Utente 391XXX
Salve,
scrivo per mia madre di 84 anni, avente dei polipi vescicali,
ha subito già tre interventi alla vescica e adesso ne deve fare un quarto,
l’ ultimo risultato della cistoscopia è il seguente: Agevole introduzione del cistoscopio flessibile, presenza di multiple neoformazioni papillari sul fondo e parete laterale dx.
Mentre l’ esame istologico della volta scorsa è il seguente:
neoformazioni vescicali.
Formilina:
alcuni frammenti, il maggiore di cm 1, di colorito grigiastro, del peso di g1 in toto.
Diagnosi
Carcinoma uroteliale di basso grado ( G2) non infiltrante il connettivo sottoroteliale.
Non evidenza di tonaca muscolare propria.
G2 stadiazione sec. TNM 8° edizione pTa.
Volevo sapere maggiori informazioni a riguardo.
È normale che si riproducono ogni tre mesi i polipetti? e cosa altro più si potrebbe fare?
Grazie e cordiali Saluti.

[#1] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
La malignità si questi “polipetti”(si tratta comunque si un carcinoma a tutti gli effetti), più che nell’infiltrazione profonda, sta nella elevata possibilità d ripetizione in punti diversi della vescica. La prima possibilità,di trattamento efficace sta nel controllo endoscopico frequente con rimozione delle recidive quando sono ancora di piccole dimensioni. Si può anche effettuare una chemioterapia locale con lavaggi,vescicali (installazioni)di mitomicina c oppure bcg, a scelta dell’urologo curante.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#2] dopo  
Utente 391XXX

Salve,
e come vengono effettuati questi lavaggi vescicali? cosa viene installato?
grazie.
Saluti

[#3] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Si defiscono "instillazioni" endovescicali (ci scusi il refuso) e si utilizza, come abbiamo già scrtto, la Mitomicina C o il BCG (Bacillo di Calmette-Guerin), ovviamente a discrezione dello specialista in base alla situazione specifica.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing