Utente 252XXX
Gentilissimi Dottori,
Lo scorso dicembre dopo essermi recato al P.S. per una forte colica renale, per ovvi motivi sono entrato nel circolo di controlli a riguardo.
Dopo essermi sottoposto ad un trattamento di Litotrissia ESWL per la frantumazione del calcolo l'urologo mi ha prescritto l'assunzione di Lithosolv in granulato un misurino la sera dopo cena.
Nei successivi controlli mi sono state diagnosticate altre presenze di calcoli. ( 5mm calice post sup, 8mm calice post inf, 4mm calice ant inf) Ma destare preoccupazione era una calcolosi all'uretere pielico sx e conseguente idroureterosi e così sono stato ricoverato e sottoposto con una certa urgenza ad una bonifica della suddetta calcolosi ureterale sinistra. Al termine della procedura mi è stato posizionato uno stent ureterale DJ sin 6F di 24 cm. che ora ho tolto.
Ma veniamo al mio quesito; Nel frattempo ho fatto analizzare il calcolo, che è formato da "Fosfati e carbonati di calcio" e mi sorge la domanda se posso continuare ad assumere il Lithosolv.
Attualmente ho il Ph delle urine a 6

Grazie del tempo dedicatomi
Cordiali Saluti

[#1] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
Il prodotto di cui ci riferisce è indicato per rendere le urine meno acide, situazione utile a tentare di ridurre o dissolvere i calcoli di acido urico. Pertanto, avendo accertato che il calcolo non è composta da acido urico, bensì da fosfati, le indicazioni ragionevolmente tendono a decadere. D’ogni modo, è opportuno che su questo tema si confronti con il Collega che le glielo ha consigliato. Per il resto, lei non ci fornisce indicazioni su posizione e dimensioni del/dei calcolo/i prima del trattamento. Ora ci parrebbe però necessario decidere come comportarsi nei confronti di quanto è ancora presente nel rene, prima che qualcosa si sposti e lei si ritrovi punto e a capo.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#2] dopo  
Utente 252XXX

Grazie Dottore, il calcolo che ho trattato con ESWL onde d'urto extracorporea, che ora non c'è più, era al livello del rene sinistro 7mm.
L'altro calcolo che anche questo mi è stato tolto 20 giorni fa era di 8mm. ostruente (IDUN SX) in uretere pelvico sx.

Mentre ancora in posizione sarebbero i seguenti calcoli:
-Formazione litiasica di 5mm diametro in corrispondenza del calice postero-superiore sx.
-concrezione di analogo significato di 8mm in corrispondenza del calice inferiore dello stesso lato.
-A sx altra formazione litiasica di 4mm diametro a livello del calice anterioredel medesimo gruppo caliceale.

Questo è quanto riportato nei referti dell'ultima urotac.
Grazie ancora e Buona Serata

[#3] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
L’esperienza ci porterebbe a pensare che il trattamento ESWL, più che la frammentazione del calcolo, ne abbia causato in qualche modo lo spostamento in uretere e quindi la sua migrazione fin dove le condizioni locali lo hanno permesso. Gli altri calcoli tuttora presenti all'interno del rene parrebbero piú periferici, ma considerata la sua giovane età forse sarebbe meglio cercare di liberare ancora un poco la piazza, per evitare future soprprese. Dipende peró molto dalla sua propensione al fatalismo, piuttosto che al timore, ed ancora al suo stile di vita. Come sempre ripetiamo in questa sede, vi sono categorie professionali che perdono immediatamente le loro abilitazioni non appena viene scoperto anche il più piccolo dei calcoli. Parliamo ad esempio di piloti d’aeroplano professionisti, oppure militari in missione operativa, ovvero soggetti che non possono rischiare di incorrere in una colica renale.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing