Utente 484XXX
Salve, sono Michele 29 anni e da circa un mese sto impazzendo per vari specialisti ma nessuno e ' abbastanza esplicito nel dirmi quale vera patologia ho, o meglio se e' veramente necessario ricorrere all' intervento chirurgico adesso o no. Vi racconto velocemente la mia situazione, sin dall' eta' pediatrica ( raccontato dalla mia mamma) ho avuto leggermente il testicolo SX piu' grande dell' altro ma il pediatra gli diceva che non era nulla di grave e che non doveva preoccuparsi, io ricordo che a partire dall' eta' adolescenziale sentivo il testicolo SX rientrare dopo dei piccoli fastidi ma nulla di che. Col passare degli anni notavo che dopo aver fatto qualche piccolo sforzo sentivo un fastidio che durava per qualche giorno o qualcosina in piu' ( non ricordo bene ) ma non ci facevo caso e non avevo intenzione di farmi vedere da uno specialista anche perche' mettendo degli slip abbastanza stretti il fastidio veniva meno. Premetto che non ho mai praticato sport di continuo ( non sono uno sportivo) e lavoro in ufficio come impiegato da circa 14 anni. Sono sposato da 2 anni e sono papa' da circa 6 mesi, all' inizio dell' anno corrente mi e' venuto il solito fastidio ma stavolta e' durato piu' di qualche giorno ( presente ancora tutt' oggi in modo sporadico) e finalmente ho deciso di rivolgermi da un Chirurgo Generale convinto si trattasse di Ernia Inguinale. Spiego un po' la situazione al medico, mi chiede di tirare giu' i pantaloni e la prima cosa che mi dice e' " ma l'ernia e' piccolina", ( considerando il fatto che ho notato una leggera tumefazione nel basso addome sinistro ma non proprio cosi' in giu' come dovrebbe esserlo per un ernia), continua dicendomi che potrebbe esserci dell' altro e di fatti riscontra la presenza di Idrocele nel testicolo SX dicendomi che con un unica operazione si potevano sistemare entrambe le cose ( Ernia Inguinale + Resezione e Chiusura Detto Peritoneo Vaginale) ; la visita la effettuai di Sabato pomeriggio , poteva operarmi il Martedi' successivo! e qui entro nel panico!! non sapendo nulla del mondo del bisturi ( grazie a Dio) sapendo di dovermi operare dopo qualche giorno persi l' appetito, il sonno , problemi di digestione, ansia, bocca aspra e chi piu' ne ha.... non convinto contatto un altro Specialista, concordo la visita dopo un paio di settimane e mi faccio visitare, senza Ecografia tastandomi il Testicolo e facendomi fare dei colpi di tosse mi dice che l' Ernia non c'e' e voleva delle Ecografie complete della zona Addominale e Scrotale perche' quelle del primo Chirurgo non erano chiare. Mi rivolgo ad un centro Ecografico, mi dicono che non ho nessun Ernia ma solo Idrocele nel testicolo SX. Non contento mi rivolgo all' Urologo spiegando tutta la situazione e mi dice facendomi un Ecodoppler che bisogna chiudere chirurgicamente questo canale, mi dice anche che se non lo faccio non succede nulla xche il mio lavoro e' sedentario ma e' consigliabile farlo per una prospettiva sul futuro. Aiutatemi grazie!

[#1] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
In effetti, se lei è arrivato alla trentina senza problemi importanti, diremmo che la posizione dell'ultimo specialista da cui è stato visto potrebbe essere condivisibile. A distanza e nell'impossibilità di una valutazione diretta non si può comunque dire molto di più.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#2] dopo  
Utente 484XXX

Grazie Dottore , mi sono tranquillizzato molto perche' ho capito che non si tratta di una patologia grave ne tanto meno da risolvere con tempestivita'. Le chiedo un ultimo consulto; il primo Specialista voleva operarmi per via Inguinale sistemando l' Ernia ( che non c e' o non si vede ) e l' Idrocele, perche' secondo lei?

[#3] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Ogni specialista vede le cose a modo suo, è quasi ovvio che un chirurgo generale ragioni in un modo diverso da un urologo.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#4] dopo  
Utente 484XXX

Grazie ancora Dottore, quello che le chiedo infine è: ma questo fastidio che ho da circa 2 mesi può nuovamente scomparire come d’altronde ha sempre fatto nel corso della mia vita o è possibile che la situazione sia peggiorata e devo tenermi questo fastidio fin quando non decido di farmi operare? Può essere infiammato questo canale e quindi causare più problemi anche a causa delle temperature, cambio stagione? ( perdonate l ignoranza nel settore) . Grazie e buona giornata.

[#5] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Se il fastidio persiste e si conferma che sia causato dall'idrocele comunicante, ovviamente dovrebbero essere riconsiderate le indicazioni operative.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#6] dopo  
Utente 484XXX

Va bene dottore, quali potrebbero essere le complicanze oltre al fastidio nel caso decidessi di posticipare l’intervento? Comunque sia devo rivolgermi a un Urologo visto che non ho Ernie per l’intervento? È doloroso? Che tipo di anestesia verrà effettuata? Lavorando in ufficio quando potrò riprendere l’attività? Le giuro che dopo tutte queste domande non la disturberò più! Grazie !!

[#7] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Una volta definita inequivocabilmente la diagnosi, l'idrocele resta una patologia assolutamente benigna, in cui l'0unico problema vero è il fastidio, l'impaccio ed il senso di peso che può cagionare. In questi casi, la correzione chirurgica è consigliabile. In caso di idrocele comunicante è necessaria qualche attenzione in più dal punto di vista chirurgico poiché deve essere isolata ed occlusa la comunicazione tra scroto e cavità addominale (peritoneo). Di per sè l'intervento è fra i più semplici nel repertorio dell'urologo, viene ordinariamente eseguito in anestesia periferica ed in ospedaklizzazione diurna (day hospital). Il post-operatorio non è in genere particolarmente fastidioso, quasi sempre si instaura una certo gonfiore del testicolo operato che va poi gradualmente a risolversi nell'arco di alcune settimane. Una attività lavorativa sedentaria può generalmente essere ripresa alcuni giorni dopo l'intervento.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#8] dopo  
Utente 484XXX

Grazie infinite Dottore per la sue celeri, dettagliate e professionali risposte datomi; per Anestesia Periferica si intende Locale? perche' leggevo sul web che viene effettuata la Loco-regionale ( spinale ). Quindi il giorno successivo dall'intervento non si puo' andare a lavoro? per via del dolore o del gonfiore come lei ha scritto? per quanto riguarda il dolore post-operatorio e' sopportabile? stando in una posizione seduta o sdraiata si trova sollievo? Buona Giornata.

[#9] dopo  
Utente 484XXX

Dimenticavo Dottore, quindi rivolgendomi ad un Urologo puo' risolvermi il problema senza dover ricorrere ad un Chirurgo Generale? o meglio; chiudendo questo Dotto senza mettere la rete per l' Ernia ( che non si vede Ecograficamente ) in futuro non avro' problemi di Ernia ?

[#10] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Anestesia spinale.
2/3 giorni di riposo
La competenza è urologica, se non vi è necessità di correzione di ernia inguinale
Il dolore non è sopportabile pochi sopravvivono ...
... ma stia sereno perbacco !!!
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#11] dopo  
Utente 484XXX

Ahahah mi perdoni Dottore!... cmq è molto contagioso questo sito!... ma con la Spinale si perpe completamente la sensibilità delle gambe? Essendo un intervento dalla durata di circa 20 minuti l’effetto della Spinale durerà 2 - 3 ore oppure no? È normale Dottore che se faccio qualche sforzo sento qualcosa di strano sotto, è collegabile la cosa? Ed infine le chiedo questo: secondo il suo punto di vista può regredire nell’arco dei 6 mesi questo fastidio diventato quasi continuo? Xche il testicolo SX è leggermente più gonfio del DX, non è enorme... non vorrei accelerare una procedura che può attendere.

[#12] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
L'effetto dell'anestresia spinale dura appunto 2-3 ore.
I sintomi sono compatibili.
Le abbiamo già ripetutamente scritto che le indicazioni all'intervento sono proporzionali al predurare ed all'intensità di eventuali disturbi.
pensiamo di aver esaurito il nostro compito come valutazione a distanza, ora si affidi alla imprescindibile valutazione diretta di un nostro Collega.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing