Utente 466XXX
Buongiorno,
a causa di un calcolo renale posto all'interno dell'uretere sx sono stato sottoposto lunedi 9 ottobre ad intervento chirurgico di uretroscopia ma il Chirurgo visto che ha riscontrato alcune stenosi ( una nell'uretre ed una seconda nell'uretere) ha proceduto all'inserimento di uno stent tipo JJ per poi rinviare l'intervento di rimozione del calcolo.
Il catetere mi è stato comunque rimosso il giorno dopo l'intervento ma il Dottore mi ha detto di tenere sotto controllo il flusso delle urine.
Ora ho bruciori ad urinare ( urine con parte di sangue) con dolori forti al fianco sx dove è posizionato lo stent e solo grazie ad alcuni antidolorifici riesco a "resistere".
Volevo chiedere se è possibile avere rapporti sessuali considerato che quando ho erezioni ho un pò di bruciore e che una delle stenosi era proprio all'inizio dell'uretra.
Grazie per la risposta.

[#1] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
I disturbi sono compatibili con la presenza dello stent. I rapporti sessuali non sono proibiti, ma potrebbero accentuare i disturbi.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#2] dopo  
Utente 466XXX

Grazie mille Dott. per il celere riscontro.
il mio timore è dovuto alla "strana circostanza" che anche solo l'erezione mi provoca un bruciore e poi pensavo che l'eiaculazione a contatto con il taglio della stenosi nella fossetta navicolare trattata con uretrotomia con lama a freddo potesse causare infezioni o altro.
Calcolando che l'intervento è avvenuto due giorni fa ed il catetere mi è stato tolto ieri reputa preferibile attendere ?
Grazie

[#3] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Beh, se i tempi sono così stretti senz'altro è meglio attendere, diremmo un paio di settimane almeno.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing