Utente 480XXX
Buonasera! Ho un problema da ormai troppo tempo. Devo andare troppo spesso al bagno, con difficoltà a trattenere le urine, e ciò crea molti problemi sopratutto prima di prendere sonno perchè ogni notte bisogna alzarsi poco prima di addormentarsi. Inizialmente mi svegliavo pure la notte, ma ora non piu' salvo casi eccezionali. Quindi mi rivolsi a un urologo. Feci l'urinocultura e non emerse nulla. Poi feci diverse visite e mi furono prescritte delle pastiglie (non ricordo il nome) per regolarizzare la vescica. Nel frattempo cominciai a non svegliarmi più la notte e pensavo di migliorare gradualmente. Ora a distanza di molto tempo però i problemi sono rimasti e allora sono tornato dall'urologo. Ho fatto l'esame urinodinamico ed è emersa una bassa pressione della vescica e sono stato definito come "ambiguo" tra i valori "ostruito" e "non ostruito". Mi è stata consigliata a questo punto una visita neurologica e la risonanza magnetica che farò tra qualche giorno. Inoltre tra un mese dovrò fare la cistoscopia. Ho controllato la procedura e credo che mi toccherà passare le pene dell'inferno, molto peggio di quanto passato per l'esame urinodinamico. A questo punto i miei dubbi sono 3:
- la mia situazione potrebbe essere grave? L'urologo ha detto che bisogna attendere, quindi non lasciava trapelare ottimismo, mentre l'altro
urologo (quello che mi ha fatto l'esame urodinamico) ha detto che non è grave;
- nel caso mi trovassero un'ernia, la rimozione della stessa è pericolosa? Si rischiano effetti collaterali?
- la cistoscopia è eccessivamente dolorosa? Ho molta paura...

Grazie in anticipo.

[#1] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
Confermiamo che nel suo caso la valutazione diretta endoscopica è l'unico accertamento in grado di fare definitiva chiarezza. Il dubbio diagnostico di una, seppur modesta, malformazione congenita del collo vescicale (stenosi/sclerosi) è piuttosto consistente, soprattutto in assenza di problemi neurologici che a questo punto sarebbero probabilmente già stati evidenziati. La uretro-cistoscopia diagnostica viene oggi perlopiú eseguita ambulatorialmente in semplice anestesia da contatto. Se lei pensa di avere una soglia del dolore molto bassa e si sente già fin d'ora "terrorizzato" (non si preoccupi, è in buona compagnia ...) sarebbe probabilmente il caso di eseguire l'indagine in sedazione. Questo soprattutto perchè la sua scarsa tollerabilità impedirebbe all'operatore di valutare con la dovuta calma ed attenzione. Comprendiamo che centri diversi possano avere atteggiamenti ed abitudini diverse, comunque lei provi a farlo,presente ai nostri Colleghi che l'hanno in cura.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#2] dopo  
Utente 480XXX

Grazie dottore per la risposta e per la sua disponibilità!
Comunque forse mi sono mal espresso ma i problemi neurologici non credo siano esclusi perchè la visita ancora la devo fare (sarà tra 2 giorni). Ma in generale, dovrei preoccuparmi vista la situazione? E nel caso specifico di malformazione congenita del collo vescicale (stenosi/sclerosi), come da lei ipotizzato, si può guarire? Oppure è troppo presto per sbilanciarsi? Grazie

[#3] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
È assolutamente troppo presto per sbilanciarsi. Inizi con la visita allora, poi si vedrà.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#4] dopo  
Utente 480XXX

Oggi ho sostenuto la visita neurologica. Il dottore ha detto che la visita è andata bene e i riflessi sono normali. Inoltre mi ha detto che devo fare la risonanza magnetica nella zona lombo sacrale, e lui crede sia tutto ok, molto probabilmente (parole sue). A questo punto si presume che tutto dipenderà dall' uretro-cistoscopia. Lei cosa ne pensa? Comunque grazie dottore per la disponibilità.

[#5] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Infatti, solo dopo l'endoscopia si potranno tirare le conclusioni.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#6] dopo  
Utente 480XXX

Salve dottore. Qualche giorno fa ho fatto la risonanza magnetica ed è emerso che il midollo spinale sta bene e che non ci sono ernie.
Il referto dice: "ridotta ampiezza della fisiologica curvatura sagittale dorso-lombare con lieve riduzione dello spazio perimidollare anteriore tra D11-D12.
Note di discoartrosi disidratativa piu' evidente a livello del passaggio dorso-lombare.
Segni di ipertrofia facettale diffusa associata ad ipertrofia dei lig. gialli a livello di L4-L5, con relativa riduzione di ampiezza del canale vertebrale.".
Sono prontamente stato tranquillizzato dalla dottoressa che mi ha fatto la risonanza, la quale mi ha detto che non c'è nulla di grave e che potrebbe bastare la palestra correttiva per risolvere questi problemi. Comunque a breve andrò nuovamente dal neurologo, per esaminare gli esiti.
Oggi ho sostenuto la cistoscopia ed il referto dice: "colon vescicale rilevato. Iniziale quadro di vescica da lotta. Assenza di lesioni endovescicali".
Mi è stato detto che per guarire bisognerebbe effettuare un incisione, ma essendo giovane andrebbe evitata per evitare problemi con l'eiaculazione.
A questo punto non so che fare. L'urologo ha detto che non dovrò fare altre visite in seguito. Praticamente mi sembra di aver capito che non c'è una soluzione: dovrò convivere per anni e anni con questo disturbo oppure ci sono altre soluzioni? Grazie ancora una volta per la sua disponibilità.

[#7] dopo  
Utente 480XXX

Mi sono dimenticato di dirle che mi ha prescritto lo XATRAL 10 mg. Secondo lei, potrei avere dei miglioramenti? Ha effetti collaterali? Grazie.

[#8] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
La terapia riesce in parte ad ottenere il risultato dell'intervento, ovviamnte deve essere assunta continuamente e verosimilmente pr lunghissimi periodi, sempre posto che vi sia un risultato apprezzabile sui suoi sintomi. A nostro giudizio le indicazioni al'intervento dovrebbero essere discusse e meditate un po' di più. Talora è opportuno giungere ad un compromesso.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#9] dopo  
Utente 480XXX

Gentile dottore, sono passati 7 giorni dalla cistoscopia. Sento ancora dei fastidi postumi all' esame. Sento come se ci fosse un nervo costantemente in tiro che fa scattare il bisogno di andare in bagno, anche se posso resistere anche 2/3 ore. Ho preso l'oki le ultime 2 notti (altrimenti era impossibile dormire) e sembra che tale fastidio si plachi per qualche ora. Venerdì ho un' altra visita ma nel frattempo sono preoccupato. Secondo lei è normale dopo 7 giorni? Ho paura casomai sarà perenne.....................
Grazie.

[#10] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
E' normale.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#11] dopo  
Utente 480XXX

Ok dottore, la ringrazio.