Utente 235XXX
Buongiorno, vorrei esporre un dubbio che riguarda la palpazione del testicolo. Ho 38 anni e dopo visita urologica, nel Gennaio 2015 sono stato operata di varicocele sn con eco di controllo nel Settembre 2015, tutto nella norma.
Premetto di essere un soggetto ansioso e pertanto presto attenzione ai segnali del corpo.
Dopo la doccia effettuo la palpazione dei testicoli e mi è sorto un dubbio. Quali zone del testicolo debbono essere palpate? mi spiego meglio.
Bisogna palpare anche la parte posteriore dove c'è l'epididimo? Lo chiedo perché qualche tempo fa mi sono spaventato toccando la coda dell'epididimo (nella parte inferiore, per dare un idea al polo sud diciamo) pensando subito ad un tumore.
Le parti laterali e anteriore sono lisce non sento indurimenti e anche a vista i testicoli non presentato rigonfiamenti o tumefazioni.
Per tornare alla mia domanda quali parti debbono essere ispezionate?
Grazie

[#1] dopo  
Dr. Alessandro Izzo

28% attività
8% attualità
12% socialità
NAPOLI (NA)
CASERTA (CE)
MASSA LUBRENSE (NA)

Rank MI+ 48
Iscritto dal 2016
Caro utente,
la palpazione deve essere rivolta alla gonade (testicolo) e agli elementi intrascrotali, epididimo e deferenti.
A scopo preventivo, viene consigliata l'esecuzione dell'autopalpazione del testicolo.
La prossima volta che si reca da uno specialista si faccia istruire su come eseguire l'autopalpazione.
Cordialità
Dr. Alessandro Izzo
www.studiomedicoizzo.it
dott.alessandro.izzo@gmail.com