Utente 128XXX
Salve, a mio marito (30 anni alto 170 cm e peso 74 kg circa) dopo un ecografia addome completo è risultato "una formazione rotondeggiante iperecogena di circa 2,5 cm compatibile con angiomiolipoma", mentre fegato e vescica tutto nella norma. Volevo sapere fino a che grandezza è consigliabile l'asportazione, inoltre bisogna seguire un alimentazione particolare e/o qualche attività fisica? Nelle analisi del sangue risultano le GPT a 70 e in quelle delle urine tracce ematiche. Sono in attesa di ulteriori analisi più approfondite anche del fegato.
Ps: lui risente di un fastidio al fianco dx, dovrebbe restare a riposo? Vi ringrazio anticipatamente.

[#1] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
Gentile Signora,
l'angiomiolipoma, diagnosticato inequivocabilmente mediante ecografia e TAC, è una neoformazione benigna del rene che non ha di per sè indicazioni chirurgiche assolute. Nel caso di suo marito, la formazione ha delle dimensioni discrete e può essere causa di fastidio, in particolare in occasione di un sanguinamento, fenomeno abbastanza frequente, che potrebbe giustificare le tracce ematiche nelle urine. In questo caso, a giudizio del nostro Collega che segue direttamente il caso, potrebbero esserci delle prudenti indicazioni all'asportazione con un intervento laparoscopico.

Saluti
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#2] dopo  
Utente 128XXX

Buona sera dottore
La ringrazio per la tempestiva risposta.
In effetti tra qualche mese deve ripetere l'ecografia e in base al risultato si deciderà di intervenire.
Lei ci consigna un consulto con un medico nefrologo in attesa della prossima eco o tac?
Grazie ancora per la sua cortesia Dottore.
Saluti

[#3] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Gentile Signore,
lo specialista di riferimento per questo tipo di problemi è solamente l'urologo e non il nefrologo, che non è un chirurgo ma si occupa unicamente della malattie renali "mediche" (es. insufficienza funzionale, nefriti, ecc.) che non comportano la necessità di interventi di qualsivoglia natura.

Saluti
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing