Utente 296XXX
Sono un uomo di 46 anni. Premetto che sono anni che urino molto di frequente e non ho una vita normale. Giovedì 4 aprile 2013 mi è stata fatta una TUIP per sospetto di ipertrofia prostatica. Malgrado ciò continuo ad avere un residuo post-minzionale molto alto, compreso fra i 250 cc e i 400 cc e inoltre il getto dell'urina è migliorato ma non di molto. Di più, spessissimo il getto si interrompe , riprendo a spingere e il getto riprende e così via per 3 o 4 volte. Continuo a prendere una compressa di Permixon la mattina e una di Mittoval 10 la sera prima di coricarmi. Questi due farmaci dovrò prenderli per sempre ??? Oltre a ciò prendo anche medicinali che mi aiutano a dormire, mezza pastiglia di Remeron 30 mg e una di Valdoxan 25 mg la sera e una di Halcion 125 mg prima di coricarmi. In un altro consulto on line su altro sito mi è stato detto da uno specialista che potrei avere una vescica ipocontrattile e di fare al più presto uno studio video urodinamico per saperlo con certezza. Oltre a fare lo studio video urodinamico dovrò fare altri esami ??? Nel caso fosse confermata la diagnosi di vescica ipocontrattile esistono farmaci che risolvono il problema o sarà necessario altro intervento chirurgico ??? Ringrazio in anticipo lo specialista che mi darà una risposta.

[#1] dopo  
Dr. Gino Alessandro Scalese

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
8% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2000
Prenota una visita specialistica
Gentile utente,
in situazioni come queste è giusto verificare la presenza o meno di disturbi dello svuotamento vescicale che comprendono anche la vescica ipocontrattile. Giustamente l'esame cardine è l'esame urodinamico meglio ancora se video-urodinamico. Solo alla luce di questo risultato si potrà capire quale può essere il rimedio più efficace.
Cordiali saluti
Gino Scalese

[#2] dopo  
Utente 296XXX

La ringrazio moltissimo per la sua celerissima risposta. Nel caso fosse confermata la diagnosi di vescica ipocontrattile esistono farmaci che risolvono completamente il problema ???

[#3] dopo  
Dr. Gino Alessandro Scalese

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
8% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2000
Purtroppo No!
Cordiali saluti
Gino Scalese

[#4] dopo  
Utente 296XXX

Grazie mille. Cordiali saluti.

[#5] dopo  
Utente 296XXX

In una situazione del genere è utile bere molta acqua ??? Il pensare continuamente a questo problema aiuta a risolverlo ???

[#6] dopo  
Dr. Gino Alessandro Scalese

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
8% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2000
Nel suo caso la quantità di acqua assunta va distribuita equamente durante il corso della giornata nelle giuste quantità.

Pensare in continuazione al problema non ne aiuta la risoluzione.
Cordiali saluti
Gino Scalese

[#7] dopo  
Utente 296XXX

Grazie mille dott. Scalese. Avrei mille dubbi, mille domande, ma mi prendo una pausa di riflessione. Grazie di nuovo.

[#8] dopo  
Dr. Gino Alessandro Scalese

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
8% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2000
Cerchi di non somatizzare troppo il problema e lo affronti con la giusta serenità, altrimenti rischia di aggiungere problemi ad un problema già esistente.
Cordiali saluti
Gino Scalese

[#9] dopo  
Utente 296XXX

Grazie mille. Cordiali saluti.

[#10] dopo  
Dr. Gino Alessandro Scalese

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
8% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2000
Prego!
Cordiali saluti
Gino Scalese

[#11] dopo  
Utente 296XXX

Gentile dottore, oggi ho fatto un altro controllo alle 1100 circa dopo che avevo bevuto al massimo 3 bicchieri.
Dopo almeno 3 tentativi di svuotare la vescica mi è stato riscontrato un residuo post-minzionale di 90 cc. Sembrerebbe un buon risultato se non fosse che cmq sono andato in bagno 3 volte nel giro di mezz'ora.
Cmq per il mio urologo è un buon risultato. Inoltre mi è stato detto di continuare con il Permixon la mattina e con il Mittoval la sera. Ricordo che io avevo fatto una TUIP il 4 aprile 2013. Avrei due domande.
E' giusto che mi si dica che con un residuo così "basso" i farmaci che aiutano la vescica a svuotarsi meglio sarebbero controproducenti ??? E quindi non mi sono stati dati.
E' corretto che mi si dica che per fare un esame videourodinamico o uradinamico dobbiamo aspettare almeno altri 3 mesi ???
La ringrazio sentitamente se vorrà darmi il suo parere.

[#12] dopo  
Dr. Gino Alessandro Scalese

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
8% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2000
1) Dipende dal tipo di farmaci consigliato

2) Il problema è che in questa situazione non esistono molte alternative terapeutiche perciò l'esame può anche essere fatto prima solo che la terapia probabilmente rimarrà invariata. Probabilmente le è stato consigliato di fare l'esame fra 3 mesi per verificare eventuali peggioramenti o meno del caso.
Cordiali saluti
Gino Scalese

[#13] dopo  
Utente 296XXX

Qualche giorno dopo aver fatto la TUIP mi era stato detto che esistono farmaci che migliorano la capacità della vescica di svuotarsi senza specificarmi quali sono. Ora, di fronte a un residuo di "soli" 90 cc ottenuto però dopo 3 o 4 tentativi di svuotare la vescica, mi è stato detto che siccome il residuo non è alto i "farmaci" sarebbero controproducenti. Io non so a che farmaci il mio urologo si riferisse. Io per ora assumo solo Permixon la mattina e Mittoval la sera prima di coricarmi ma questi, che io sappia, servono solo a rilassare la prostata.
Inoltre per quanto riguarda lo studio videourodinamico mi è stato detto che farlo a breve potrebbe causare un danno alla parte operata. Non so bene cosa pensare. Io tutt'ora urino moltissimo e sono quasi certo di non svuotare bene la vescica. Devo aspettare altri 3 mesi o 4 ??? Mi sembra troppo.

[#14] dopo  
Dr. Gino Alessandro Scalese

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
8% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2000
In questa situazione non ci sono molte possibilità oltre la terapia che gia sta assumendo. Altre alternative da ben valutarne l'indicazione sono:

-Autocateterismo

-Intervento

Se la sintomatologia persiste risenta il suo Urologo.
Cordiali saluti
Gino Scalese

[#15] dopo  
Utente 296XXX

La ringrazio per la sua risposta. Cordiali saluti.

[#16] dopo  
Dr. Gino Alessandro Scalese

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
8% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2000
Prego!
Cordiali saluti
Gino Scalese