Utente 169XXX
Salve a tutti,

Sono un ragazzo di 25 anni.

Vi scrivo perché da quasi un anno ormai avverto una sensazione di dolore (generalmente sordo) e fastidio al testicolo sinistro, che si irradiano all'inguine e spesso alla gamba. Il dolore si attenua molto e, nella maggior parte dei casi, scompare del tutto, quando sono sdraiato o a riposo, ripresentandosi la mattina seguente, ma non immediatamente dopo essermi alzato. Inoltre, noto che, qualche volta, il fastidio si irradia al basso ventre e mi provoca come una sensazione di aria nella pancia. Non si tratta mai di un dolore e fastidio costanti: possono variare nell'arco della giornata e/o scomparire per giorni o settimane. Anche l'intensità varia spesso. Dopo aver effettuato molte auto palpazioni, ho notato che il testicolo è più gonfio e dolente nella parte superiore. Talvolta, avverto anche una sensazione strana di formicolio in varie parti dello scroto. Da un anno a questa parte, non ho mai riscontrato presenza di sangue nello sperma (controllo attentamente di volta in volta, dopo ogni masturbazione).

Sono davvero disperato e ho paura di effettuare un consulto medico per via delle conseguenze che potrebbe avere su di me e sulla mia famiglia un esito drammatico della visita. Va detto che, nel tempo, ho sofferto di molti disturbi (difficoltà nella respirazione, reflussi, dolori allo stomaco, sensazione persistente di nodo alla gola, dolori al petto e/o localizzati in corrispondenza del cuore, capogiri, vertigini...), che mi hanno sempre procurato fortissima ansia e che hanno condizionato la mia vita su tutti i fronti. Tutti questi problemi si sono sempre risolti da soli, andando via e ritornando di tanto in tanto. La paura è quella di stare molto male, di soffrire e far soffrire chi mi sta intorno, di non trovare una cura, di morire. Per questo non ne parlo mai con nessuno e mi limito ad aspettare, anche se spesso valuto l'idea di agire tenendo all'oscuro tutti.

Aiutatemi, per favore.

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile lettore,

via tutte le sue paure ingiustificate ed assurde, è arrivato il momento di consultare ora in diretta il suo andrologo od urologo di riferimento.

Qui purtroppo le devo ricordare che sempre e solo la visita medica in diretta rappresenta il più importante strumento diagnostico per poterle dare un’indicazione diagnostica e poi terapeutica corretta e che i consigli forniti via internet vanno sempre e solo intesi come meri suggerimenti clinici e di comportamento.

Un cordiale saluto.
Giovanni Beretta M.D.
http://www.andrologiamedica.org
http://www.centrodemetra.com

[#2] dopo  
Utente 169XXX

Gentile dottore,

La ringrazio per la risposta.

Ho omesso un particolare nel testo precedente, e cioè che prima di settembre non rientrerò in Italia (mi trovo in Vietnam per lavoro, al momento).

Su due piedi e sulla base dei sintomi descritti sopra, quale pensa che teoricamente potrebbe essere il problema? Dimenticavo di aggiungere che, proprio non in corrispondenza di questo supposto rigonfiamento nella parte superiore del testicolo sinistro (nell’epididimo?), sento un insieme di vene decisamente più sporgenti rispetto a quelle destre, anche se visivamente non sembra esserci nessuna anonalia. Inoltre, avverto come qualcosa di molle attorno al testicolo, non presente dall’altro lato.

Mi sembra di stare impazzendo.

La ringrazio in anticipo per la disponibilità.

[#3] dopo  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile lettore,

epididimite? varicocele? altro ancora!

Detto questo le ricordo che anche in Vietnam ci sono bravi ed esperti urologi.

Se poi desidera comunque avere altre notizie più dettagliate su eventuali problemi di natura andrologica che interessano i giovani uomini le consiglio di consultare, se non ancora fatto, anche l’articolo pubblicato sul nostro sito e visibile all'indirizzo:

https://www.medicitalia.it/minforma/andrologia/196-prevenzione-andrologica-eta-pediatrica-puberale.html

Qui potrà trovare tutte le raccomandazioni, date dal National Cancer Institute statunitense, su come fare correttamente l'autopalpazione del testicolo.

Un cordiale saluto.
Giovanni Beretta M.D.
http://www.andrologiamedica.org
http://www.centrodemetra.com