Utente 451XXX
Salve,
Sono un ragazzo di 23 anni, vi spiego sinteticamente gli accaduti. Lo scorso Gennaio ho iniziato ad avvertire dei fastidi durante le erezioni e i rapporti (come tirare) nella zona del basso testicolo destro, li dove penso siano i canali che trasportano il liquido seminale, induriti nei momenti di fastidio. Dopo un paio di settimane il fastidio si è trasformato in una forte infiammazione all’intero testicolo (facevo fatica a camminare, stare seduto, avevo sensazione di pesantezza e il testicolo era sensibilissimo) tant’è che ho fatto un ecografia scrotale (non da un urologo) dalla quale sembrerebbe emersa un epididimite in fase calante. Tranquillizzato ho preso solo antidolorifici finché il dolore sembrava del tutto superato. Il problema è che è rimasta una forte sensazione di sensibilità al testicolo accompagnata da momenti (soprattutto legati all intensa attività sessuale) di dolore o fastidio nella zona da dove tutto è partito. Mi sono dunque fatto visitare per la prima volta da un urologo circa 1 mese fa, che mi ha fatto una seconda ecografia dicendomi che avevo solo ancora qualche strascico dell’epididimite ma senza per nulla preoccuparsi di dove effettivamente provo dolore, ossia nel basso testicolo. Poiché non è stato granché capace di spiegarmi ne la possibile natura dei miei fastidi, ne i motivi della loro lunga permanenza, ne la loro genesi, vi scrivo per avere qualche informazione in più. L’urologo mi ha anche fatto un ecografia prostatica sovrapubica e non ha ritenuto necessaria l’esplorazione rettale.

[#1] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
In questi casi la valutazione diretta è essenziale, pensiamo di poter aggiungere ben poco a quanto rilevato direttamente dal nostro Collega. L'epididimo è una struttura anatomica molto delicata e sensibile. Non è raro che infiammazioni acute lascino strascichi o comunque situazioni di sensibilità accentuata anche per lunghissimi periodi. Se ci fossero altreazioni più importanti è molto probabile che queste sarebbero state evidenziate al controllo diretto ed ecografico. In liena di massima le confermeremmo quiundi per ora di stare tranquillo e quantomeno non sollecitare eccessivamente la parte con una attività sessuale troppo intensa.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#2] dopo  
Utente 451XXX

Gentile dottore,
La ringrazio per la risposta. Pensa di escludere invece che il fastidio (localizzato nel basso testicolo) possa in qualche modo essere legato a qualche forma di infiammazione prostatica?

[#3] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
In linea di massima no, anche se solo la valutazione diretta potrebbe dirimere il dubbio.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#4] dopo  
Utente 451XXX

Perfetto grazie.
Un ultima perplessità: quella sensazione di tirare (come una spilla) che ogni tanto sento localizzata nella parte bassa del testicolo durante i rapporti è legata sempre all’infiammazzione (o comunque ai suoi residui) dell’epididimo? Nel senso che è una tipica conseguenza?
RingraziandoLa ancora per la pazienza,
Le auguro una buona serata

[#5] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
E' possibile.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing