Utente 412XXX
Salve, vorrei un parere esperto. E' possibile che si verifichi una colica renale come conseguenza di un rapporto sessuale?
Premetto che nell'ultimo anno non ho avuto un'attività sessuale frequente. Quattro giorni fa ho avuto un rapporto non protetto (ma non completo) al quinto giorno di mestruazioni, col mio partner fisso. E' stato piuttosto vigoroso e profondo. Dal giorno seguente ho inziato ad avvertire dolezìa a livello addominale, successivamente focalizzata a livello della schiena e dei fianchi, ad altezza dei reni, e a tratti irradiata anteriormente. Questa si è poi evoluta in dolore, come delle fitte, prevalentemente sul lato sinistro. Oggi è il terzo giorno che avverto questo fastidio, che aumenta quando sono supina o seduta, ma non mi dà problemi la notte.
Ho anche sensazione di gonfiore addominale e nella giornata di oggi non sto andando regolarmente da corpo, mentre non ho bruciore o difficoltà nella minzione. Non ho notato tracce di sangue in feci o urine.
Ho pensato ad una colica renale perchè nel 2009 ho sofferto di un episodio (non conseguente a rapporto sessuale) con dolore simile, a causa di un calcolo di 4 mm, espulso poi spontaneamente. All'epoca ricordo un dolore molto più acuto, tale da provocarmi nausea e vomito, attenuato con iniezioni di Toradol all'occorrenza. In seguito a tale episodio mi fu diagnosticata la presenza di renella.
Vorrei capire se è possibile che questo quadro sia collegato all'attività sessuale e se effettivamente possa trattarsi di un problema renale, o se possano esserci altre condizioni ipotizzabili.
Grazie per la disponibilità.

[#1] dopo  
Dr. Andrea Bottai

28% attività
4% attualità
12% socialità
LODI (LO)

Rank MI+ 44
Iscritto dal 2016
G.le utente,
non è direttamente correlato all'attività sessuale almeno che non ci sia stato qualche sorta di trauma durante l'atto. E lei dice che è stato vigoroso e profondo. Se il dolore persiste, ne parli col suo medico. Difficile fare ipotesi ma escluderei una colica renale da calcolosi renale o infezione delle vie urinarie. Mi faccia sapere. A presto
Dr. Andrea Bottai
Dirigente medico presso Unità di Urologia
Ospedale Maggiore di Lodi

[#2] dopo  
Utente 412XXX

La ringrazio per la tempestiva risposta Dottore, mi muoverò a breve per un controllo, dato che ancora oggi il dolore è presente.
La saluto e auguro un buon lavoro.