Utente 473XXX
Gentilissimi dottori di Medicitalia finalmente dopo diverse prove sono riuscito a porre un quesito che mi sta facendo perdere mesi della mia vita, perché mi sto fissando che ci sia qualcosa che non và in me, praticamente dallo scorso anno ho fatto più attenzione al modo di urinare e agli stimoli che vengono durante l'atto e ho notato che la sensazione che il corpo manda quando deve farti capire che devi andare in bagno ad urinare io la sento direttamente nel pene, lungo l'asta diciamo, quella sensazione che sicuramente gli uomini sapranno di cosa parlo ma che magari in ognuno di noi è di intensità diversa, ma io chiedo prima di tutto se è possibile che lo stimolo "si sposti" diciamo così dalla zona inguinale all'interno del pene e se si in quali casi e poi vorrei chiedere come mai quando urino esce subito senza far passare qualche secondo, cioè non dovrebbero passare pochi secondi di attesa che dalla vescica l'urina attraversi e fuoriesca dall'uretra? cioè mi sembra come se fosse già nel pene e non riesco a trattenerla, scusatemi ma anche se scrivo in modo un po' elementare, i concetti sono quelli e non saprei come scriverli in modo più appropriato, spero di non offendere la sensibilità linguistica di nessun professionista qui, percui ripeto e prego di rispondere a questi due quesiti, se è possibile che lo stimolo si sposti dall'inguine all'asta del pene, visto che non ricordo molto bene se prima era nell'inguine, non ne sono sicuro al 100% e poi come mai quando urino non passa nemmeno un secondo che subito fuoriesce, i vostri pazienti sempre se ne siate a conoscenza quando hanno l'impellenza quanto tempo passa prima che dalla vescica parta e arrivi fino in fuori? non potrebbe essere che la vescica non riesca a trattenersi e si svuoti prima del tempo e lo stimolo arrivi subito sul pene poiché "sosta" lì? ripeto io non parlo di quanto dura una volta uscita io parlo del tempo, cioè dei secondi che intercorrono prima che esca, attenderò le vostre risposte che mi auguro siano esaurienti e complete, scusatemi ancora se ho usato termini poco appropriati ma sto in una situazione non buona perché mi sto preoccupando che ci possa essere qualche problema a livello urologico, vi ringrazio in anticipo, spero di ricevere risposte da diversi medici in modo da confrontare, cordiali saluti

[#1] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
Ovviamente non vi può essere urina nell'uretra prima della minzione, altrimenti sgocciolerebbe via, non essendovi alcun meccanismo anatomico atto a trattenerla. Ci pare che molto semplicemente lei possa avere una qualche forma di irritazione a livello della prostata, in grado di causare una variazione sia nella percezione dello stimolo, sia del passaggio dell'urina lungo l'uretra. Da quanto ci riferisce, crediamo si tratti di una manifestaziine molto blanda, comunque meritevole di attenzione. È opportuno quindi che lei si sottoponga alla visita diretta di un nostro Collega specialista in urologia.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#2] dopo  
Utente 473XXX

Gentilissimo dott. Paolo Piana la ringrazio per avermi risposto, è stato l'unico speravo ci fossero più pareri ma il suo mi sembra molto mirato, mi scuso ancora per la spiegazione ma non sapevo come fare altrimenti non si sarebbe capito il concetto, le chiedo quindi il fatto che la sensazione io la sento poco nell'inguine e più nel pene sia un fatto anomalo? e la prostata infiammata può causare una cosa così? ma come si curerebbe un'infiammazione nel caso fosse così? non è che ci sia un problema a livello neurologico? mi scusi ma mi sto preoccupando la ringrazio molto

[#3] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Invece di porsi tante domande, si faccia visitare da un urologo.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#4] dopo  
Utente 473XXX

ma almeno potrebbe dirmi se c'entra la neurologia? no perché quando un medico evita le domande un paziente potrebbe preoccuparsi, provvederò ovviamente alla visita

[#5] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Non ci pare di ravvedere componenti neurologiche nei suoi modesti disturbi.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#6] dopo  
Utente 473XXX

Gentile dott. Piana, la ringrazio ancora per la sua ulteriore risposta, ma in attesa di porgere le stesse domande ad un urologo dal vivo, le chiedo solo se il fatto che dal momento che io urino, prima che esca, passi quel secondo, massimo 2 sia sempre legato a quella possibile ed eventuale infiammazione che lei ha sospettato, poiché come già detto la sensazione che ho io è che me la trattenga già nel pene e non nella vescica, percui chiedo più o meno mediamente qual è la velocità con la quale l'urina esce dalla vescica e "viaggia" fino all'espulsione? cioè lei essendo medico ed esperto con qualche parametro più o meno potrebbe trovare il problema, capisco anche che uno magari non si mette a contare ma per quello io ho ipotizzato è che la vescica si svuoti prima ancora che arrivi il sintomo e poi si trattenga nel pene e solo allora il mio corpo "mi avvisa" che devo andare in bagno, scusi sa ma sono una persona sensibile e ho paura di avere qualche problema più serio, io lo so che lei mi dirà di andare dall'urologo di nuovo ed è la prima cosa che farò, ma avere più risposte possibili mi tranquillizzerebbe, ho notato che lei scrive al plurale forse si è consultato con altri colleghi? ho visto che ho ricevuto molte visite ma lei è stato l'unico a rispondere, comunque mi scuso per il disturbo