuti e con un maggiore sforzo, risolte poi con poche gocce. a volte capita di notte e sono costretto ad alzarmi ad intervalli anche di 40-50 minuti...
Per il resto non ho problemi quali: bruciori nell'urinare, di erezione, sessuali, o altro...
Ho fatto gli esami del sangue e delle urine e sono regolari; PSA 0,40, solo l'omocisteina alta (40,8), ma penso sia un altro problema.
Volevo porvi alcune domande.

Con un ostruzione cervico uretrale lo stimolo frequente rimarrà sempre tale anche in assenza di infiammazione, quindi l'unica soluzione è un intervento?

L'ostruzione uretrale in questi anni può essersi trasformata in ipertrofia prostatica, stenosi dell'uretra o altro?

Quella fastidiosa pesantezza o congestione che sia può essere data da un altro fattore ancora? il colon può essere uno di questi (visto che spesso quando urino emano anche del gas) ?

Quali sono gli esami da fare per avere una diagnosi esatta ?

L'uso di fisoterapici (tipo serenoa repens) possono aiutare, se si quali?

Se il psa è nella norma l'ipb (ipertrofia prostatica benigna) è da escludere ?

5 mg di terazosina sono diventati pochi? È possibile aumentare un po’ la dose ?

Uso di altri farmaci antiandrogeni tipo dutasteride e finisteride ?

La corsa, gli addominali e i pesi possono influire negativamente, specie riguardo la pesantezza al basso ventre ?

Una borsa d'acqua calda sopra il pube quando sento la pesantezza ?

Chiedo scusa per la mia dilungazione, ma in attesa di vedere l'urologo volevo avere altri pareri competenti per poi parlarne con lui; e visto che sono il lista d’attesa, se qualcuno è così gentile da rispondere a queste domande gliene sarei molto grato in modo da poter così con i vostri consigli non aggravare la situazione già insopportabile.

[#1] dopo  
Dr. Roberto Mallus

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
12% attualità
20% socialità
LATINA (LT)
APRILIA (LT)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2003
Gent.le utente,
provo a rispondere all'enorme numero di domande.
- va eseguita una flussimetria urinaria che ci faccia capire obiettivamente il grado di riduzione del flusso.
-la serenoa repens è un vecchio farmaco deconegstionante con scarsa efficacia
-Il PSA non ha che vedre con l'eventuale ostruzione cervico-uretrale può essere utile in età più avanzata per aiutare a diagnosticare in genere un adenocarcinoma prostatico.
- Aumentare la terazosina è sconsigliabile per i suoi possibili effetti collaterali (ipotensione)
-A 42 aa la dutasteride o finasteride non andrebbero usati per una possibile diminuizione della libido.
-L'attività fisica nulla a che vedere con la pesantezza sovrapubica facilmente attribuibile invece ad una prostatite
-la borsa calda male non le fa.
Infine nell'attesa della visita eviti cibi piccanti caffè superalcolici e l'uso di cyclette e bicicletta, aumenti l'apporto idrico durante la mattina.
Il resto quando sarà visitato...
Cordialmente
Dott.Roberto Mallus

[#2] dopo  
Utente 280XXX

Innanzitutto la ringrazio per la risposta immediata,
l'ultimo esame che feci... 2009

Tempo svuotamento: 35.4 s.
Tempo di flusso: 35.3 s.
Tempo al picco max: 1.1 s.
Flusso massimo: 17.0 ml/s
Flusso medio: 8.3 ml/s
Intervalli: 1
Volume svuotato: 293 ml

Faccio una dieta adeguta, anche se non ho capito se alcuni alimenti fanno bene o male, tipo: pomodori, arance, noci, thè verde deteinato,etc.
Bevo un bicchire d'acqua ogni ora fino alle 18.00, questo però mi porta ad urinare ancora più spesso anche 30-40 min.
Ho rapporti 2 volte a settimana, subito dopo lo stimolo è ancora più frequente.
Cerco di camminare molto ed essere meno sedentario ma quando mi capita di stare seduto per un pò, il bisogno di alzarmi per urinare è più frequente.
Tutto questo già da un mesetto, forse ci vuole più tempo?
Pensa sia il caso di anticipare un esame di flussometria prima di fare la visita, in modo da risparmiare tempo vista la mia condizione?
grazie in anticipo..

[#3] dopo  
Dr. Roberto Mallus

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
12% attualità
20% socialità
LATINA (LT)
APRILIA (LT)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2003
Penso che più di una ostruzione potrebbe trattarsi di una infiammazione prostatica.Cmq utile la flussimetria ma attenda la visita che sicuramente sarà più esaustiva di un consulto online.
Se vuole ci ragguagli
Dott.Roberto Mallus

[#4] dopo  
Utente 280XXX


Di nuovo salve gentili Dott.
ho fatto la visita, mostrandogli i miei ultimi referti che vi riassumo:

nel febbraio 2008 uroflussometria
Flusso massimo: 20.64 ml/s
Flusso medio: 5.16 ml/s
Intervalli: 2
Volume svuotato: 465 ml
DIAGNOSI compatibile con ostruzione cervico-uretrale

13/03/2008 referto dell'URETROCISTOGRAFIA ASCENDENTE E MINZIONALE
parrebbe lievemente meno pronunciato il cono vescicale.
L'uretrografia non ha evidenziato stenosi dell'uretra, consiglio pertanto terazosina da 5 mg

poi il 6/10/2008 uroflussometria
Tempo svuotamento: 35.4 s.
Flusso massimo: 17.0 ml/s
Flusso medio: 8.3 ml/s
Intervalli: 1
Volume svuotato: 293 ml
un altra diagnosi : flogosi prostatica .... (sclerosi del collo? )

poi il 16/03/2009
un altra diagnosi : vescica distesa, .....
prostata in lieve ipertrofia 40-38-38

da questo l'urologo ha dedotto che c'è un ostruzione del collo vescicale e che essendo attaccato alla prostata di conseguenza porta anche fastidi di pesantezza e di stimoli continui.
dall'eslorazione rettale ha riscontrato una prostata piccola, non ingrossata.
mi ha prescritto -- Silodosina UROREC 8mg -- PERMIXON 320g per 3 mesi.

gli ho chiesto se per avere una diagnosi certa dovevo fare qualche esame specifico, ma la risposta è stata negativa, il che ne deduco che dai referti consultati non ce n'era bisogno...
(Non può essere che dal 2009 ad oggi la diagnosi possa essere diversa ?)
La prospettiva è di vedere se dopo la cura ci sono giovamenti, altrimenti l'unica soluzione è l'intervento; perchè il collo è diventato fibroso.
Quindi ci sono probabilità che non lo sia ancora e che possa migliorare con una cura?
E' possibile che non ci sia un esame che dia una diagnosi esatta del collo, in modo da stabilire se fare altri 3 mesi di cure è inutile.
Anche perchè l'Urorec mi ha portato una eiaculazione retrograda totale.
E' il caso di sospendere ?
O continuare per i tre mesi e poi sospenderlo?
Il fastidio perineale, pesantezza all'ano, è sintomo di una prostata congestionata?
Sono pochi i 20 giorni di terapia di Serenoa Repens fin ora fatti per una decongestione?

[#5] dopo  
Dr. Roberto Mallus

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
12% attualità
20% socialità
LATINA (LT)
APRILIA (LT)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2003
Comincio dalle domande finali:
La serenoa repens è un blando decongestionante che poco può esserLe dia aiuto.
Il fastidio perineale può essere sintomo di prostatite
L'urorec provoca l'eiacul retr. ,e non capisco perchè è stata sostituita al posto della terazosina
La flussimetria urinaria eseguita nel dic 2012 dimostrava un ottimo flusso.
In conclusione per poter rispondere seriamente alle sue domande deve porLe al collega che l'ha potuta visitare.
Cordialmente
Dott.Roberto Mallus

[#6] dopo  
Utente 280XXX

Grazie Dott.
La volevo correggere sulla data dell'ultima flussimetria che è del 2008

Tempo svuotamento: 35.4 s.
Flusso massimo: 17.0 ml/s
Flusso medio: 8.3 ml/s
Intervalli: 1
Volume svuotato: 293 ml

La sostituzione della terazosina penso sia data dal fatto che dopo circa 3 anni di terapia, negli ultimi mesi la frequenza sia delle minzioni che della pesantezza sono aumentate.

Che differenza c'è dal prendere l'urorec al posto della terazosina?

Se la diagnosi è un ostruzione del collo, la prostatite è conseguente e permanente o può anche risolversi periodicamente ?

[#7] dopo  
Dr. Roberto Mallus

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
12% attualità
20% socialità
LATINA (LT)
APRILIA (LT)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2003
La pesantezza da Lei avvertita è probabilmente dovuta più ad uno stato infiammatorio prostatico che ostruttivo.
L'urorec è un alfalitico esattamente come la terazosina, se non funziona uno non funziona neppure l'altro.
Le flussimetrie non dimostrano una seria ostruzione del collo.
Le prostatiti possono essere causa di sclerosi del collo con diminuita imbutizzazione di qs durante la minzione e conseguente diminuizione del flusso urinario
Cordialmente
Dott.Roberto Mallus

[#8] dopo  
Utente 280XXX

Grazie di nuovo,
quindi pensa che ci sia ancora possibilità di evitare un intervento?
Le flussimetrie sono un pò datate, per capire le condizioni del mio collo mi cosiglia di farne un altra ? o c'è qualche altro esame che può essere più preciso ?
Ho provato alcuni giorni a sospendere la terazosina e l'ostruzione era evidente. Quando la riprendo il flusso migliora ma i continui stimoli permangono, questo vuol dire che l'alfalitico non funziona o che l'alfalitico fà il suo lavoro (migliorando il flusso) e bisogna aggiungere un altra terapia ?

[#9] dopo  
Dr. Roberto Mallus

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
12% attualità
20% socialità
LATINA (LT)
APRILIA (LT)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2003
Gent.le utente,
la richiesta di informazioni può essere facilmente evasa.
La richiesta di terapia presuppone una conoscenza non virtuale del paziente e le assicuro che sarebbe poco serio darLe informazioni al merito.
Abbia fiducia nel suo urologo, se qs cessasse cambi urologo.
Cordialmente
Dott.Roberto Mallus

[#10] dopo  
Utente 280XXX

Mi scusi se la disturbo ancora gentile Dottore.
La mia non era assolutamente una richiesta di terapia.
Era una semplice domanda:
se un suo paziente evidenzia una sospetta " sclerosi del collo " quali esami gli proporrebbe per avere una diagnosi più esatta ?
I suoi consigli servirebbero solo per interloquire meglio alla prossima visita che purtroppo per i tempi di prenotazione variano dai 2 ai 3 mesi.

Approfitto ancora della sua gentilezza per un altra domanda...
da qualche settimana soffro un pò di emorroidi,
hanno qualche attinenza con la prostatite ?

Grazie...

[#11] dopo  
Dr. Roberto Mallus

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
12% attualità
20% socialità
LATINA (LT)
APRILIA (LT)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2003
No non c'è attinenza con la prostatite.
Riguardo alla domanda sulla sclerosi del collo ,la diagnosi si attua con: anamnesi,flussimetria urinaria cistouretrografia o uretrocistoscopia
Cordialmente
Dott.Roberto Mallus