Utente 157XXX
Buongiorno,
chiedo questo consulto per vederci chiaro, il mio medico di base purtroppo non mi aiuta in tal senso...

Ho avuto la prima colica renale il 9 luglio 2006 (ebbene si! proprio durante la finale mondiale italia francia). fu un attacco lieve, perchè presi un buscopan e il tutto rientro nel giro di due ore, difatti andai anche a festeggiare...
cosi non mi sottoposi a nessun controllo.

esattamente un anno dopo, 4 luglio 2006, ecco un'altra colica(parte opposta rispetto alla prima). ricordo perfettamente ogni particolare..ero in auto e ho cominciato a contorcermi dal dolore e sudavo freddo..
qua però mi sottoposi a ecografia addome completo, che oltre una lieve dilatazione ureterale non mostrava segni di sofferenza renale o calcoli.(mistero?)

due anni dopo..20 agosto 2009 al mare...ore 4 del mattino. violentissima colica dx, questa volta con vomito e fenomeni neurogevegativi strani tipo giramenti di testa e malessere generale. la guardia medica mi fece una puntura di toradol e tutto passo nel giro di qualche ora. un mese dopo feci i controlli del caso, ecografia addome completo..anche qui...negativa. probabile renella.

ma il supplizio non era finito... anno 2011, ottobre...improvvisamente, violentisisma colica sul posto di lavoro, a sinistra.pronto soccorso e ricovero immediato, avevo la creatinina a 2,25.

4 giorni di ricovero con terapia di espulsione prima dell'intervento, fortunatamente senza altre coliche, quando la notte del 4 novembre in ospedale ho espulso spontaneamente un calcolo di ben 5 mm, che ho poi fatto analizzare risultando di ossalato di calcio.

ho fatto tutta una serie di esami. urina 24 ore, urina semplice, esami sangue completi di emocromo, ves, tiroide, paratiroide, calciuria, ossaluria, magnesemia, potassiemia. TUTTO. un papiro di controlli.
risultato? sano come un pesce!

all' ecografia però risultavano come da testo "bilateralmente, in sede caliceale, si osservano multiple concrezioni microlitiasiche e alcuni piccoli calcoli, della dimensione massima di 2-3 mm a sinistra e 3-4 mm a destra. reni normali per morfologia.

l'urologo dell'ospedale mi disse di stare tranquillo e ripetere l'ecografia ogni 6 mesi.
6 mesi dopo, dopo una cura idropinica di 3lt d'acqua al giorno e integratore lithos, le concrezioni persistevano, seppur in minore quantità e dimensione, con diametro massimo 1-2 mm e 2-3 mm.

scusate la lungaggine, ma la domanda è: se non ho un valore che sia uno fuori posto, da dove diavolo provengono questi calcoli e perchè li produco?

c'è il rischio di altre coliche? o che si ingrandiscano?
non vogli odirlo troppo forte, a al momento sono quasi due anni che non ne ho una, ma ho sempre il timore di un attacco, viaggio sempre con il toradol in tasca.

mi conviene bombardare calcoli di 3-4 mm in sede caliceale? che altri tipi di esami posso fare per capire da dove provengono?
cosa posso fare a parte bere 3 lt di acqua al giorno?

grazie mille...

[#1] dopo  
Dr. Andrea Militello

48% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
VITERBO (VT)
RIETI (RI)
CARSOLI (AQ)
NEPI (VT)
AVEZZANO (AQ)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2012
Prenota una visita specialistica
Guardi ha fatto veramente tutto e con la giusta attenzione. Proporrei la terapia litolitica che gia conosce almeno tre volte all anno e un controllo del Ph urinario. Probabilmente esiste una predisposizione genetica.
Dr. Andrea Militello.

Specialista in UROLOGIA ANDROLOGIA.

[#2] dopo  
Utente 157XXX

Buongiorno dottore!accidenti che velocità!
la ringrazio moltissimo per la sua risposta, ma in che cosa consisterebbe questa terapia litolitica? è l'integratore lithos?

il mio ph urinario va da 5,5 a 6, il peso specifico da 1018 a 1030. guardi, mi sono comprato gli stick uriscan, me li ha consigliati dalla disperazione la direttrice del laboratorio analisi, si era "stufata" di analizzare ogni 6 mesi le mie urine!

quindi non mi conviene bombardarli?

[#3] dopo  
Dr. Andrea Militello

48% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
VITERBO (VT)
RIETI (RI)
CARSOLI (AQ)
NEPI (VT)
AVEZZANO (AQ)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2012
fossi bravo come veloce staremmo a cavallo!!!!!!! Ok per l integratore. PS sempre sotto 1020, obbligatorio. attenzione all acido fosforico della coca cola. DIrei che bomabrdare calcoli di 4 mm è veramente arduo
Dr. Andrea Militello.

Specialista in UROLOGIA ANDROLOGIA.

[#4] dopo  
Utente 157XXX

sempre sotto 1020 significa che ogni tre ore circa devo scolarmi mezzo litro d'acqua..

.....prevedo di comprarmi un mobile toilet!

scherzi a parte, seguirò il suo consiglio, cercherò di tenere l'urina poco densa, tendente al chiaro.

grazie!!

[#5] dopo  
Dr. Andrea Militello

48% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
VITERBO (VT)
RIETI (RI)
CARSOLI (AQ)
NEPI (VT)
AVEZZANO (AQ)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2012
Bravo!!!!
Dr. Andrea Militello.

Specialista in UROLOGIA ANDROLOGIA.

[#6] dopo  
Dr. Giorgio Marcialis

24% attività
8% attualità
16% socialità
VITTORIA (RG)

Rank MI+ 48
Iscritto dal 2013
Buongiorno!
Io consiglierei: abbondante idratazione, adeguata dieta e un integratore litolitico da protrarre per ALMENO 2 mesi. Io personalmente dò il Calcorel della PHARMALUCE o il CalcoMEV della MEV. Dò + spesso il secondo, perché sono bustine e così "obbligo" il paziente a bere. Applico la seguente posologia: 1 bustina al giorno da sciogliere in 1 litro d'acqua da bere nel corso delle 24 ore + bere 1 altro litro d'acqua nelle 24 ore. Sul sito della Farmaceutica MEV c'è una serie di regole alimentari da seguire.
Saluti!

Dott.Giorgio Marcialis
Dott. GIORGIO MARCIALIS

[#7] dopo  
Utente 157XXX

Buongiorno a lei!

per dieta corretta intende l'abolizione o almeno restrizione dei cibi a contenuto ossalico tipo pomodoro formaggi stagionati e spinaci?

[#8] dopo  
Dr. Giorgio Marcialis

24% attività
8% attualità
16% socialità
VITTORIA (RG)

Rank MI+ 48
Iscritto dal 2013
[#9] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Gentile Signore,
per quanto inerente le prescrizioni dietetiche a l'assunzione di liquidi nella prevenzione della calcolosi urinaria le idee non sono tuttora del tutto chiare, non solo in ambito medico, ma addirittura specialistico. A titolo indicativo, le consigliamo la lettura di questi nostri articoli, nei quali questi argomenti vengono trattati in particolare dettaglio:

https://www.medicitalia.it/minforma/urologia/1402-calcolosi-renale-ed-dilemma-dieta-falsi-miti.html

https://www.medicitalia.it/minforma/urologia/1212-calcolosi-renale-dilemma-acqua-quanta-bisogna-bere.html

Saluti
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#10] dopo  
Utente 157XXX

Sto fagocitando ogni tipo di informazione che gentilmente mi avete illustrato con i link, e vi ringrazio per aver sprecato del tempo per me.

so che prima o poi quei due calcoletti si faranno sentire..spero solo il piu tardi possibile

[#11] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Gentile Signore,
prendiamo visione solo ora della sua situazione, nella quale non siamo stati coinvolti in precedenza. Al momento bere moltissima acqua ed assumere integratori può presumibilmente prevenire la formazione di altri calcoli e rallentare la crescita di quelli presenti. Purtroppo è ad oggi impossibile sciogliere calcoli a contenuto di calcio, pertanto quelli già presenti sono destinati a rimanere lì, come una "spada di Dàmocle" ... non così terribile ... ma ovviamente foriera di qualche rischio. Vi sono attività particolari nelle quali non si può rischiare di incorrere in coliche renali, questi sono ad esempio i piloti d'aeroplano civili e militari, oppure i militari con responsabilità di comando in zone operative. Queste persone vedono sospese le loro qualifiche professionali fin quando vi è traccia di calcoli, pertanto devono essere sottoposti a procedure di bonifica, oggi eseguite endoscopicamente con ottimi risultati. Ai "comuni mortali" così tanto non si chiede, certo è che si impone sempre un attento bilancio dei pro e dei contro, conoscendo perfettamente la situazione nella sua realtà. Purtroppo l'ecografia non è in grado di dare notizie sicuramente affidabili sulle dimensioni e la posizione dei calcoli, pertanto deve essere sempre integrata da una radiografia diretta e, in casi particolari, da una TAC. Fare un simile punto della situazione, almeno una volta, può risultare conveniente.

Saluti
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#12] dopo  
Utente 157XXX

Dr. Piana, non sapevo di avere a Torino un centro calcolosi! Quante cose si scoprono!

Ma se prendessi un appuntamento presso il suo studio, portando una RX addome come suggeritomi e magari le analisi fin qui effettuate la vede come un'idea salubre?

[#13] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Gentile Signore,
non è questo il luogo per instaurare rapporti professionali diretti. Se desidera, troverà in queste pagine tutti i riferimenti di suo eventuale interesse.

Saluti
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#14] dopo  
Utente 157XXX

OK,mi scuso per l'insolenza e ringrazio ancora una volta tutti gli specialisti che hanno dedicato del tempo a leggere la mia storia.

Un saluto

[#15] dopo  
Dr. Andrea Militello

48% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
VITERBO (VT)
RIETI (RI)
CARSOLI (AQ)
NEPI (VT)
AVEZZANO (AQ)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2012
Nessuna insolenza. Il dr. Piana è estremamente serio e professionale e quindi non sfrutta questa piattaforma per scopi personali, ma sicuramente sarà ben lieto di esserle utile.
Cordialità
Dr. Andrea Militello.

Specialista in UROLOGIA ANDROLOGIA.