Utente 460XXX
Buonasera.
Ho avuto un episodio di forte cistite. Al pronto soccorso mi hanno fatto stick urine con risultato di "tutto 4+". Mi hanno dato ciproxin 500 per 6 giorni. Da analisi sangue leucociti oltre il limite massimo. Da ecografia diagnosi di renella bilaterale. Mi preoccupa il valore elevato di proteine nelle urine. Può esserci in questo contesto di infiammazione/infezione? Grazie

[#1] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
Certamente sì. In questo caso le proteine non sono,di origine renale, ma derivano direttamente dalle cellule che si sfaldano,nell'urina (globuli bianchi, cellule della mucosa vescicale). Il normale esame non è in grado di differenziare. È molto pprobabile che tutto rientri, anche se qualche alterazione sarà ancora rilevabile magari per qualche mese.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#2] dopo  
Utente 460XXX

Grazie dottore, mi sento più tranquilla.

[#3] dopo  
Utente 460XXX

Mi scusi, dottore, ma la presenza di "renella" può aver causato questa cistite, o comunque può dare infezione o irritazione quando transita per le vie urinarie? Prima dell'attacco di cistite ho accusato dolori al fianco e alto addome.

[#4] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Come abbiamo più volte scritto in questa sede, la "renella" è perlopiù una scusa per giustificare disturbi e manifestazioni che non si è in grado di spiegare altrimenti. Noi che abbiamo la consuetudine quasi quotidiana di valutare internamente le vie urinarie per il trattamento di calcoli ed altre patologie, tutta questa "sabbia" più o meno in movimento non la vediamo praticamente mai. Pertanto senza ombra di dubbio è errato tirar in ballo questa fantomatica tempesta per giustificare infiammazioni ed infezioni. Altra cosa è la presenza di piccole calcificazioni della superficie interna del rene (ben adese ed incapaci di dare disturbi) ovvero il passaggio di piccoli calcoli veri e propri, che possono scatenar dolore anche se le indagini di primo livello (ecografia) non sono in grado di rilevarli. Nelle cistiti intense vi può essere un edema tale della mucosa vescicale in grado di ostruire transitoriamente lo sbocco degli ureteri, pertanto in gradi di mimare una colica renale. Parimenti, il passaggio di un piccolo calcolo nel tratto terminale del'urtere può causare sintomi irritativi del tutto simili a quelli di una cistite. Come vede, la situazione è complessa e solo lo speciialista è in grado di interpretarla con la necessaria sensibilità ed attenzione. Altrimenti si fanno solo delle parole vuote.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#5] dopo  
Utente 460XXX

Grazie dottore, mi ha chiarito le idee. Buona giornata.